Briscolone Club

1. dicembre 2008 16:58
by geretz
32 Commenti

LIBERTA'

1. dicembre 2008 16:58 by geretz | 32 Commenti

Sarà forse la continua pioggia;

sarà l'inverno arrivato in anticipo;

Sarà perchè ho tempo libero per pensare;

Sarà che ho dovuto subire molte scelte;

Sarà l'ex Presidente che necessita di un nuovo post;

All'improvviso mi è tornata in mente questa magica parola.

LIBERTA'.

Libertà, condizione che permette di agire senza impedimenti.

Libertà, possibilità di valutare ed esprimere autonomamente valori religiosi, etici, politici.

Libertà, significa essere liberi di fare ciò che ci pare e piace?

Chi non ha mai pensato per un momento di avere una libertà senza confini?

Ma è possibile agire senza alcuna condizione?

Amici del Briscolone, in attesa della prossima serata, divertitevi a fare i vostri commenti su un argomento cosi prezioso. 

 

Commenti (32) -

mister

Porcaccia , più che un post pare un tema di maturità , con tanto di sottotraccia .
Ci sarà un fuggi fuggi generale ??
Maledetto riscaldamento , se non si fosse scassato  , ieri sera avrei inventato qualcosa di meno impegnativo : dopo l' originalissimo tema sull' amicizia , ecco che il presidente ci propina un altro argomento mai trattato prima da essere umano .
Tra i vari mattoni comprati a peso sulle bancarelle di Riccione anni fa ( vacanza con Pile e Zeo ) , mi è parso di ricordare di avere un tomo sull' argomento . Passati in rassegna ripiani della libreria , sono riuscito a scovarlo : anno pubblicazione 1970 , discretamente cartonato , novecentoquattro pagine , vago odore di muffa , immacolato . Nel senso di mai aperto .
L' introduzione parte così :
" Libertà . Inseguita , contraddetta , venerata , fraintesa , lacerata , questa parola racchiude una delle linee di forza del divenire civile dell' uomo . Libertà è un idea - sentimento che prorompe tutte le volte che un singolo , una comunità , una classe prendono coscienza del proprio esistere e della propria dignità : si identifica così con le ambizioni stesse del vivere , del progredire . La Libertà , pertanto , fa da staffetta alla Storia , e la determina . "
Cagarsi addosso : non pare un libro umoristico ...
Poche righe più in la viene citato tale americano Dewey , che pare pensarla come me : ovvero che non c'è parola più abusata di " libertà "
Il curatore dell' opera prosegue :
" Certo è che il concetto di libertà si modifica e si amplifica , man mano che si arricchisce la coscienza storica , morale e sociale , dell' uomo . Nel Vangelo di San Giovanni la libertà è sinonimo di verità ; per San Paolo si identifica con l' amore per il prossimo . In Grecia essere liberi equivaleva ad essere padroni della propria esistenza , mentre a Roma la libertà stava soprattutto nella uguaglianza di fronte alla legge . "
L' autore incalza sullo stesso passo di citazione in citazione fino ai giorni nostri , dopodichè inizia il libro vero e proprio : è una raccolta di vari scritti di vari autori . Una marea .
Alcuni a caso : Lucio Cecilio Firmiano Lattanzio , San Metodio , Filippo Melantone , Antonio Vieira , Archiloco di Paro , Focilide di Mileto , Teoignide di Megara , Erodoto di Alicarnasso , Tucidite di Atene  , Polidio di Megalopoli  , Isidoro Egeate  , M. Porcio Catone , Publio Virgilio Marone , Dione Cassio Cocceiano , Dal Digesto ...
dopo autori religiosi , greci e romani si respira un pò , con scrittori italiani ed europei ... dopodichè si ricomincia a salire con l' america latina , e si arriva ai russi : Nikolaj Berdjavev  , Aleksandr Aleksandrovic Blok , V. N. Novodvorskaja  .... risparmio i bulgari e cecoslovacchi ; e per pietà non cito i cinesi , giapponesi  , coreani ... e mi limito all' indonesiano  Achmed Sukarno . Chiude l' africano David Diop .
Visto che il Gerets si pone tante domande , perche non gli facciamo leggere questo mammhut ??

Non solo io, ma tutti ci poniamo ogni giorno tante domande.
Ognuno la può interpretare come meglio crede.
Il tema è libero.
Essendo al termine di un anno soddisfacente per l'andamento del club e con soci culturalmente preparati come voi, non potevo che proporre un post impegnativo.
Ci sono sempre i soliti soci che giocano a nascondino per non esprimere un proprio pensiero, ma questo succede anche per argomenti meno impegnativi tipo la puzzetta.
I primi giorni commenti a valanga, poi il buio completo.
Meno i soliti commentatori abituali.
In realtà la possibilità di fare un commento è possibile a tutti anche per chi è molto impegnato sia nel lavoro che nella famiglia.
Si tratta solo di avere 15 minuti di libertà.
Faccio un saluto al nostro amico Pile in viaggio per l'Europa durante tutta la settimana.
Lui si che sarà libero.
Mentre il povero Mister, se non avrà risolto il problema del riscaldamento, sarà costretto a tenersi sotto le coperte anche la cagnolina per scaldarsi.

Eccomi dalla sponde dell'atlantico. Non so se si può definire libertà avere pochi minuti (prima della cena formale e successivo dopocena fino a notte fonda con colleghi più o meno simpatici..)in una anonima camera d'albegro per poter sentire che tutto sommato il resto del mondo non è poi così lontano ed allora proiettarsi sul BloB. Non credo proprio.

Vabbè.. per non essere malinconico vedo di porre un commento sulla libertà opposto nella dimensione a quanto disponibile fino ad ora.

Una delle definizioni che più mi piace è quella secondo la quale la libertà ti permette di fare cosa vuoi fin tanto che questo non intacchi la libertà di qualsiasi altra persona.

Detto questo saluto e... a risentirci presto. spero


...altre parole per dire ciò che il socio Pile già ha affermato ma che tengo a sottolineare in quanto parte del mio personale bagaglio di esperienze.
"La libertà di ciascuno termina là dove inizia quella dell'altro".
Confine troppo spesso violato, purtroppo.
buon appetito.

Mendy

Pile e Bèla Paol ...non sono d'accordo!
Sarà l'effetto della solitudine dei colli toscani ma vedere l'altro come un limite alla mia libertà mi sembra riduttivo. L'altro (a meno che non sia un rompiballe) rappresenta una ricchezza, uno stimolo, un agiungere qualcosa che mi manca ...se voglio. Vi propongo lo spunto di una nota canzone di Gaber, peraltro molto bella e intelligente!

Adesso torno in baita.

Vorrei essere libero, libero come un uomo.
Vorrei essere libero come un uomo.

Come un uomo appena nato
che ha di fronte solamente la natura
e cammina dentro un bosco
con la gioia di inseguire un’avventura.
Sempre libero e vitale
fa l’amore come fosse un animale
incosciente come un uomo
compiaciuto della propria libertà.

La libertà non è star sopra un albero
non è neanche il volo di un moscone
la libertà non è uno spazio libero
libertà è partecipazione.

[parlato]: Vorrei essere libero, libero come un uomo.
Come un uomo che ha bisogno
di spaziare con la propria fantasia
e che trova questo spazio
solamente nella sua democrazia.
Che ha il diritto di votare
e che passa la sua vita a delegare
e nel farsi comandare
ha trovato la sua nuova libertà.

La libertà non è star sopra un albero
non è neanche avere un’opinione
la libertà non è uno spazio libero
libertà è partecipazione.

La libertà non è star sopra un albero
non è neanche il volo di un moscone
la libertà non è uno spazio libero
libertà è partecipazione.

[parlato]: Vorrei essere libero, libero come un uomo.
Come l’uomo più evoluto
che si innalza con la propria intelligenza
e che sfida la natura
con la forza incontrastata della scienza
con addosso l’entusiasmo
di spaziare senza limiti nel cosmo
e convinto che la forza del pensiero
sia la sola libertà.

La libertà non è star sopra un albero
non è neanche un gesto o un’invenzione
la libertà non è uno spazio libero
libertà è partecipazione.

La libertà non è star sopra un albero
non è neanche il volo di un moscone
la libertà non è uno spazio libero
libertà è partecipazione.
ANCHE AL BRISCOLONE (e non è solo una battuta).


mister

Libertà è scrivere sul blog .
Libertà è non scrivere sul blog .
Libertà è lamentarsi di coloro che non scrivono sul blog sebbene un amico consigli di cambiar sonata .
Libertà è criticare un post .
Libertà è criticare chi critica un post .
Libertà è un commento breve .
Libertà è un commento medio .
Libertà è un commento lungo .
Libertà è leggere un commento .
Libertà è non leggere un commento .
Libertà è scrivere un idea poco originale  .
Libertà è scrivere un idea inusuale .
Libertà è citare un testo .
Libertà è creare un testo .

mister

Rallegriamo il morale delle truppe in trasferta e parliamo di fica !

Purtroppo a casa mia non vige la libertà di trombata : sarebbe fantastico poter scegliere a piacimento giorno , ora , posto , durata , posizione ...
Il mio libero desiderio si scontra - incontra con quello della consorte : entra in gioco la mediazione .
Alle volte è frustrante : capita un superduro e la compagna arriva a letto con superpigiama imbottito e calzettoni , freddolosa e assonnata .
Si capisce che non è sera ... tuttavia si giocano le ultime carte : con la scusa di scaldarla ci si accosta , poggiandosi strategicamente .
Siamo al confine . Inizia  l' altrui libertà . Capisco che quella passera è stimolo , è ricchezza ... ma se non me la da ??
Un limite .
Violo i confini ?
Pippa ?
Trasferta sulla paullese ?
Doccia ghiacciata ?
Scrivo sul blog ??

mister

Caro Gerets , inviti spesso i soci a commentare , ma poi leggi ciò che scrivono ? Nel post precedente - ultimi commenti - rivelavo il ripristino del riscaldamento , allora perchè chiederti se il problema era superato ?
Troppo comodo poi tirare giù tre righe di new post e poi aspettare gli esiti : è compito tuo portare legna e alimentarlo .
Sarebbe deludente per Pile , Paol , Mendy , subito accorsi strappando tempo , accendere il computer domani mattina e non trovare la tua presenza .
Quale esempio ?
Spero che stanotte - ora è la una - interverrai in modo significativo , sacrificando un lasso di tempo difficoltoso .
Bella la vita scrivere dopo una bella dormita , la colazione , il giornale , l' aperitivo , la partita a tennis  ....
E basta essere generico : fai i nomi dei " soliti soci che giocano a nascondino " !
E perchè dovrebbero uscire ?
Quale valide argomentazioni proponi affinchè la loro partecipazione sia maggiore ?
Cosa offri ?
E le sveltine di Pile e Paol ti accontentano , o speri , e pensi , che interverranno nuovamente sul tema ?
Tirare la corda è lecito , ma serve forza necessaria .
Altrimenti limitati a scrivere senza guardare troppo se , e perchè , non lo fanno gli altri .
Quando non te la danno , è controproducente insistere sugli stessi toni . Se davvero interessa , meglio variare strategia . Cercare di essere più belli , più interessanti , più divertenti , più cazzuti ... e meno insistenti .
Oppure legna , ma legna davvero !
Compreso i potenti ...

Libertà è pontificare ,
libertà è non ascoltare .

mister

Dormito bene caro Gerets ?

massi

ma nn avete proprio una puzzola da fare (per nn scrivere volgarità)l'amicizia ............ci penso poi appena trovo la formula del mitico Marsià lo dico anche a voi..........porco cane paolone ha perso il ciucio

massi

ERRORE la formula dell'amicizia era ........che minchia che sono!!!!!!!!!
cio banabiti

mister

Visto che il Gerets continua a dormire do il
BENVENUTO !
al nuovo utente Massi , un attimino in difficoltà per l ' esordio nel blog .
Speriamo non sia  toccata e fuga .
Ma " minchia " non rappresenta una volgarità ?
Il ragazzo non ha proprio nulla da fare .

mister

Finalmente svelata l' assenza del Gerets : è stato avvistato a Formigara , in sella ad una bicicletta da donna . Pare sia alla disperata ricerca del Marsià : oltre alla formula sull' amicizia , vuole strappagli dalle labbra il segreto per far funzionare bene il Blog .
Lo troverà ?

Solito spiritoso.
Libertà è non scrivere sul Blog.
Libertà è leggere sul Blog.
Libertà è non rispondere sempre sul Blog.
Libertà è anche giustamente partecipazione.
Con Massi ho già dialogato più volte in altri modi come avrai letto nei miei commenti.
Se ha scritto forse gli ho accesa una piccola lampada.
Non bisogna solo essere Presidenti per tirare il carro.
Se il Briscolone è un club, allora tutti insieme dobbiamo collaborare, ovviamente nei limiti delle possibilità che ognuno dispone senza lamentarsi.



Purtroppo dovremo aspettare ancora qualche giorno per avere un commento dal nostro Principe.
Chiavetta acquistata;
Tutto funziona perfettamente ma.....
Serve una modifica: la Wind non ha inserito nella chiavetta per Principi brizzolati la funzione per entrare nel sito del Briscolone club.
Il nostro mago sarà in grado di intervenire?


Libertà è potersi prendere una pausa per tirare un pò il fiato e cambiare aria. Così domani, anche se non sono pensionato come il presidente, si parte. Direzione sud. E poi si vedrà. Ci si ritrova in queste "pagine" martedì.
Un caloroso e sopratutto LIBERO saluto a tutti, in particolare al nuovo (?) arrivato. A quest'ora sarà impegnato nella poppata pre-notturna???

mister

Vacanza meno libera la mia : partirò sabato , destinazione Gallarate ...
per cui , in queste due serate ,  porterò avanti  il lavoro sul Blog .
Rovinerei la  media dei commenti .

Non confondiamo la libertà con anarchia a proprio uso e consumo .
Sinceramente , caro Gerets , trovo il tuo comportamento incoerente , e poco in linea con una presidenza carismatica . Conservi una mentalità democratica , mediana : mi sarebbe piaciuto invece un uomo forte , capace di sferzare la folla da un balcone .
Con le mie dimissioni pensavo di favorire questa linea , ma il cavallo non reagisce adeguatamente .
Speravo tirassi dritto , ed invece continui ad aspettare Godot .
La firma del post è tua , e non ha senso accennare al fatto che sei libero di non scrivere .
Non rappresenti un maestro che detta un tema e poi aspetta svolgimenti . Tema complicato e vastissimo tra l' altro .
A distanza di giorni ancora non hai saputo raccontare nulla .
Non si pretende  che narri della concezione della libertà secondo gli antichi greci , ma sicuramente episodi personali sei in grado di offrirli ai lettori . Anzichè tirare il carro ed essere da esempio , scantoni , e preferisci concentrarti sulla chiavetta del Principe . Fatto interessante da esporre , ma come contorno .
Vero che siamo un club e tutti dovremmo partecipare , ma non è il caso di pesare le dosi : se un socio è in grado , e può dar molto , che lo dia senza risparmio .
Fai come vuoi : non voglio criticarti se hai paura di finire appeso a testa in giù .

mister

Naturalmente la libertà va utilizzata con criterio .
Durante una partita a tennis , nulla mi vieta di cacciare volontariamente palline fuori dalle righe . Ma perderei punti e incontro . Opzione di libertà può essere la scelta di colpire lungolinea o incrociato , in top spin o chop , al volo o di rimbalzo .
Necessario adeguarsi alle regole di gioco , tecniche e di comportamento . Infrangerle significa andare incontro a conseguenze .
Nulla impedisce di gettarsi da un aereo senza paracadute .
Od imboccare una via contromano .
Od ingozzarsi di pasta figas .
O fare sesso con una donna diversa dalla moglie .
Nulla mi obbliga ad andare a lavorare : ma se non lo facessi , finirei ben presto in bancarotta .
Sarei in grado di sopportarne le conseguenze fisiche e psicologiche ?
Quando entro in fabbrica percepisco un senso di costrizione .
Vorrei essere altrove .

mister

Fra i testi delle canzoni che trattano il tema del post ( il Mendy ha già citato Gaber ) mi affascina un Finardi d' annata : " Libero veramente " , tratto dall' album " Colpi di fulmine " ( 85 ).
Lo trovo duro e incisivo , efficace nello svolgimento , ma non per questo desidero realizzare la situazione . Un prezzo troppo alto .
Tuttavia intrigante .


Una volta la mia vita era una pagina pulita
potevo scriverci ciò che volevo
essere qualunque cosa immaginavo .
Poi piano piano si è riempita
la mia storia è cominciata
mi son trovato in un lavoro
ho scoperto quel che ero
e poi sei arrivata tu
e libero non sono stato più
son prigioniero del nostro amore
non posso più scappare

ma essere liberi veramente
vuol dire non avere niente
senza legami , senza affetto , senza orario , senza tetto
essere liberi veramente
è fregarsene della gente
ma non solo di chi non conosci
ma anche del giudizio degli amici
è vivere senza tempo è non essere mai dentro
è non lasciare traccia
nessuno che ricordi la tua faccia

è essere soli  

essere liberi totalmente
anche da quello che si sente
è non avere miti
nè dischi preferiti
essere liberi veramente è non avere in mente niente
essere liberi dai pensieri
senza diritti nè doveri
è non avere cuore
è saper vivere senza amare
senza dovere mai mentire
senza nessuno da cui tornare

è essere soli

è essere soli .


Presidenti ci ha eletto il club.
Sei stato tu che hai voluto liberarti dalla doppia presidenza e lasciarmi solo.
Facile adesso per te.
Non sei tu il primo a continuare a ripetermi di non battere sempre lo stesso tasto?
Se vengo a conoscenza di qualche fatto riguardante il club, lo scrivo per dare un'informazione a tutti.
Penso che il Blog serva anche a questo.
Ma se a voi non interessa?
Sai bene che non sempre sono ispirato nello scrivere.
Tranquillo, presto lo farò volentieri come sempre in piena libertà.
Di carne al fuoco ne hai a disposizione comunque.
Buona vacanza a Bèla Paol, il sole ti accompagnerà in questo ponte di dicembre prima della pausa Natalizia.
Anche a Gallarate ci sarà tanto sole, dove potrai goderti in piena libertà dei meravigliosi paesaggi autunnali.

Mendy

Il sole bacia i belli e secca le merde!

In mezzo a tanta poesia e temi impegnativi la cazzata improvvisa fa sempre la sua sporca figura.

Mister

Sono seccato .

Sono seccato da questo Presidente .
Pensavo potesse divenire uno special one , ed invece non regge la pressione mediatica .
Risposta nervosetta la sua .
I riflettori della cèmpions lig non fanno per lui : mentalità provinciale , da coppa uefa .
Chiudo la polemica : comunque sono uno dei pochi che prende in considerazione le proposte del leader maximo ( vedi ricettario : qualcuno ha fatto bef ? ) , che risponde diffusamente ai suoi post , ai suoi commenti . Ricordo il mio promo per il calendario , la ricerca costante di pezzi per il presepio ,  le notti passate a scrivere .
Non mi pare che l' impegno sia venuto meno : affermare che tutto ciò mi sia facile , rappresenta un ipotesi sbarlenga .

PRESIDENTE , L' ULTIMO DELL' ANNO SI AVVICINA : COSA DEVO FARE SE RICEVO PROPOSTE DA ALTRE SQUADRE ?
VERRA' ORGANIZZATO UN NOSTRO FAMILY DAY DI CAPODANNO ?
LEI CHE SONDA , LEI CHE SA TUTTO , QUALI SONO I MOVIMENTI DEI NOSTRI SOCI ?
NEL CASO , SAREI FELICE DI PARTECIPARE A TALE EVENTO .

mister

Uno degli eventi più costringenti della mia vita è stato  il servizio di leva .
Nell' 83 lo stato italiano mi consigliò un sano addestramento nell' entroterra sardo . La caserma era sopranominata " Fort Apache " , ed era un bel programma ...
Terminato il corso bimensile , mi proposero un bel lavoro : guardia carceraria  .
Sessantamilalire al mese , vitto , alloggio , indumenti , beni accessori . Tutto di altissima qualità .
Potevo forse rifiutare ?
E l' amor patrio ? Poco tempo prima l' ufficiale nazista Kappler era fuggito da un ospedale di Roma , e a livello internazionale l 'Italia aveva fatto pessima figura .
Potevamo far scappare anche Walter Reder , colonello delle SS , principale imputato della strage di Marzabotto ?
All' epoca era serrato nella fortezza di Gaeta ,  un antico castello a strapiombo sul mare , con alte mura e diverse torri . Rappresentava l' unico prigioniero . Fui aggregato all' organico , 150 persone con mansioni varie . Il mio ruolo era guardia esterna , ovvero controllare dai bastioni eventuali attacchi via terra , mare , cielo  . Avevo in dotazione un fucile mitragliatore con tanto di caricatori , e colpo in canna pronto a fare fuoco . Potevo sparare pure al vecchietto , nel caso l' avessi scorto calarsi dalla finestra con lenzuola annodate . Roba seria .
Il posto di guardia all' ingresso era addirittura un bunker di cemento armato , e bisognava star sempre a controllare la feritoia . Quante ore passate in quel buco , da solo , di giorno e di notte .
Non era la mia postazione preferita . Prediligevo quelle con vista mare : di notte era un bel meditare . Peccato che ogni tanto pescatori in barca entrassero in zona proibita , allora bisognava sgolarsi per mandarli via . Una volta ho fatto pure arrestare un sommozzatore : si era spinto fin sotto agli scogli illibati a cercar vongole , e prima di riempirlo di piombo , era lecito avvisare la capitaneria di porto . Dopo poco è arrivata la motovedetta .
Tuttavia i pericoli maggiori erano che ci sparassimo tra noi guardie . E' pure capitato che un tale ( pirla ) in fila dietro di me , anzichè aspettare il suo turno per scaricare il fucile  nell' apposita rastrelliera ( operazione di fine servizio ) , abbia voluto utilizzare il metodo Jhon Whaine : al disgraziato è partito un colpo verso l' alto , e fattomi il filo vicino alla testa , si è conficcato nel soffitto .  
Quanto mi sono cagato addosso !
Gli ultimi due mesi di naja furono i meno peggio : la maggior anzianità di servizio diminuiva i turni di guardia , di ramazza , di cucina . Le matricole ti guardavano con timore e rispetto , e lo scaglione congedante  " comanda " tutti gli altri .
Una sera feci un giro in caserma ( il castello ) tutto vestito in mimetica verde , ma con ai piedi un magnifico paio di american Eagle gialle canarino , quelle alte col puntale in gomma .
L' avessi fatto prima , mi avrebbero fatto fare otto turni di guardia consecutivi al bunker .
Al termine dell' anno , mi proposero di restare : bastava una firma .
Col casso !
Anni dopo Reder venne rilasciato , ed ebbe modo di vivere liberamente in Austria , sino al termine dei suoi giorni .

mister

Spesso il concetto di libertà si esprime per paradossi : molti di noi hanno legittimato senza costrizioni un "  divieto " di partecipazione alle mogli . Un espressione antidemocratica , che pone il nostro gruppo in una dimensione illiberale e discriminatoria . Sicuramente , se lo volessero , molte consorti porterebbero al gruppo , e al blog , molta più vivacità di alcuni nostri elementi tiepidi , o peones  : tuttavia non barattiamo un Curbà con nessuna di loro .
Nemmeno tre al prezzo di uno .

umbe

L'ho provato in Perù 2 anni or sono e ora lo provo anche qui a Londra: internet libero in tutto l'albergo! Troppo bello! I miei compagni di viaggio non sono molto mattutini allora passo questa oretta e mezza a leggere il blog e notizie dai nostri giornali on line. Buon ponte lungo a tutti!

Sarebbe stato meglio occupare l'ora e mazza con una bella bionda, ma a volte ci si deve accontentare.
Non so per quanto tempo riuscirò ad usare il computer: panico, scaricando musica ho beccato un virus.
Merda!
Ci mancava anche questa.
Umbe, mago della tecnologia, rilassati bene che al tuo ritorno c'è lavoro per te.
A proposito quando rientri?



Non ci sfiora nemmeno nel pensiero barattare donne per soci del club.
A volte la regola si deve cambiare.
Pensa quanti decreti fa silvio per salvaguardarsi.
Per capodanno al momento sono sprovveduto di notizie da parte dei soci, devi avere ancora un po di pazienza.
So bene che di fannulloni ce ne sono tanti.
Chi lavora per portare a termine iniziative sono sempre i soliti pochi.
Siamo tutti liberi di fare o non fare.
Piano, piano vedrai che più o meno tutti gli impegni li porteremo a termine.
Ciao vado a cena.

Mendy

Ho indagato ed il virus beccato dal Geres non impedisce la connessione ad internet e la partecipazione al blog (niente scuse, anche se pure il non scrivere è libertà) bensì il virus si manifesta con mancato rigonfiamento del membro e conseguente mancato riempimento della mutanda. Anche il tessuto delle mutande dopo una certa età si rilassa perchè non più stimolato ... quindi nonno dacci dentro con il mouse!!

Umbe Buon Ponte Lungo una minchia ...domani mattina mi metto il pisello a mandorla e parto destinazione HK e Cina. Esporto il Briscolone ma il Riso Imperatore che ingredienti locali prevede? Scarafaggi? Formiche? Carne di cane? Nutria? In questo caso meglio il MC Donald, il che è tutto dire ....

Ieri ho trovato il socio Pile e mentre si discuteva sulle nuove iniziative da farsi del Briscolone, all'improvviso nei suoi occhi si è accesa una lampadina.
Nuova proposta da farsi per il periodo Natalizio.
Sarà lui stesso a proporla sul Blog.
Personalmente sono d'accordo e approvo fin d'ora a pieni voti l'iniziativa.
Il caso però vuole, mettere di nuovo a dura prova il nostro socio Mister, (il Pile sarà solo la mente) che sicuramente aderirà con gioia e in piena libertà.
Io naturalmente darò la mia massima disponibilità: durante la preparazione se sarà necessaria, oppure in altro modo che ora non posso illustrare.
Un augurio al socio Mendy, per il suo lungo viaggio verso un mondo pieno di occhi a mandorla.
Attento però, il riso Imperatore come ingrediente richiede anche filetto di cagnolina con pelo.
ciao alla prossima settimana.

Ieri dopo pranzo, ho deciso di iniziare a costruire il presepe a casa mia.
Naturalmente, l'unico posto disponibile per non avere discussioni particolari con la moglie è come al solito di fianco al camino: un po piccolo, ma meglio di niente.
Beata libertà?
Come farlo?
Sicuramente diverso dal precedente anno.
Vado alla ricerca di un'asse in legno per allungare il piano di granito del camino.
Costruisco la prolunga e la fisso sul bordo.
Difficile impresa ma riesco.
Prendo tutto il materiale necessario per l'inizio della costruzione: corteccia di legno accantonata tempo fa, fogli di carta per rappresentare il cielo e le montagne, il muschio dell'anno precedente e le luci.
Per i personaggi ci penserò alla fine.
Inizio la posa delle cortecce: cerco di  rappresentare montagne, (colline del chianti) grotte, e la mitica capanna.
Ero talmente coinvolto nel posa e rimuovi per trovare la giusta forma, che senza accorgermi guardando fuori dalla finestra la luce era scomparsa.
Guardo l'orologio ore 18,00.  
Effettivamente sentivo anche un certo dolore alle ginocchia e ai muscoli delle gambe.
L'età avanza ed ogni volta che cercavo di alzarmi mi sembrava di avere un sacco di patate sulle spalle.
Povera schiena.
Comunque piano, piano sono riuscito a completare il tutto.
Fissai le luci, ma non bastarono.
Bicicletta, al Brico per un nuovo acquisto, (Silvio sarà contento: consumo).
A quel punto, iniziai a posare il muschio: ne misi un po lungo le vallate e sui munti, e poi rimasi senza.
Certo avendo allungato il presepe non poteva che mancare, ma la moglie già annunciava che era giunta l'ora della cena.
Tregua, si continua domani.
Detto fatto, questa mattina: bicicletta, cassetta, paletta e pedalare per la ricerca del muschio.
Campo Bonaldi: cerco e trovo nel campo che fiancheggia il muro di cinta del buon muschio.
Affondo con decisione la paletta nel terreno: sembra cemento.
Il gelo della notte ha ghiacciato tutto, di nuovo a casa aspettiamo il pomeriggio.
Dopo pranzo, finalmente riesco a procurarmi dell'ottimo muschio.
Rimuovo il vecchio già posato il giorno prima e ricopro tutto il presepe con il nuovo a regola d'arte.
Ragazzi che impresa.
Ora mi sono concesso una pausa, descrivendovi sul Blog come ho trascorso il lungo ponte.
Domani posa dei personaggi.
Posso dire di aver trascorso due giorni in piena libertà di pensiero e azione.
Senza accorgermi non ho neppure acceso il cellulare.
Non mi succede mai.
Beata libertà senza lo stress del telefono.
Vi ricordate i bei tempi che uscendo di casa più nessuno ti poteva rintracciare.
Ci vorrebbe proprio la macchina del tempo.
ciao a tutti.

mister

La scrittura nasce da un idea , uno spunto , e rappresenta un abbozzo che prende forma parola dopo parola . La creazione di un presepe si sviluppa entro gli stessi canoni , se uno lo costruisce progetto alla mano , con tanto di misure precise , be' , diventa un pò meno coinvolgente .
Come scritto tempo fa , il muschio al parco Bonaldi andavo a farlo 30 - 35 anni addietro , ma il Gerets sembra tornare bambino : lontano da incombenze maggiori può evitare di comprare pessime assemblature cinesi , e dare fondo alla sua creatività .
Spediremo il nonno in Cina - assieme al Mendy - dove potrà insegnare alle maestranze locali l' arte italiana .
Menti pensanti abbondano , buone mani scarseggiano .
Per questo sono terrorizzato dal prossimo progetto del socio Pile : non vorrei essere chiavato .
Attendo maggiori ragguagli .
Il nostro tesoriere mi ha pure rintracciato telefonicamente a Gallarate - ipotizzava una partita a ping pong - ma con il telefonino della moglie a fare da filtro . Il mio è sempre spento . Anche quando esco solo .
La macchina del tempo non è necessaria : la scelta della nuova tecnologia non rappresenta un obbligo , o almeno può essere limitata . Per quanto possa essere fruibile ed economico scaricare musica , o di resa sonora migliore un cd , vi assicuro che far passare tra le mani vecchi dischi in vinile rappresenta un esperienza mirabile . Resistono stagionate  fotografie cartacee , libri dal sentore muffoso , attempate pellicole da  videocamera , lettere obsolete scritte a mano ...
che ne sarà delle cose personali conservate nei computer ?
Tra vent' anni mi piacerebbe avere la possibilità di consultare ciò che scriviamo ora , e mi chiedo se sarà possibile .
Se stampassimo su carta queste pagine servirebbe poi una stanza biblioteca ... ma le case le costruiscono sempre più piccole e ... costose !
Ma come potremo scrivere un adeguato elogio funebre al Gerets senza poter esaminare i suoi pregevoli scritti ?
Riusciremo a far credere agli astanti che quell' ometto dedito all' orto visse momenti di fulgore narrativo ?

Io purtroppo ho qualche anno in più e all'età di 8/10 anni sinceramente del parco Bonaldi non conoscevo nemmeno la sua esistenza.
Però, il muschio lo procuravo comunque, di ottima qualità e quantità.
Non abitavo certamente alle porte della città, per arrivarci dovevo percorrere a piedi almeno 3 km di strada e non era comunque un problema a quell'epoca.
Mi come potevo venire che conoscevo solo la via della scuola e dell'oratorio.
E' vero, sembrava che il tempo fosse ritornato indietro; fare il presepe è sempre stata una priorità per me, sin da bambino.
Bei tempi.

Aggiungi Commento

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading