Briscolone Club

Commenti (60) -

pasi

Il giorno è stabilito : 14 SETTEMBRE .
Manca tutto il resto .
L' incaricato Pile dovrà prenotare , in tempi ragionevoli si prega di aderire o meno .
Allo stato attuale risultano iscritti :
Gerets , Mister , Mendy , Pile .
Idee per il programma a corollario ?

Buonanotte !

Apro con piacere il primo commento del nuovo post fatto dal Mister in emergenza causa la troppa velocità di visionare il blog del suo computer.
Il Principino dovrebbe prendere esempio;
se al Zappello (quartiere di Ripalta)si riesce ad usare Internet seppur con velocità di lumaca, siamo sicuri che a Capergnanica grande comune di oltre 2000 abitanti non è possibile?
Chiedo un intervento del nostro socio Umbe e mago della tecnologia moderna, di verificare l'eventualità di una modifica da installare a casa Principe per sopperire a questa grande mancanza.

Non preoccupatevi se sto scrivendo a cosi tarda ora.
Purtroppo mi è toccato un compito un po scomodo da fare per il M.C.C.
In due mesi di tempo al nostro club ci sono stati due lutti, uno per malattia incurabile anni 62,
l'altro per un banale incidente 32 anni con motocicletta a Crema in via stazione.
ho preparato una lettera con foto allegate da inviare ad un giornale mensile della Federazione Motociclistica italiana, che pubblicherà nel prossimo mese.
Ho dovuto però elaborare le fotografie cosa non facile per un principiante come me, ma alla fine ce l'ho fatta.
Aver preparato le oltre 200 foto del Briscolone Club per il sito, mi ha aiutato molto ad imparare qualche piccolo trucco di elaborazione.
Ho notato con molto piacere nel precedente post che l'amico Mendy è ritornato vivo sul Blog mi sembra abbastanza in forma, di sicuro non ci deluderà.

Sappiamo tutti che il pelo di marmotta tira...., ma alla fine l'elastico bisogna lasciarlo andare, potrebbe rischiare anche di rompersi, proprio adesso sarebbe un guaio irreparabile.
Quindi meglio lasciare un po di spazio anche per il Blog e gli "AMICI" chi alla lunga pagano sempre bene E NON DELUDONO MAI.
Prepariamoci dunque per il nostro Dendella day, il numero dei partecipanti non è la cosa principale da tener conto e come si diceva da bambino:
chi ghè ghè chi ghè mia gatc.

Mendy

Le marmotte (Marmota, Blumenbach 1779) sono un genere della classe dei Mammiferi dell'ordine dei Roditori.

Il genere Marmota comprende le seguenti specie:

Marmota marmota - marmotta alpina
Marmota monax - QUELLA CHE TIRA DI PIU' A VENEZIA
Marmota olympus
Marmota caudata
Marmota camtschatica
Marmota menzbieri
Marmota baibacina
Marmota bobak
Marmota sibirica
Marmota himalayana
Marmota vancouverensis
Marmota broweri
Marmota caligata
Marmota flaviventris

Il letargo
Si tratta di animali dalle abitudini estreme, in grado di vivere e riprodursi in un ambiente inospitale come l'alta montagna, dove si può trovare tra i 1.500 e i 3.000 metri di altitudine.

Durante il letargo la loro temperatura corporea scende da 35 a meno di 5 gradi, il cuore rallenta da 130 a 15 battiti al minuto e la respirazione diviene appena percettibile. Le scorte di grasso corporeo accumulate durante l'estate sono lentamente consumate e per sei mesi dormono profondamente. Si svegliano sporadicamente, in genere quando la temperatura all'interno della tana scende sotto i cinque gradi.

Sopravvivere all'inverno è comunque molto difficile.

È stato evidenziato come la socialità sia un elemento determinante per la sopravvivenza. Alcuni dati dimostrano che i cuccioli hanno più possibilità di farcela quando vanno in letargo con i genitori e con i fratelli maggiori.
Quando invece nella tana mancano il padre e la madre oppure è scomparso un genitore, nel 70% dei casi la prole non supererà i rigori della stagione fredda. Quella della marmotta è, quindi, una termoregolazione sociale: più si è, più possibilità ci sono di sopravvivere, soprattutto per i piccoli, che hanno dimensioni che non permettono loro di accumulare un sufficiente strato di grasso prima dell'arrivo del freddo e, per questo motivo, hanno bisogno di essere scaldati dagli adulti. Questi ultimi presentano una maggiore perdita di peso corporeo quando all'interno della tana ci sono i nuovi nati dell'anno.


Difesa del territorio
Le marmotte sono animali territoriali. Grazie alle ghiandole che si trovano nei cuscinetti plantari delle zampe anteriori, sul muso e nella regione anale, emettono una secrezione odorosa che "marca" i confini dei loro territori. Talvolta, però, non basta a tenere lontane altre marmotte. Zuffe e inseguimenti sono il modo più convincente per spiegare agli intrusi che è ora di andarsene. Quando però ad avvicinarsi è un predatore la regola è fuggire. E per farlo in fretta, le marmotte hanno escogitato un sistema efficace: la prima che fiuta il pericolo dà l'allarme e in pochi secondi il gruppo si rifugia nella tana. La tecnica è semplice. La "sentinella" si alza ritta sulle zampe posteriori, nella posizione a candela, spalanca la bocca ed emette un grido simile a un fischio, provocato dall'espulsione di aria attraverso le corde vocali, che secondo gli studiosi è un vero linguaggio. La marmotta è presente in tutto l'appennino settentrionale, ma abbonda sulle Alpi, dove si distingue in sottospecie, come quella Altoatesina. In particolare nella provincia di Bolzano, un dottore famoso in quella zona ha deciso di dedicare la vita ad addestrare una marmotta che aveva trovato in una escursione in montagna. Tuttora vive con la marmotta ed è riuscito anche seguendo corsi particolari ad addestrarla. Questa è dei tanti esempi di come anche gli animali selvatici possano entrare a contatto con l'uomo.


Giovani Marmotte
Le Giovani Marmotte (in inglese: Junior Woodchucks) sono un'organizzazione scout internazionale, appartenente all'universo di Paperopoli dei fumetti Disney. I membri più conosciuti sono i nipoti di Paperino Qui, Quo e Qua, che al suo interno rivestono il grado di generali.

Le Giovani Marmotte furono ideate da Carl Barks nel 1951 per la storia Paperino e l'E.S.S.B. ("Operation St. Bernhard"). Durante la stagione estiva, si ritrovano in un campeggio ad est di Paperopoli, agli ordini del loro capo, il Gran Mogol (che a sua volta risponde ad altri superiori in grado, come il Grandissimo Mogol). Successivamente venne creata anche un'organizzazione femmiinile le Giovani Esploratrici, trai cui membri spiccano le nipoti di Paperina Ely, Emy, Evy.

Le Giovani Marmotte furono fondate da Clinton Coot, figlio del fondatore di Paperopoli. Prima sede del corpo fu Forte Paperopoli in cima alla Collina Amazzamuli (in seguito rinominata Ammazzamotori), prima che Paperon de Paperoni l'acquistasse per costruirvi il suo deposito. Oggi il suo "capo" è Gran Mogol


Mendy

Leggete il pezzo del dottore di Bolzano ...un uomo un perchè.

Pasi, se trovi un padulo in montagna perchè non fai come il dottore di Bolzano e provi ad addestrarlo?

Effettuata la prenotazione presso l'ameno (o apiù) locale.

Proporrei quale programma a corollario quanto segue:

- non trattandosi di ricorrenza religiosa ( Zaccheo viene notoriamente ricordato sul nostro calendario in periodi successivi) ed essendo stata cassata la Messa del Pilastrello proporrei una semplice colazione presso il locale omonimo.

- successiva visita culturale tra le vie di Bergamo Alta sperando questa volta di trovare la strada. A tal proposito il nostro Principe masai dovrebbe dotarci di idoneo mezzo per la corretta navigazione.

- Aperitivo dal Bigio: credo che questo passaggio sia da considerarsi parte integrale della giornata Dentella (Pesenti, Carobbi, Bellavista e anche Buonavventura).

Per quanto riguarda il dopo pranzo tutto dipenderà dall'ora e soprattutto dalle condizioni che ci vedranno all'uscita dal locale...

pasi

Propongo che il Mendy prenda visione dei crash test della Zaffira : l' obiettivo è quello di individuare il posto a sedere più sicuro , e riservarlo al Gerets .
In caso di botto avrà superiori possibilità di sopravvivenza .
Chi meglio di lui può raccogliere foto dei deceduti e lesionati , e scrivere un bel pezzo da mandare all' " Opinione " e " Primapagina " ?
Naturalmente per la fotografia sui necrologi del Torrazzo  ne desidero una con barba nera e capelli lunghi .
Grazie .

Sono anni che sto cercando di addestrare la marmotta di mia moglie , ma con pessimi risultati : ogni tanto va in letargo , e non c' è verso di svegliarla . Forzare la situazione non serve . La temperatura interna è così fredda che ghiaccia tutto .
Tra l' altro Mila si erge a sentinella sulla porta della camera da letto : se esco dalla doccia con intenti  da predatore ( visibili ! ) abbaia come una dannata , si alza sulle zampe posteriori ,  salta  , e cerca di afferrare il giocattolino .
Manca solo che pisci intorno per marcare il territorio e poi sono apposto ...
Alcune volte sono io che mi metto a  " candela  " , sperando arrivi qualcuna a smorzarmi ...
ma rimango acceso tutta notte !
Dovrò chiamare il tipo di Bolzano .

Da ragazzi il  " Manuale delle giovani Marmotte " era come la Bibbia :  lo avevamo tutti .
Si tentava spesso di mettere in pratica ciò che veniva descritto , ma con esiti disastrosi : l' aquilone non volava mai , dal telefono costruito con filo e barattoli non si sentiva un tubo , e il pentolino fatto con la carta andava a fuoco .
Qualcuno ne possiede ancora una copia ?
Verrebbe la voglia di riprovare !

P.S.  Porca puttana , e adesso dove la trovo una marmotta da inserire nel Presepio ??
Già sto faticando per il Masai e Biasion . Ragazzi , datevi una calmata ... non ho più spazio !

Mendy

Rüsselsheim. La nuova Opel Zafira ha ricevuto il massimo punteggio (5 stelle) nelle prove di crash effettuate da Euro NCAP. La seconda generazione della monovolume compatta della Casa tedesca è realizzata sullo stesso pianale della nuova Opel Astra che a suo tempo ha ricevuto anch'essa le 5 stelle.

La nuova Zafira ha ottenuto anche quattro stelle per le soluzioni di sicurezza predisposte per i bambini a bordo e risponde già alla normativa sulla protezione dei pedoni che nell'Ottobre 2005 entrerà in vigore nell'Unione Europea per tutti i nuovi modelli.

«La nuova Zafira offre ai suoi occupanti i più alti livelli di sicurezza» ha fatto presente Hans H. Demant, amministratore delegato di Adam Opel AG, che interpreta questi risultati positivi come un'ulteriore conferma della filosofia seguita da Opel nel campo della sicurezza. «Per noi, la sicurezza attiva è importante quanto quella passiva, perché permette di tenere facilmente sotto controllo le automobili in situazioni di emergenza ed aiuta a prevenire con largo anticipo eventuali incidenti - con soluzioni avanzate come l'autotelaio elettronico IDSPlus e novità assolute come i fari anteriori adattabili AFL (Adaptive Forward Lighting)».

SAFETEC COMPRENDE TUTTE LE SOLUZIONI DI SICUREZZA ATTIVA E PASSIVA

L'ottimale comportamento di Opel Zafira in caso di incidente dipende innanzitutto dalle caratteristiche della nuova scocca. L'energia d'urto prodotta da uno scontro frontale viene assorbita da zone a deformazione predefinita, poste immediatamente davanti alla robusta cellula abitativa. In caso di impatto laterale, la forza d'urto viene invece distribuita su un'ampia superficie della struttura del veicolo. Questa costruzione è la solida base del sistema SAFETEC che comprende tutte le dotazioni possibili di sicurezza attiva e passiva.

Molti sistemi di sicurezza attiva come l'autotelaio interattivo IDS (Interactive Driving System) con controllo elettronico della tenuta di strada (ESPPlus), il controllo di trazione TCPlus (Traction Control), il controllo elettronico della frenata in curva CBC (Cornering Brake Control), l'anti-bloccaggio delle ruote in frenata ABS, l'assistenza alla frenata ed i quattro freni a disco servono a prevenire gli incidenti. In caso di urto, un'ampia rete di dispositivi di protezione garantisce il massimo grado di sicurezza passiva.

Questo è il caso, ad esempio, degli airbag anteriori (frontali e laterali) in corrispondenza dei sedili anteriori e degli airbag laterali a tendina accanto ai sedili delle prime due fila.

pasi

Dopo i bei discorsetti del Gerets propongo una leggera modifica alle proposte del Pile .
Se riusciamo a trattenere per 20 km la voglia di caffè , si potrebbe fare colazione in quel di Caravaggio .
Dopo i sollazzi , un rigoroso silenzio meditativo ci accompagnerà alla visita del Santuario , con preghiera alla Madonna , accensione di ceri , e successivo accesso alle sacre fonti : una volta tanto berremo solo acqua .
Prima di ripartire sarà doveroso fare una discreta scorta di Madonnine di plastica    : le bancarelle per  compere non mancano .
E magari trovo il Panda Cross di Biasion .

Questa sera , alle ore 21 , io e il Pile saremo presenti all' oratorio dei Sabbioni per uno stage di tennis tavolo con birretta finale .
Graditissime ulteriori presenze , atletiche o meno .

P.S . ho provato a invitare pure Ely , Emy , ed Evy , ma vengono solo se c'è il Principe .
E questo neppure legge il blob !

pasi

Che velocità di risposta il Mendy !
Come quando fa sesso .
Quando si è innamorati si spara prima ...

Con tutti quei termini tecnici non  ho capito niente : allora , dove lo mettiamo il Gerets??
Se c' inculano , dietro ?

Mendy

Velocità di risposta.
La velocità di risposta si riferisce alla velocità con cui l’immagine è aggiornata. Se uno schermo ha un basso tasso di risposta, le scene veloci possono causare una “sbavatura di movimento”, per cui le immagini perdono nitidezza e risultano sfuocate.


Innamoramento
L'innamoramento è un complesso di sentimenti e di comportamenti proprio degli esseri umani (ma presente, secondo alcuni[citazione necessaria], anche in individui di altre specie animali) caratterizzato dal forte coinvolgimento emotivo associato a un'intensa attrazione sessuale.


Cause dell'innamoramento  
Le dinamiche alla base dell'innamoramento sono ancora argomento del contemporaneo dibattito scientifico poiché influiscono numerosi fattori, riguardanti una molteplicità di discipline quali la biologia, la psicologia e la sociologia

È tuttavia accertato che possano esistere alcuni fattori che contribuiscono all'innamoramento, tra questi troviamo fattori fisiologici (quali l'odore, la postura, l'aspetto, ecc.), fattori psicologici ed emotivi, fattori sociali.

L'innamoramento provoca solitamente anche modificazioni nell'organismo umano, con lo scopo istintivo di avvicinare i due individui. Sia negli individui di sesso maschile sia in quelli di sesso femminile, infatti, si verificano alcuni cambiamenti a livello ormonale.


In antropologia si definisce coppia cameratesca un particolare modello di organizzazione in un gruppo di due persone, contraddistinto dalle seguenti caratteristiche:

la coppia è costituita in maniera volontaria da parte di entrambi i membri
è basata sugli ideali di intimità, solidarietà, uguaglianza
idealmente nasce in seguito all'innamoramento
il legame dura tutta la vita
assume che l'innamoramento iniziale sia un presupposto indispensabile affinché il legame duri tutta la vita
il legame comporta che da un certo momento i due membri giungano ad una condizione di convivenza
il legame è basato anche sulla speranza di un reciproco appagamento sessuale
il legame richiederebbe l'esclusività sessuale tra i due membri


Amore platonico è il modo in cui comunemente si definisce una forma di amore sublimata, che esclude la dimensione sessuale e passionale.

Questa formula in realtà scaturisce da un contesto filosofico in cui l'amore, inteso come moto dell'animo e non come forma di relazione, viene interpretato come impulso al trascendimento della realtà sensibile, del mondo delle apparenze, capace di muovere la conoscenza verso l'assoluto, permettendo così all'uomo di ricongiungersi con il divino, attuando cioè un processo di indiamento, come illustrato ad es. nel pensiero di Giordano Bruno.

Questa locuzione prende il nome da una teoria di Platone: nel Σύμποσιον (Simposio) Socrate, ispirato da Diotima, parla di Eros (Ἔρος) come di un demone figlio di Pòros e Pènia. Pòros, la ricchezza, aveva fatto innamorare Pènia, ossia la povertà che genera bisogno. Approfittando di un momento di ubriachezza di Pòros, Pènia giace con lui e dalla loro unione nasce Eros, l'amore.

Questo mito mette in luce come Eros, la forza che fa andare avanti il mondo, abbia una natura contraddittoria, che partendo dall'amore delle forme, che porta alla procreazione e alla continuazione della razza umana, lo fa arrivare all'amore della conoscenza, ossia alla stessa filosofia.

Sembra che il termine amor platonicus sia stato coniato nel XV secolo da Marsilio Ficino come sinonimo di amor socraticus. Entrambe le espressioni indicano l'amore diretto alle qualità morali ed intellettuali di una persona piuttosto che a quelle fisiche. I termini si riferiscono al legame affettivo molto speciale che intercorre tra due uomini, maestro e allievo, che Platone aveva descritto nei suoi Dialoghi ed esemplificato dal rapporto tra Socrate e i suoi giovani studenti, in particolare Alcibiade.


Il programma proposto dal socio Pile è buono ma con una variante sola, la modifica del Mister è come una ciliegina sulla torta, quindi approvo.
Mister è meglio che ti rassegni ti addestrare la marmotta di casa, prendi esempio del nostro Principino, lui addestra marmotte di case altrui e il risultato si vede (lo vede) e senza avere cani di guardia.
Per la marmotta da mettere nel presepe io chiederei sempre al Principe, chissà che dal cappello di Miki non esca anche una bella marmotta dal pelo biondo?
Sicuramente esperienze di pubblicazioni per lutti in club ne ho appreso quest'anno, scriverò un articolo a modo, e la foto sarà quella dei tempi migliori.
Tieni conto che il primo schianto del 2008 al M.C.C. è stato proprio del Presidente lato A.
Il Mendy per scrivere con tutto questo entusiasmo è sicuramente innamorato pazzo, era ormai tempo molto lontano che non leggevo commenti di quel genere.
In questo periodo non lo tiene a freno più nessuno a meno che sotto sotto non ci sia qualche altra grande bomba che ci tiene nascosto come fa con la sua metà.
Mi chiedo come già il Mister ha scritto, come mai non invita la sua ormai dolce metà in qualche serata con i soci del B.C.  
Ora ho capito perché ha messo in atto il progetto calo uomo.
Non vuole fare la fine delle marmotte che accumulando grasso in estate passano l'intero inverno in letargo.
Come ben sapete l'inverno da noi è un ben lungo dura circa 6 mesi l'anno, e rimanere tutti quei mesi a sollazzarsi il pisolo 5 contro uno è dura.



Ma il socio Bèla Paol ha forse intenzione di bigiare Dentella?
Non gli deve nemmeno passare dalla mente un'idea di questo tipo, altrimenti ho già un vaso molto rigoglioso di peperoncino multicolore tipo supposta pronto.
Il Principe sappiamo che ultimamente fa il prezioso ma poi cede alle nostre volontà culinarie.
ciao a tutti

pasi

Dopo la benedizione del Gerets penso di rinviare il viaggio  a Gallarate ...
tacitatelo !
Inizio anche a pentirmi di aver sinsigato il Mendy : è fuori controllo .
Qualcuno mi spieghi come in un post denominato  " Dentella " si possa in così breve tempo arrivare ad Alcibiade , passando attraverso Penya e Ficino , intorno al Safetec ed Espuss , tra il Gran Mogol e la marmotta caligata , in sella ai mezzi del Moto Club .
Dimenticavo Eùuttoiov , che manco possiedo i tasti esatti per scriverlo .
Ma per le sue ricerche , non poteva  utilizzare quelle vecchie ma semplici enciclopedie per ragazzi come " Sapere " e " Conoscere " , tanto in voga negli anni fine 60 ?
O al limite , visto l' argomento , i più accessibili libri di Leo Buscaglia , mezzo dei quali Bela Paol creava sconquassi nei cuori delle adolescenti alla fine degli anni 80 ?
Se poi uno riesce pure a inserire il Ms ( velocità di risposta ) , è davvero bravo .
Con la Madonna di Caravaggio diventa super .

Mendy

Eric Gerets (Rekem, 15 maggio 1954) è un allenatore di calcio e ex calciatore belga. Giocava nel ruolo di difensore.

Giocatore  
Gerets giocò per il Rekem, lo Standard Liegi, il Milan (una breve e fugace esperienza), il MVV Maastricht e il PSV Eindhoven, vincendo tra l'altro la Coppa dei Campioni 1987-88, due campionati belgi, sei campionati olandesi e il premio come miglior giocatore del campionato belga (1982). Con le sue 86 presenze è il secondo giocatore di sempre per numero di presenze con la nazionale belga (due gol segnati) con cui è arrivato secondo agli europei del 1980 e quarto ai mondiali del 1986 .


Allenatore  
Come allenatore, lavorò per Lierse, Club Brugge, PSV Eindhoven, Kaiserslautern e Wolfsburg prima di andare al Galatasaray al termine della stagione 2004-2005. Nella stagione 1996-1997 Gerets vinse il campionato belga col Lierse, ripetendosi nel 1998-1999 con il Club Brugge. Vinse il campionato olandese due volte (1999-2000 e 2000-2001) con il PSV Eindhoven. Nella stagione 2005-2006 vinse la Turkcell Premier Super League col Galatasaray. Nel marzo del 2007, il suo contratto è stato prolungato dal club, comunque il suo contratto è stato rescisso il 29 maggio 2007 dopo che il Galatasaray aveva chiuso soltanto al terzo posto in campionato. Il 26 settembre 2007 è stato assunto dall' Olympique Marsiglia, col quale ha firmato un biennale.

Mendy

Giancarlo Pasinato (Cittadella, PD, 20 settembre 1956) è un ex calciatore italiano, giocava nel ruolo di mediano.

Centrocampista di interdizione ma dotato di una velocità esplosiva tale da renderlo estremamente pericoloso nelle incursioni palla al piede. Arrivò all'Inter dopo essere stato acquistato dal Brescia assieme a Beccalossi e fu lanciato subito titolare in linea con il programma di rifondazione della squadra interista all'insegna dei giovani.

Un programma che diede i suoi frutti riportando l'Inter alla conquista del tricolore dopo 9 anni nella stagione 1979-1980. Negli anni successivi allo scudetto Giancarlo trovò sempre meno spazio nella squadra complici anche diversi infortuni.

Con i neroazzurri vinse anche la Coppa Italia nella stagione 1981-1982; abbandonò l'Inter nel 1985.

Tuttavia una carriera che poteva regalargli maggiori soddisfazioni, fu altamente compromessa a causa di un gravissimo incidente stradale in cui il calciatore rimase coinvolto nei primissimi tempi di approdo all'inter dopo le esaltanti stagioni nell'ascoli

Mendy

Roger Mendy (Dakar, 8 febbraio 1960) è un allenatore di calcio e ex calciatore senegalese di ruolo difensore.

Attualmente è un allenatore di calcio giovanile a Montesilvano dove si è stabilito al termine della carriera.

Caratteristiche tecniche  
Mendy era un difensore di discrete doti tecniche, veloce, grintoso, abile nel gioco aereo, qualità questa che gli permetteva di rendersi pericoloso in area avversaria negli sganciamenti offensivi.

Rivelatosi nella squadra più prestigiosa del suo paese, lo Jeanne d’Arc di Dakar, Mendy iniziò la sua esperienza europea in Francia nel 1984 su interessamento di un ex giocatore francese del Monaco e all’epoca dirigente del Tolone, Roland Courbis, che lo volle nella sua squadra avendolo visionato, ricavandone una positiva impressione, già alcuni anni prima in occasione di una tournee della squadra monegasca in Africa. Mendy diventò ben presto uno dei difensori di maggior rendimento e affidabilità del massimo torneo transalpino. Dopo 3 positive stagioni nel Tolone, nel 1989/90 il suo passaggio al Monaco che gli permise di esibirsi anche in Europa. Risale al campionato 1992/93 il suo arrivo in Italia nel Pescara che lo acquistò tramite il suo procuratore Oscar Damiani per un miliardo e 800 milioni con un ingaggio annuale di 350 milioni. In maglia biancoazzurra Mendy disputò le ultime due stagioni della sua carriera per poi stabilirsi definitivamente nel capoluogo abruzzese. È stato il primo calciatore africano a segnare un goal nella Serie A italiana. I tifosi del Pescara erano soliti cantargli il seguente coro: "Più forte di Maradona, più nero di Pelè/ è arrivato fin' 'e qui, Roger Mendy"



Mendy

CIUBECCA
Nato sul sistema arboreo di Kashyyyk, Ciubecca è uno Wookie di 200 anni, che ha servito anche come secondo pilota sul Millennium Falcon. Ciubecca, chiamato anche Ciube, è tenacemente leale al suo amico e capitano, Ian Solo, e i due operano appaiati da anni, nella nebulosa frangia della galassia. Quando Solo si ritrova coinvolto nelle vicende dei Ribelli, è proprio la coscienza immacolata di Ciubecca a convincerlo di continuare a combattere per il bene. Essendo un Wookie, Ciubecca ha una forza immensa; è alto più di due metri, è coperto di una pelliccia di colore fulvo, si esprime con latrati e ululati ed ha un PISELLO DECISAMENTE SOPRA LA MEDIA.

Mendy

Prossimamente gli altri ....
saluti

Mendy

PEPPONE

(ironico accrescitivo di Giuseppe Bottazzi) è il personaggio, perennemente in lotta con Don Camillo, creato da Giovannino Guareschi per una serie di racconti ambientati nella Bassa padana nell'immediato dopoguerra.

Sposato con Maria e padre di cinque figli (Walter, Michele, Marco, Libero Camillo Lenin, Antonio), Peppone è un artigiano (fabbro e meccanico), proprietario della sua piccola officina meccanica (che negli anni del Boom economico diventerà un'autosalone con rivendita di elettrodomestici). Iscritto al PCI, Peppone vince le elezioni e diventa sindaco di un paese della valle del Po (che le trasposizioni cinematografiche hanno poi identificato con Brescello).

Scarsamente istruito ma straordinariamente dotato nella capacità di coordinare i compagni di partito, Peppone riesce molto bene nel suo compito di amministratore, ma sempre con l'aiuto del suo avversario politico. I due, se da una parte sono sempre pronti a litigare, graniticamente convinti della bontà della propria posizione, alla fine riescono poi a mediare e a trovare una soluzione che li mette d'accordo. Nonostante le sue idee comuniste, è credente e a volte lo si vede entrare di soppiatto in chiesa per pregare o donare un cero. In più è un fervente patriota, come si può dedurre dal discorso che fa, ispirato dalle note de "La leggenda del Piave", nel film "Don Camillo e l'Onorevole Peppone". Nello stesso discorso dice di essere nato nel 1899 e di aver combattuto nella Prima Guerra Mondiale. Nello stesso film, in un flashback, si viene a sapere che ha fatto il partigiano e proprio a quel periodo risale il suo primo burrascoso incontro con Don Camillo. Adattamento cinematografico a parte, Peppone e Don Camillo sono coetanei: entrambi classe 1899, entrambi hanno combattuto nella Grande Guerra (Don Camillo era Cappellano Militare), entrambi decorati con Medaglia d'Argento al Valore Militare.

Gli episodi che vengono narrati da Guareschi ci mostrano un personaggio caratteristico, pieno di quella tipica schiettezza emiliana, in parte caricaturale e in parte assolutamente familiare. Nella riduzione cinematografica, Peppone è interpretato dall'attore Gino Cervi. In realtà, il primo candidato al ruolo di Peppone fu lo stesso Guareschi, che però si rivelò immediatamente inadatto a recitare davanti una macchina da presa.

Mendy

SUPERCIUK
è il nome dell'"antieroe" creato da Max Bunker quale nemico del Gruppo TNT. Apparve per la prima volta nel n. 26 di Alan Ford e riscosse immediatamente enorme successo.

Squattrinato e irascibile spazzino, Superciuk possiede la superfiatata alcolica, frutto di continue sbevazzate di barbera e vini meno nobili. La sua caratteristica fondamentale è - o meglio è stata fino ad un certo punto delle sue avventure - quella di rubare ai poveri, accusati di imbrattare le strade ed avere poca cura della pulizia, per dare ai ricchi. Questa singolare situazione è stata alla base di feroci attacchi satirici alla società italiana dei primi anni Settanta, anche se appare attuale ancora oggi. Nel n. 119 viene svelato il suo vero nome: Ezechiele Bluff. Nel n. 143 abbandona momentaneamente i poteri alcolici per dedicarsi ai pomodori alla cipolla agliata. Ritrova il vino più tardi, anche se il personaggio ha perso oggi gran parte della sua originalità e forza. È il protagonista dell'unico cartone animato di Alan Ford: una produzione che tuttavia risente di numerose mancanze nella struttura narrativa - un po' confusa -, nei disegni e nella animazione.

Mendy

PRINCIPE
Il termine principe (femminile principessa), dal latino princeps, indica un membro dell'alta aristocrazia, ma con molte differenze di significato.

La parola latina princeps, affine a "primus", è traducibile come "primo tra pari". Fu stabilito come titolo onorifico per il presidente del senato romano durante la repubblica; l'imperatore Augusto assunse poi il titolo, che prese un significato affine a monarca: lo stesso titolo assegnò ai suoi nipoti, incaricati di amministrare gli affari di stato e le cerimonie religiose durante le vacanze dell'imperatore.

La parola non entrò nell'uso comune per indicare la monarchia se non in età moderna; i re medioevali avevano altri titoli più formali, nella lingua locale e in latino. Prima del XIII secolo "princeps" veniva usato più che altro per tradurre in latino termini autoctoni o come termine generico per un potentato (molti staterelli poi conosciuti come "principati" erano in realtà "signorie").

È ancora nell'uso, sebbene meno comune, il concetto originale di "principe" come termine generico, nel senso di "colui che eccelle"; ad esempio un famoso avvocato può essere chiamato "PRINCIPE DEL FORO".... ma quale foro???

Da Dentella non ci sono mai stato e voglio colmare questa mia grave lacuna. Quindi se sulla zafira c'è ancora un posto, lo occupo io!

Eccomi ritornato alla mia attività quotidiana, dopo 3 giorni di duro lavoro con il M.C.C.
Forse qualcuno di voi questa mattina è venuto alla Coop verso le 11,00 se lo ha fatto avrà detto qualche preghierina poca simpatica trovandosi in mezzo ad oltre 300 moto di tutti i tipi e con il rombo assordante dei motori delle vecchie e nuove due ruote.  
Stupore per Umbe viene da Dentella, finalmente ti sei deciso e con te facciamo 5 adesioni sicure, la Zaffira ha ancora due posti, ma non preoccupatevi carissimi soci se oltrepassiamo il n° di 7 aggiungeremo un'altra macchina, a fare compagnia alla mitica sette posti, l'importante che vi decidiate a dare l'adesione, motivi organizzativi di prenotazione.
Ma è possibile che sono sempre i soliti a decidere per un si?
Cosa vi trattiene ad essere cosi indecisi?
Non abbiate paura delle mogli o morose e fate come il vostro istinto vi guida, venite a passare una domenica rilassata e lontani dai soliti  stress quotidiani.
Ragazzi il Mendy è veramente suonato, l'amore lo ha colpito nella parte superiore del suo corpo, scatenato e incontenibile cosi noi lo vogliamo un buon segno.
E' vero che magari l'altra metà sarà al lavoro mentre lui scrive, ma se trova volontà e tempo sufficiente di distrarsi per informarsi e scrivere cosi tanto sul Blog è segno che tutto va per il verso giusto.
Noi non faremo altro che avere grande pazienza (ANCORA PER POCO) in attesa che si decida non solo di scrive in continuazione cose buone e tante cazzate, ma di far conoscere ufficialmente al Briscolone la sua tanto amata "ELEONORA".
Ma del Zeo non ci scrivi niente?
Dimenticavo lui non scrive più niente, chissà cosa sarà successo?
Vedrò di indagare io in modo approfondito.
E del Curbà cosa ci puoi raccontare?
Forza Bèla Paol, Forza bèla paol.........
Ora vi saluto tutti e ricordo al Mister martedì mattina alle 10,00 al Tennis C.C. ciao
  

pasi

La tattica del Mendy è chiara : sollevare un gran polverone da un lato , per poi svignarsela dall' altro .
Diamogli tempo : sa di essere sulla lavagna dei cattivi , e di vivere nel peccato .
Ma la Zafira ci serve , per cui attendiamo benevoli la  redenzione .
Del resto l' innamoramento richiede un grande dispendio di energie , e provoca anomalie dal punto di vista comportamentale .
Attualmente l' ingegnere è colmo di sostanze chimiche , ma dopo il picco , inizierà il progressivo calo : e non sentirà più le farfalle nello stomaco . E se alla base c'è un sentimento importante , si entrerà in una fase più profonda e complessa , e per molti versi , più difficile .

Noi soci dello zoccolo duro amiamo il Briscolone , e la fase della spinta passionale è stata integrata da un qualcosa di più completo , attraverso fasi tortuose e delicate .
Sarebbe un errore creare un immagine immobile del nostro gruppo , e non accorgersi che è cambiato . Non diamo per scontato di conoscerlo , e non smettiamo di essere curiosi di scoprire chi abbiamo accanto .
Il nutrimento è la costante volontà di rinnovarsi .

Sinceramente mi sono un pò stancato di andar in cerca di pecoroni smarriti .
Tutti sanno dove si trova l' ovile , e le porte restano sempre aperte .
Come pastori , caro Gerets , dobbiamo dare fiducia ai nostri soci ; e se il loro pelo non è proprio candido , accettiamoli con un pò di cacca addosso .
Comportamenti da " merdaccia " li hai avuti pure te in passato .
Vuoi che apro l' archivio ?
Lasciamo perdere , c'è stato l' indulto .

Nella combriccola del Dentella day diamo il benvenuto al mago Umbe , sperando non resti deluso . Ma il gran chiasso che facciamo trae semplicemente origine dal passare una giornata in compagnia , più che dal luogo , o dalle stelle ( e stalle ) della trattoria .
Bela Paol non è il tipo che si faccia influenzare nè dalla moglie , nè da noi : per cui stare da una parte o dall' altra sarà accettato serenamente .
Nella lavagna dei cattivi lo spazio non manca .
Il Principe del foro davanti spero stia lavorando in questo senso ... sarebbe preoccupante saperlo trabascare altrove . Se va a trombare , bene , altrimenti è logico pensare che si aggreghi alla truppa .
Peppone  l' ultima volta era presente , per cui cercherà di esserlo di nuovo , studiando attentamente il suo sistema prioritario organizzativo .
La logica del Curbà non è comprensibile a noi umani... e magari uscirà con l' idea di organizzare  il family day del briscolone per il 14 .
Ciubecca pare disperso nella Galassia , e Superciuk così brillo da non trovar più la via di casa .
Il Zeo spera che siamo intelligenti per capire , ma noi siamo tonti e non capiamo : e se il silenzio vale più  mille parole , due righe ne valgono diecimila .

Due righe per il Mendy ?
Taglia e incolla sto cazzo !

pasi

Da ragazzo ero un mediano d' interdizione , ma i piedi erano buoni . Ottima la velocità palla al piede , e classiche le incursioni centrali . Sulla fascia arrivavo fino al fondo , dove effettuavo  pericolosi cross a rientrare , sia sul primo , che sul secondo palo .
Naturale l' accostamento al giocatore Pasinato , nel tempo in cui era all' apice della carriera .
Iniziò il mio allenatore di allora , seguito dai compagni di gioco . L' abbreviazione " Pasi " è perdurata negli anni , in quanto ho mantenuto le stesse caratteristiche di allora .
Pure la moglie mi chiama Pasi : velocità esplosiva ?


pasi

L' ingegnere si presentò ad una preparazione estiva con una forte abbronzatura integrale , e sotto la doccia un nostro compagno esclamò : " sa l'è nigre !! "
L' accostamento con il giocatore Mendy , che allora scarponava nel Pescara , fu naturale .
Meno nobilmente di un mediano , il nostro Mendy interdiva sulla fascia da terzino : dotato di ottima velocità , cercava progressioni laterali , ma con la palla al piede pasticciava e rallentava .
Negli sganciamenti senza cuoio veniva spesso ignorato dai compagni , poco fiduciosi sulle capacità di cross .
La gittata era corta e debole , e a memoria d' uomo non si ricorda di un suo traversone arrivato sul secondo palo . In compenso , dava molto lavoro ai raccattapalle .
Non ha mai segnato in vita sua , se non nella sua porta .

Il nonno cercava di giocare a calcio , ma non  c' entrava  niente con questo sport : l' accostamento con il giocatore Gerets è di natura prettamente fisica , in quanto munito di barba e vagamente assomigliante .

Abbiamo ognuno limiti delle nostre capacità, e siamo capaci o meno a praticare attività sportive e non, nel lungo cammino che ci riserva la vita.
Ho cercato di dare il massimo in tutto e anche nello sport e conoscendo i miei limiti l'ho pratico al mio livello cercando di ben riuscire ottenendo il massimo divertimento.
Sono passato dal Principino, e come già si è dimostrato ultimamente mi sembra che tiri la corda per il verso contrario.
Alla domanda della sua adesione per Dentella day, mi ha risposto con un NI.
Non sono sicuro al 100% forse vado a Monza.
Dopo una risposta di quel genere ho pensato:
Preferisce forse andare a vedere il gran premio a Monza che venire con i soci del Briscolone?    
Come già il Mister ha ricordato diamo sempre fiducia ai nostri soci e attendiamo fiduciosi ciao.  

pasi

Caro Gerets
magari il Principe è ben accompagnato .
In ogni caso la formula uno ha il suo fascino , e le occasioni per vedere i bolidi non sono molte .
Sarebbe triste averlo con noi , ma col muso lungo .
La nostra parte è stata fatta : anzi , una data di Agosto era stata posticipata per favorirlo .
Consiglio ? Non insistere .
Comunque sei tu che lo vedi più spesso ; e se interpreti in modo negativo alcuni segnali , penso sarai d' accordo .
T ' invito a seguire la linea della fiducia : i soci conoscono gli indirizzi , i numeri di telefono , le coordinate del sito per mettersi in contatto con i presidenti , o altri membri .
Informazioni e pubblicità sono state fatte .
Purtroppo è molto faticoso trovare date che soddisfino tutti ,
e malinconico quando manca un pezzo del nostro gruppo .

Non è che si deprime quando ti vede arrivare alla nuova REA ?
Magari lo prendono in giro perchè frequenta i pensionati .
Invito i soci Pile e Mendy a sostituire l' ambasciatore Gerets : passare dal Bianco possibilmente accompagnati da colleghe o dipendenti .
Magari tettone .

"Giudicare" non è un verbo che mi si addice.
E' un atteggiamento che detesto quello di chi si assurge a dispensatore di sentenze.
Così mi resta un pò di amaro in cuore quando tra le parole scritte o dette affiora tale sottile, certamente innocente, voglia.
Si, perchè la tentazione di dire, meglio, di dare, giudizi è sempre davvero forte.

Ci si vede domenica.

Stasera Giove fa da cappello alla luna e nel cielo già si fanno strada le costellazioni autunnali. Provate domani a cogliere anche "sulla terra" i segni di questo inarrestabile divenire. Che è pure il nostro.

Il mio non era un giudizio, forse mi sono espresso male, ormai da tempo mi pongo una domanda, senza riuscire a trovare la giusta risposta.
ciao a domenica

pasi

Come Briscolone abbiamo passato rigidi inverni , tuttavia abbiamo saputo trovare sufficienti risorse per assistere al disgelo .
E' bello veder spuntare gemme .
Siamo reduci da una splendida stagione , ma nell' aria si avvertono increspature autunnali .
Il Dentella day non sembra nascere con buoni auspici .

Parole dette o scritte possono essere pericolose .
A volte il problema è interpretarle .
A volte si capiscono benissimo .

Se ti senti dare dell' ignorante magari poi ti spiegano " nel senso che ignori " .
Ma spiegazioni razionali non sempre convincono i nostri sentimenti .

C'è una massima il cui senso dice pressapoco così : per chi parla poco o niente può sempre sorgere il dubbio che si tratti di un tonto ... ma il dubbio rimane .
Ma per chi chiacchera tanto , spesso manco rimane quello !
Avrete notato che scrivo molto sul blog ...

Comunque non mi preoccupo : corro il pericolo di risultare detestabile .
Sinceramente non lo so a cosa , o a chi , si riferissero esattamente le parole di Paol ,  e se il senso fosse generale o specifico  : il povero Gerets si è sentito parte in causa . Evidentemente neppure io mi sento tranquillo con la coscienza .
Ottimo ! Se ancora ci sono veli di omertà e ipocrisie ben venga la possibilità di superarle .

Caro nonno , se hai dubbi irrisolti , perchè non chiedi ?
Non è che prendi le cose troppo seriamente ?
Non mi pare che abbiamo contratto un matrimonio con il briscolone .
Ti danno fastidio le corna ??
O il problema è che non siamo troppo seri per i tuoi gusti ?

Vorrei scrivere ancora tante cose ma è tardissimo . Non lasciatevi impressionare dall' orario : mi ero insoccato sul divano !


Pensieri, senzazioni, esperienze della mia vita quotidiana. Scrivo per dire di me, non certo per dare, di altri, giudizi. Sarei io stesso il primo a catalogarmi come parte di quella categoria di persone di cui scrivevo.
Viva L'Italia.

pasi

Può darsi che a Paol talvolta fischino le orecchie : percezione che il " paese " mormori ?
Chissà perchè il Gerets si è così cagato sotto .
Non vorrei s' inibisse .
Sicuramente conosce più pettegolezzi di me : riceve  confidenze .
Essendo un bravuomo calamita attenzioni .

A che ora si parte ? Che tempo è previsto ?
Buona l' idea di Bergamo alta , anche perchè altre proposte non sono state fatte .
Non sottovalutiamo l' impegno : trovare parcheggio , cicchetto in Bergamo bassa , prendere la funicolare , passeggiare per il centro storico , percorrere le mura della via panoramica , riprendere la funicolà , tornare alla macchina . Rimane tempo per il Bigio a S. Pellegrino ?
Caravaggio può essere un alternativa in caso di maltempo .
Possiamo anche fare a meno di un programma e improvvisare ...
tuttavia l' ora di partenza va fissata .
Chi è l' esperto ?

Mendy

Propongo una partenza verso le 8 ..in findo la messa al Pilastrello sarebbe finita a quell'ora!

Ritrovo dove ...piazza?

pasi

Alle otto in piazza ?
Troppo visibili .
Mia mamma va a messa , e mio papà al bar sport .
Se mi vedono con certa gente  non mi lasciano venire .
A meno che mantenete un contegno distinto da bravi ragazzi .
Non voglio farmi mormorare dietro .

Non mi sono cagato addosso tranquillo, ho solo voluto rispondere ad un normalissimo commento, come sei permaloso.
Ora di partenza ore 8,00 chiedo al Mendy di fare il battista della situazione, in fondo sono solo poche centinaia di metri che deve fare in più per passare a prenderci a casa.
Rimane solo il Mister e il Principe se viene, attendiamo prima la sua decisione.
Bernacca dica che domenica non è molto bello, attendiamo conferma.


Umbrela e gulfì, caro Geres.
Sopratutto per chi va a Monza!!! Meglio goderselo in TV con una bella polentina davanti mentre fuori piove, no?
E poi sappiamo già che vincerà...Miki.
PS: chi porta i fiori a Renata se non viene il principe?

pasi

Si pensava di andare a fare i fighi mangiando polenta taragna con 35 gradi di temperatura , ed invece rischiamo di prendere una sfregida .
Ricordate Morterone ?
La Renata l' ultima volta non è rimasta troppo contenta del sale - pepe stile culo e camicia ...
ed i fiori senza Principe hanno poco significato .
Se viene , è lecito pensi lui all' omaggio .
Da parte mia , potrei portare la statuina del Dentella con l' assietta dei formaggi : ma solo a carattere dimostrativo , poi la riporto a casa .
Notizie di Beppe ? Dobbiamo calcolare se una macchina è sufficiente .
Punto fermo aggiudichiamo le ore 8 in piazza ( Battista docet ) ; per il resto si vedrà .

Non ci sono gufi che tengono, il colonnello Bernacca ha già sentenziato possibile pioggia a nord ovest al mattino, con ulteriore peggioramento a nord est nel pomeriggio.
Anche San Zaccheo è salito sul Sicomoro e pure lui ha confermato la stessa previsione con un'aggiunta, formazione di forti temporali nelle prime ore del pomeriggio a nord est della Lombardia e raffiche di vento zona Monza.
E' consigliato non oltre le ore 13,00 di domenica 14 settembre 2008 causa maltempo, di rifugiarsi in trattoria da Dentella (Pesenti,vi Carobbi, Bellavista), dove al sicuro di possibili tempeste, potrete gustarvi una splendida polenta taragna.
Per la consegna dei fiori a Renata, in mancanza del Princice propongo Umbe, mi sembra che sia all'altezza!
Buona notte a tutti.  

pasi

Caro Gerets ,
quello di Paol non sembrava un " normalissimo " commento : era incisivo .
Il tono appariva perentorio e motivato ... non si esce così senza una ragione plausibile .
Tu stesso ne sei rimasto colpito : forse non ti sei cagato addosso , ma di una bella loffia ne siamo stati sentori .
Non si spiegherebbe il perchè ti sei affrettato ad una spiegazione , come fossi chiamato in
causa . Io stesso ho avvertito questa sensazione .
Ci sei rimasto male , vero ?
" Permaloso " significa questo . Trattasi di eccesso di sensibilità .
A volte può essere ragionevole offendersi , alle volte risulta eccessivo .
Magari si dà troppo peso a questioni insignificanti , o non si coglie in pieno il senso di una frase , o si è troppo deboli per ribaltare l' asse .
Nel tuo ultimo commento penso hai sbagliato aggettivo per definirmi .
Anzichè " permaloso " risultava meglio appropriato antipatico , o criticone , polemico , irritante , indisponente , fastidioso , urtante , scorbutico , strafottente , pedante , presuntuoso ,
bisbetico !
Nel senso che trovo sempre da ridire , che faccio sempre le pulci , che butto la croce addosso , che faccio pelo e contropelo , che ho sempre da sindacare , che sparo a palle infuocate ...
Talvolta dai l' impressione che le parole non rimbalzino su di te ...
non pensare che i commenti risultino asettici : alcune emozioni e stati d'animo traspaiono .
Magari mi sbaglio : faccio il saputello , ed invece non conosco niente .
Dica Bernacca !

pasi

Guarda  Bernacca che Paol parlava di umbrela e gulFì ( maglioncino ), e non di gufi !
Il gufo sei tu !

Mendy

Mister nell' elenco hai dimenticato PIRLA!
A domenica

pasi

Pirla ?
Sinceramente non volevo scippare la nomea al Mendy , che si fregia di questo titolo con onore e distinzione : a lui viene naturale .

So benissimo de che cosa parlava Bèla Paol, sono io che voglio fare il gufo per il Principino dopo tutto un po se lo merita, non si è degnato nemmeno di rispondere per la sua adesione o non nemmeno con una telefonata o messaggio con cellulare, questo so di certo che funziona.
Comunque, invece di fare solo le suocere, rispondete alla mia proposta per il ritrovo se vi garba.
Nuovo incarico per Umbe, oltre a consegnare i fiori a Renata, lo promuovo fotografo ufficiale del Briscolone, domenica sarà il nostro Marinoni non dimenticare la digitale ti raccomando.

pasi

Penso che Umbe meriti molto meglio della Renata , soprattutto adesso che possiede il macchinone .
Il Principe appare in declino , per cui deve ridimensionare le pretese : la pulzella citata va più che bene .
Se non viene improvviseremo .
Dispenso l' Umbe dai fiori ma concordo per il ruolo di fotografo .
La proposta di ritrovo per le 8 in piazza era stata fatta dal Mendy , e rimane tuttora valida e approvata : contattatelo se desiderate un passaggio , altrimenti arrivare con mezzi propri .
Ribadisco :

ORE 8 RITROVO IN PIAZZA , ORE 12,30 - 13,00 arrivo da Dentella .
Ogni altra cosa sarà decisa al momento .
Partecipanti adesivi : Mendy , Gerets , Mister , Paol , Umbe , Pile . ( tot 6 )
Incerti : Principe ( 1 )
Non pervenuti : Beppe , Curbà , Zeo ( 3 )

pasi

Qualcuno telefoni alla protezione civile per informarsi sulle condizioni del Brembo .
Detella ha le camere per un eventuale pernottamento ??

P.S.  Gomme slik , mi raccomando : al massimo le cambiamo in piazza .Quanto tempo ci metteremo ?
Senza il Principe siamo spacciati ...

Mendy

Passo io a prendere tutti ...il giro è articolato così ...Umbe, Pile, Geres, Paol, Bianchetti e per finire la parte biodegradabile del gruppo ...IL MISTER!!
A domani, vado a preparare i sedili

Preparata la fotocamera! E' un po' vecchiotta ma fa ancora la sua porca figura.

pasi

Umbe ha detto  " porca " !
Ullallà !!
Il ragazzo sta migliorando .
Ok , vi aspetto nel bidone .


Tranquillo Pasi, Brembo sotto controllo anche se in fase di semipiena. Per domani poi pare che la situazione meteo sia meno tragica del previsto. A parte il fresco, quasi freddo, che si farà sentire!
A domattina, se nessuno schiatta stanotte!

pasi

Passando da Sedrina possiamo fare sosta al ponte sul Brembo , dove Pacì Paciana si gettò per sfuggire ai gendarmi .
Se qualcuno vuole tuffarsi gli facciamo una bella foto .
Col " semipieno"  e  " quasi freddo " rimangono discrete probabilità di sopravvivenza , sempre che le previsioni siano azzeccate .
Dell' eventuale salma da recuperare avviseremo le autorità  domenica sera , a pranzo avvenuto .
Magari arriverà giusta giustella a  Cavenago trasportata dall' Adda .
A Vincenzo andò bene , ma le cronache dell' epoca sono poco precise sulle condizioni ambientali .
Chi è il nostro miglior nuotatore ?
E con il carpiato come siamo messi ?

pasi

Brutto tempo , bella giornata .
Colori splendidi .
Abbiamo visto anche la Formula 1 .
E la partita .
Interessanti lati a , e b  , di sciure in transito .
Sorpresa del Mendy !
Non per tutti ...
Poco male : importante è fare festa .
Il Brembo va nell' Adda !
Duro il lunedì ...


E se la Renny ci mette anche solo una parola, aiutata magari da qualcuno, sarebbe proprio il massimo.
'notte amici.

pasi

Alla Renny mi sono presentato come il più " distinto " .
Gli sarà sorto qualche dubbio dopo avermi visto con il maiale in testa ?
Leggesse il Blog , sarebbero certezze ...

Ragazzi,

la giornata è volata via alla grande come al solito. Sorprendente la dilatazione del Sig. Pesenti, Dentella, Carobbio, Bellavista che riesce a tenere a bada il locale intero!

Renny si è ormai maritata spegnendo le velleità del ns Masai... ma non credo sia geloso! Avremmo così vitto gratuito magari anche presso la rinata "finestra sul fiume" (che finalmente abbiamo verificato essere dell'Adda affluente).

Quale migliore palcoscenico che la ridente Valle Serina per l'annuncio del trasferimento del ns chauffeur nella dolce Toscana? Nessuno appunto...dal Pacì Paciana al Pacì Pacciani il basso è veramente breve; quindi anche questa è stata un'ottima scelta!

Quindi che dire... che bello che 'ste cose esistono!!!

Dimenticavo,

per vedere l'immagine del mitico Pacì Paciana ol Padrù dela Val Brembana che come il Mister ha detto è il Gerets da giovane
cliccate quì sotto
www.valbrembanaweb.com/.../paci_paciana.html

ta salude!

E' stata un'indimenticabile domenica, peccato che come tutte le belle cose finiscono presto.
La fine della giornata è giunta senza quasi ce ne accorgessimo, e il lunedì mattino era già alle porte.
Ma niente nostalgia pensiamo alla prossima riunione che è già alle porte e il salame del Principe (non di braga) incombe.
Il Pacì Paciana, lui si che era un grande.
Ma avete visto visto la colorazione di Umbe quando la Renata ha voluto fare una foto con lui, peccato che ha già marito.
Mister ricordati che la Renny non ti ha nemmeno conosciuto quando ti ha visto con o senza maiale in testa.

pasi

Vola basso Gerets : se la Renny si ricorda di te è perchè sei il più vecchio , non certo per le tue doti di simpatia . Queste sono prerogative del Pile , che con la sua faccia tosta tacca sempre bottone col mondo femminile .
Lo dovevi vedere sulla funicolare : teneva in scacco cinque turiste snocciolando un perfetto inglese .
Tu già fai fatica con l' italiano ... e pure il bergamasco lo mastichi poco .
Per Renata sei un semplice cliente , e se non paghi il conto ti sbatte a lavare i piatti .
Guarda che ti sento al tennis quando fai le battutine alle signore che lasciano il campo : pensi di essere spiritoso ?
Ma fammi il piacere !
Parliamo del gruppo , e penso sia questo il merito dell ' essere "  riconosciuti " , aldilà del semplice rapporto di lavoro .
E solo in gruppo non mi vergogno di entrare in un locale con un maiale in testa .
Umbe sarà diventato rosso , ma l ' interagire con l' altro sesso è nato da uno sprone di squadra .
La prossima volta lo portiamo al sexi bar , e gli facciamo mettere un deca nelle mutandine della lap girl : o sviene ??
Probabilmente il nostro tecnico si sente più a suo agio con ragazze con meno spirito d' iniziativa ... allora è lui che le fa diventare rosse come un pollone !  
Che mandrillo ...

Ora è in metamorfosi, con l'acquisto del nuovo bolide piano piano si sta trasformando in una vecchia volpe e non ha più paura di nessuno, tanto meno di belle donne.
Approfitto del Blog per ricordare al nostro mago della tecnologia Umbe, di inviarmi una e.mail con il suo nuovo indirizzo, e di farmi l'acquisto del disco portatile tipo quello acquistato a Bèla Paol, se mi fa perdere tutto il lavoro di scannatura delle foto lo strozzo.

pasi

Bene , speriamo che l' UMBE sia in metamorfosi , così anzichè fare lo schiavetto del Gerets , lo manderà un pò a cagare !
E quando manderà la mail , specificherà bene dove va inserito esattamente il disco .
Ma com' è grosso ?

Aggiungi Commento

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading