Briscolone Club

17. aprile 2009 19:10
by pile
25 Commenti

Buon Compleanno Mister

17. aprile 2009 19:10 by pile | 25 Commenti

Credo opportuno gemellare il Post precedente con qualche cosa di assonante e non solo in senso letterario. Ecco quindi il Post che richiama il precedente ma richiama anche chi è motore instancabile, rompicoglioni, osservatore, provocatore, insonne ecc del BloB appena festeggiato.

Lo so, lo so, sono in anticipo ma è l'ultima occasione di scrivere sul Blog prima di domani. Sono infatti in un aereoporto nel culo dell'Italia di ritorno da un tour Italo Europeo (rientro a Crema previsto per le 24:00) e già domani mattina ripartirò per un allegro week end con moglie, figli ed altre persone. Ecco allora la non possibilità di Postare on Time ma tant'è.

Auguri allora che anche se le ginocchia hanno bisogno del tagliando (le mie son già da revisione), lo stesso non accada per il cervello o per qualche cosa d'altro che con cervello fa rima.

 A proposito do cervello.. mi sembra che il ristorante vicino al Marzale sia già pieno per quella data!!!

  

 

Commenti (25) -

Buon rientro a Crema al nostro socio viaggiatore e buona vacanza, i figli e moglie sicuramente ti rilasseranno la mente e anche il corpo.
Se non ci riuscirai, potrai sempre aggregarti al gruppo vacanza libere fondato dal Principe per la loro prossima vacanza.
Ma il Mendy che fine ha fatto?

Il Mendy ha cambiato strategia.
Apparizioni limitate alle grandi occasioni per non inflazionare l'immagine.
E oggi è un'occasione con i fiocchi e con le fiocche ...45 anni bèlla Mister! Tu ci sei arrivato io non so; tempo fa avevo dichiarato che la mia deadline sarebbe stata proprio 45 con eclatante apparizione su La Provincia. Dopo lo scoppio della casa sul giornale è finito il mio amico ma con un pò di anticipo. Ogni tanto mi faccio una domanda: ho già passato il giro di boa? Sono già al "mezzo del cammin di nostra vita"?

AUGURI!

Sviolinata al Mister del nostro socio Pile, in occasione del suo compleanno.
Che si sbatte per tenere attivo il blog è vero, che è un rompicoglioni anche, che sia la sua migliore  medicina per dormire ne siamo tutti contenti, sempre meglio evitare i medicinali a lungo possono danneggiare, ma dedicare addirittura un post non è forse troppo?
Se gli facciamo tutti questi elogi, non ci sarà il pericolo che nell'immediato futuro non abbia più nemmeno questo stimolo.
A 45 sei arrivato con un solo ginocchio malandato.
Riguardati, che per l'altro di strada ne devi ancora fare per mantenerlo sano, i 90 son ben lontani.

AUGURI MISTER.

Stavo per unirmi al coro di quanti mi hanno preceduto nel formulare gli auguri per un festoso buon compleanno al nostro attivissimo socio quando mi è balenato un pensiero: in fondo noi, intendo esseri umani, e nemmeno tutti se penso a popolazioni sperdute negli angoli più remoti del pianeta, siamo gli unici viventi di questo pianeta a prenderci la briga di stare a misurare il tempo. Cos'è il tempo se non una pura convenzione? Giorni, mesi, anni, millenni,...semplicemente il naturale corso delle "cose" per le quali, nelle quali e grazie alle quali noi viviamo. Così 45 anni sono un tratto non meglio identificato di un percorso che alcuni ritengono pure già stabilito. Certamente da riempire, ma ad ognuno le sue scelte. Vedi post ineerente. Allora auguri non per il 45esimo anno ma per il "tempo" che é e che sarà dato.  

Mi unisco molto volentieri al coro di auguri: buon compleanno Mister!

Mendy

bravo bravo bravo bravissimo!
bravo bravissimo!
bravo bravissimo!
bravo bravo bravo bravissimo!


mister

Grazie a tutti per gli auguri di compleanno.
In particolare al socio Pile che ha dedicato un post all' avvenimento.
Il fatto non è andato giù al Presidente: lo ha ritenuto una ruffianata.
Ma è solo gelosia.
Lo si evince dal modo in cui si è presentato nel primo commento: fatto i saluti al padrone di casa, ha chiesto del Mendy, del tutto indiffferente al festeggiato. Non un saluto, una battuta, un augurio.
Il giorno dopo, forse pentito, è ritornato sui passi, senza rinunciare comunque a   critiche.
Ma il nostro tesoriere sa benissimo che non mi lascio influenzare da simili cose: se vorrà guadagnarsi mezzo voto in più nelle prossime pagelle, dovrà stare alzato di notte a scrivere tra un arrivo a casa lavorativo e una partenza famigliare. Consapevole di questo, si può capire quanto la sua dedica sia stata spontanea e disinteressata.
Alla faccia dei dietrologi.
Inoltre, il compleanno è solo un pretesto: lo spunto per gemellare il post precedente a questo rappresenta un idea. Ce ne fossero nel blog!
Più che altro, nell' appendice, ha voluto riconoscere l' impegno e la passione che dedico a queste pagine. Parole da cui traggo stimolo e motivazione: non certo trastrullo da vanagloria.
E' un invito a continuare a rompere i coglioni.

pasi

Quarantacinque anni: nel mezzo del cammin di nostra vita?
Anni fa avevo la stesso sentore Mendystico, ovvero di una deadline relativamente giovane. Ma ora ho una moglie e un cane: mi dispiacerebbe vedere Mila zampettare nervosamente intorno alla mia bara in salotto. E chissà che abbaiare verso le persone che si avvicinano al morto. Attualmente le mie aspettative di vita, grazie a questi affetti, si sono innalzate.
Raddoppio?
Con relativa buona salute fisica e mentale direi di sì: ma rimbeccillito e paralitico ne varrebbe la pena?
Gli aspetti qualitativi dell' esistenza non possono essere sottovalutati.

mister

Ma il Mendy non aveva cambiato strategia?
Bèla Paol era quasi tentato a proseguire nel ritmo di pianura quando un intuizione lo ha portato a scorgere una stradina inerpicante. E l' ingegnere che fa? Il solito pirla!
Se proprio non desiderava seguirlo poteva starsene almeno zitto e inapparente.

A volte mi rivedo in vecchie fotografie: non riesco a identificarmi in un età precisa, tuttavia mi è chiara la consapevolezza del tempo che è passato. E mentre la memoria dei pesci rossi è limitata a tre secondi ( ! ), il bagaglio dei miei ricordi cresce in rapporto alle nuove esperienze. Accumulo.
Mille964 rappresenta un dato identificativo che per l' umana burocrazia è molto rilevante: non avere età comporterebbe estreme difficoltà pratiche e logistiche.  E quel numero mi seguirà fino sulla lapide.
Pochissimi danno mandato di escluderlo.
"Qui giace un uomo che nacque, visse , morì:  esaurito in terra il suo tempo, dimora nel cuore di chi l' amò "
Potrei far incidere così...
è più fine del noto " Che cazzo guardi! "
Ma prima di questi pensieri funesti, meglio riempire ulteriormente il tempo che è, e mi verrà dato.
Una bella dormita per le prossime ore!
Buonanotte ragazzi.

Sei forse stato poco attento Mister.
Nel mio primo commento di questo post, non ho fatto nessun riferimento al tuo compleanno semplicemente perchè i 45 li compivi il giorno sucessivo.
Nessun ripensamento per gli auguri fatti il giorno 18 aprile.
Le critiche erano dovute.
Il blog anche a questo serve, troppo comodo stare sempre nelle quinte.

Mendy

A me anche le terze abbondanti non sono mai dispiaciute ...le quinte sono un pò eccessive. un pò come avere il garage che è 4 volte la macchina. Non sai mai qual'è il modo migliore per parcheggiarla ...

mister

Ricordo al Mendy che il viaggio dell' addio al celibato sarà in camper: quindi servirà un esteso garage per parcheggiare. Tranquillo:  fatti di cronaca che raccontano di gente soffocata da grandi tette trattasi di leggende metropolitane.
E poi veglieremo: se diventi blu come un puffo interveniamo.

Ragazzi, il nostro Presidente parla chiaro: troppo comode le quinte! Bisogna sacrificarsi pure a ciucciare  olive e bottoni, non solo angurie e meloni.
Appare poco sereno: teme un erosione di consensi al suo mandato?
E' infastidito dal mio governo ombra?
Arriva pure a mistificare le mie parole. Ed accusarmi di essere poco attento alle sue.
Vero il contrario: ho forse parlato esclusivamente di auguri mancati?
Ho chiaramente scritto il mio pensiero: ho trovato inadeguato intervenire nel post a me dedicato ( era pure il primo commento ) senza neppure un " saluto, una battuta, un augurio ".
Molto fiscale aggrapparsi al fatto che non fosse esattamente il giorno del compleanno ( questione di ore). Bastava formulare qualsiasi pensiero rivolto alla mia persona - una battuta, un saluto- ed invece niente. Anzi, una citazione al suo figlioccio prediletto Mendy.
Avrei più rispetto del presidente se questo atto di maleducazione fosse stato deliberato e volontario: una bastardaggine che fa parte della cultura Briscoloniana.
Ma egli vuole portare un altro stile: nei giorni precedenti si era speso in un sacco di auguri , di saluti, di buone cose ai soci che non fanno altro che innalzare i livelli glicemici del Blog.
E questo stride col suo commento incriminato: dov'è la coerenza?
Signor Presidente, lei deve capire che il Blog è anche frequentato da persone sensibili e delicate, le quali, oltre a cogliere i colori piatti, assorbono le sfumature. Se il post viene modellato da più mani queste debbono interagire in senso logico e armonico, dove i colpi di martello possono convivere con i ritocchi di lima.
E se vuole maneggiare la critica deve maneggiarla sapientemente, motivandola ed esplicandola, producendo dati e situazioni oggettive.
E facendo nomi.
Chi ciuccia le quinte?
Quando poi è stato chiamato a produrre pagelle si è nascosto nelle solite frasi etiche di circostanza.
Troppo comodo?
Lei non può pensare che tutti i soci assecondino il suo piano  Fabiofazista che porti il Briscolone verso strade buoniste: c'è gente come me che continua a pensare alle pennette al sicomoro come un idea che faceva cagare altrettanto quanto il gusto delle stesse.
Neppure può credere che gli altri colgano i meccanismi consci e inconsci del suo sentire e pensare: fondamentale la fase comunicativa ed espressiva degli stessi.
Non mi offra sul piatto d' argento spunti polemici dove sguazzo come un anguilla nel Sargasso.
Segua la sua linea del vogliamoci bene: ammetta che nel suo primo commento ha mancato di stile.
Vedrò poi se accettare le scuse.

Non sempre quello che pensi è nel giusto.
Non ho mancato assolutamente nello stile, ho solamente risposto ad un commento scritto e preferito aspettare il giusto giorno per gli auguri.
Tu sei libero di pensare nel modo che preferisci e sicuramente non modificherai il mio, con le tue provocazioni.

pasi

Lezioni di stile:
Buon rientro a Crema al nostro socio viaggiatore e buona vacanza ecc. ecc.
Vero, domani è il compleanno del Mister!
Preparo gli auguri...

Ma il Mendy che fine ha fatto?

Buon rientro a Crema ecc. ecc.
Pile, che eiaculatore precoce!
Personalmente per  gli auguri al Mister posso reggere fino a domani.

Ma il Mendy che fine ha fatto?

Buon rientro a Crema ecc ecc.
Domani è il compleanno di quel rompicoglioni del Mister?
E chi se ne frega!

Ma il Mendy che fine ha fatto?

Buon rientro a Crema ecc. ecc.
Bene hai fatto a ricordare che domani è il compleanno del Mister: anzichè i soliti banali e scontati auguri avrò più tempo di preparare un commento adeguato alla ricorrenza.

Ma il Mendy che fine ha fatto?

Buon rientro a Crema ecc ecc
Pile, lecchino ! E che spreco un post dedicato al compleanno del Mister.
Vedrò di preparare psicologicamente le mie dita a battere gli auguri.

Ma il Mendy che fine ha fatto?

Buon rientro a Crema ecc. ecc.
Bè, per adesso il Mister è ancora un under 45... ma tra poche ore sarà over!
Vado a preparare la nuova tessera del Briscolone.

Ma il Mendy che fine ha fatto?

Buon rientro a Crema ecc.. ecc..
Anche se in anticipo, tanti auguri Mister!

Ma il Mendy che fine ha fatto?

Buon rientro a Crema ecc. ecc.
Pile, mi hai battuto sul tempo!
Allo scoccare della mezzanotte era mia intenzione dedicare un post al compleanno del nostro caro  amico Mister. Vorrà dire che resterò alzato per un semplice commento: countdown!

Ma il Mendy che fine ha fatto?

Buon rientro a Crema ecc. ecc.
Quarantacinque anni fa, in queste ore, il Mister stava cercando disperatamente di uscire da una fileppa: non poteva sapere che diversi anni dopo il suo scopo principale sarebbe stato disperatamente quello di entrare...
Ma domani la moglie gli regalerà un maglioncino o qualcosa d' altro?

Ma il Mendy che fine ha fatto?

Buon rientro a Crema ecc.. ecc..
Come Presidente del Briscolone vorrei aprire la strada inaugurando i commenti a questo post: mancano poche ore ma è giusto aspettare in prima fila il taglio del nastro per il compleanno Mister.
Pre-auguri!
Per gli au - guri ci vediamo dopo!

Ma il Mendy che fine ha fatto?

Buon rientro a Crema ecc. ecc.
Caro Mister, ma domani le 45 candeline le spegnerai con il soffio, o con le scoregge??
Il Mendy è tutta settimana che sta incollando lo zucchero a velo sulla torta!

Cosa vuoi che ti dica Gerets: lo stile briscolone è cosa innata.
Al massimo puoi andare bene a fare fotocopie e incollare francobolli al moto club.
Al Briscolone abbiamo bisogno di un Presidente serio, umile e disposto ad imparare.
Ed evolversi per il bene comune.
Magari mettersi in discussione.
Rigido deve essere l' uccello, mica la mente.
Tu fai al contrario !!

mister

Affermare che la terra abbia forma sferica non rappresenta una provocazione: è dato di fatto.
Quello del Pile non era semplice commento: il Presidente ha risposto per primo ad un POST a me dedicato.
Non avermi citato rappresenta chiaramente una cafonaggine.
Ragazzi, siamo guidati da un leader che ancora pensa che la terra sia piatta.
Possibile non si renda conto della steccata fatta??
Molti dei soci sono schierati politicamente dalla parte del Gerets.
Molti amano le quinte.
Sarebbe troppo chiedere testimonianze a mio favore.
Ma forse avete ragione voi: meglio non contrariare uno che è convinto che sia il sole a ruotare intorno alla terra.
Culturalmente è Medioevo Briscoloniano.
Per questo il Presidente chiedeva che fine avesse fatto il Mendy: è il buffone di corte!
Senza le sue scoreggie non si diverte.
E per questo mi osteggia: rappresento il progresso, l' innovazione, la ricerca.
Egli preferisce vivere nell' arretratezza delle proprie semplici convinzioni.
Se potesse mi manderebbe al rogo!
Ma teme i demoni: si limita ad arginarmi.
E con tutti i salamanecchi che fa agli altri soci ( buon di qui,  buon di la,  auguri per ogni cazzata) cerca i favori di una corte che si stringa a lui. E che al massimo ponga flebili critiche o battutine.
Ma il Presidente non è uomo libero: teme che le cose che possa dire o scrivere- e quindi lette- possano urtare o creare malumori.
Non solleva coperchi: si limita all' apparenza superficiale, alle buone maniere, alle ipocrisie delle relazioni del comun buon vivere. Esce dalle quinte solo per ruoli marginali, da comparsa.
Un vero leader dovrebbe essere protagonista: e rischiare di essere fischiato.
O di vivere il trionfo.
Napoleone mirava alla Russia: mica a conquistare il pezzo di terra dietro casa sua per farci l' orto.
Quali sono le ambizioni del Briscolone? Roma, Londra, Parigi, o Chieve, Bagnolo, Pieranica?

mister

Alle volte Mila mi ronza intorno come una fastidiosa zanzara: reclama attenzioni.
E capita che le dia un tozzo di pane per tenermela buona.
Questo post mi è stato servito a regola d' arte.
E digrignare al Presidente non è servito a nulla.
Egli sa che sono qui.  E  che sto abbaiando.
Eppure m' ignora: teme il confronto dialettico.
Ritenendomi un provocatore  snobba le istanze e respinge i latrati.
Un uomo pieno di certezze: nessun accenno di autocritica, di messa in discussione, di revisione.
Immutabile il suo pensiero.
Atteggiamento spesso rivelato: strategia da trincea.
Secolo scorso, prima guerra mondiale.
Contento lui, contenti tutti: forse qualcuno è venuto a darmi manforte?
Nessuno si è schierato nella diatriba.
Capisco che può essere interessante come il racconto di un operazione alle emorroidi: ma queste pagine attualmente non offrono altro.

Visto che il Gerets non recede minimamente dalle sue posizioni, e strumentalmente mi snobba con silenzio, fino a data consona ignorerò la sua persona. Da oggi diviene l' Innominato.
Troverò altrove spunti per scrivere. Non sono gradito come consigliere di corte.
Son cane che abbaia: ululerò alla luna.

mister

Dopo l' ennesima sconfitta al terzo set, il direttore del torneo tennistico mi ha detto che dieci anni fa quell' avversario lo avrei battuto.
Mha... questi paragoni sono opinabili.
Come se anni fa fossi stato un fenomeno: ma presi batoste pure allora.
Ed alcune "famose" vittorie furono con avversari alla mia portata.
Obiettivamente la condizione fisica delle mie migliori stagioni ( intorno ai trent' anni ) è migliore dell' attuale: ma dal punto di vista tecnico oggi gioco meglio.

Un episodio: lustri fa andai sul milanese per un incontro a squadre, ed in panchina avevo come coach il sopracitato direttore. Non si trattava di un turno decisivo.
Persi il primo set, e pure il secondo si stava mettendo male. Allora il capitano mi consigliò di rallentare il gioco, respingendo i forti tiri dell' avversario con palle alte e molli: praticamente pallonetti ad ogni colpo. Non trattandosi di torneo individuale dovetti obbedire.
La strategia sembrò funzionare: iniziai la rimonta. L' avversario dimostrava di non soportare a livello nervoso quella subdola tattica, e palesemente s' innervosiva. Iniziò a madonnare: si chiedeva chi glielo faceva fare di stare li un sabato pomeriggio sotto il sole cocente a giocare in quel modo.
Ricordo ancora come mi guardava di traverso!
Sempre più irrequieto si mise a colpire ancora più forte per uscire dalla ragnatela, ma sparachiava metri fuori. Iniziò pure a lanciare la racchetta.
Il suo capitano lo invitava a calmarsi, a pazientare nelle trame, ma lui lo mandò a quel paese.
Lo raggiunsi nel punteggio.
Al cambio di campo, anzichè sedersi, lo vidi infilare la racchetta nel fodero, e saraccando in cinese lasciò il terreno di gioco senza neppure stringermi la mano e dichiarare l' abbandono.
Percorse i cento metri del vialetto sempre imprecando, e agli spettatori che chiedevano lumi diceva che era inveracondo giocare una partita in quel modo, che il tennis non era quello e che non aveva tempo da perdere per una partita che contava poco o niente.
Uscì dal circolo, e dopo aver sbattuto violentemente la portiera dell' automobile sgommò via in tutta fretta alzando un gran polverone dallo sterrato.
Non vi dico le sghignazzate del mio capitano!
Da parte mia, un pò sorridevo, un pò mi vergognavo...

Oggigiorno rifiuterei la messa in pratica di simile strategia: già non ho più voglia di stare a fondocampo limitandomi ad un gioco di contenimento e regolarità ... figuriamoci alzare pallonetti ad ogni colpo!
Consapevole della ridotta tenuta fisica ( l' età che avanza! ) ricerco mezzi più rapidi per fare il punto, e tra le altre cose sono anche più divertenti: purtroppo dritti tirati per essere vincenti finiscono fuori, le smorzate si spengono nel mio campo, gli attacchi coraggiosi a rete si prestano per essere passato come un tordo, o per fare volee estemporanee che non regalano mai il quindici.
Vincere divertendomi ai tornei è cosa sempre più difficile. Lo posso fare nelle partite amichevoli al circolo, dove i soci giocatori sono più vicini alla pensione che alla carriera di Nadal.
Gioco e riflessi sono rallentati: la superiore differenza tecnica si fa sentire. Più che forte io sono scarsotti loro!

Cao Mister, se hai la testa dura peggio di un mulo, non è colpa mia.
Se contunuo a rispondere alle tue provocazioni, non bastano i soliti 70 commenti di un post.
Il proverbio dice: il bel gioco dura poco.
Libertà è avere anche pensieri diversi, tu pretendi ben altro.

mister

Eccomi ragazzi, sono il Mister, il mulo ragliante.
Cazzarola, stamattina pensavo di essere un cane abbaiatore, ma evidentemente mi sono dato troppa considerazione.
Scusatemi.
Fossi bardotto avrei almeno nobile paternità ( cavallo stallone): ed invece mio padre è... un asino!
E sicuramente zoccola la cavalla che mi ha concepito.
Solo per questioni economiche si è lasciata scopare: produzione di mulo, animale da lavoro.
Una vita del cazzo. Passata a trasportare pesanti carichi. Ed essendo sterile, neppure fanno trombare.
Per questo abbiamo la testa dura: ti svegliano all' alba, ti piazzano sulla schiena quintali di roba, e con un calcio nel didietro pretendono che ti metti allegramente in moto senza protestare.
Fan' culo !
Poi finisci disprezzato nei soliti luoghi comuni e proverbi idioti.
Gente anziana e senza stile che ragiona seguendo i dettami di Frate indovino, e che non regge l' ironia  quando si va oltre le battute da Pomofiore.
E che vive circondata dai Don Abbondio.
O dai Bravi a far da guardia.
Ma il Mendy che fine ha fatto?
Ma il Mendy che fine ha fatto??
Ma il Mendy che fine ha fatto???
Sarà impegnato col dottor Azzecca- Garbugli!

Hhi iò!  Hhi iò! Hhi iò!
Raglio alla luna...

mister

Anche il Briscolone ha la sua giornata della Liberazione: liberazione dalle donne!
Da tempo mogli e affini sono fuori dai giochi: storicamente hanno portato solo guai. E ricordate la mia battaglia sul Blog?
Riuscii a strappare pure un risicato voto a Umbe!
Ritengo che quella data possa essere identificata come la nostra festa.
Naturalmente propongo  sia celebrata.
Alla faccia dei nostalgici.
W le tette, il culo, la fica, abbasso quando le femmine vogliono metterci il becco!

mister

Il 15 ottobre!!
Per il commento integrale di Umbe ( soffertissimo! ) vedere il post " Donne e Briscolone".
Avvio l' iter burocratico di beatificazione della nostra giornata della Liberazione.
Vale la regola del silenzio assenso!
Ma poi abbiamo quello che al mattino suona la tromba?

mister

Proverbi della notte:
semifinali

chi trova un amico trova un tesoro
vs
meglio soli che mal accompagnati

chi troppo vuole nulla stringe
vs
chi fa da sè fa per tre

vince la prima semifinale: meglio soli che mal accompagnati!

vince la seconda semifinale: chi fa da sè fa per tre!

FINALISSIMA
meglio soli che mal accompagnati
vs
chi fa da sè fa per tre

vincente: meglio soli che mal accompagnati!

GAME OVER


25 aprile: F-E-S-T-A  D-E-L-L-A  L-I-B-E-R-A-Z-I-O-N-E.
Una giornata in cui tanta gente, certa gente soprattutto, perde come al solito l'occasione per...stare zitta! Quanta ipocrisia , quanta falsa partecipazione a fatti che nemmeno sanno ricondurre a date e luoghi. E a me in certe occasioni prudono le mani; cavoli come prudono.
Concedetemi lo sfogo. Auguri Mister.

mister

Sono terrorizzato: mi devo nascondere dalla furia di Bèla Paol?
Citando in modo poco ortodosso " Liberazione" non vorrei esser tra la gente  che ha perso l' occasione occasione per starsene zitta.
Il silenzio può essere riflessivo ( e rispettoso) oppure denotare disinteresse.
O seccatura per i supermercati chiusi.
Fortuna che il Mc Donald era aperto.
E che oggi ( domenica) i centri commerciali sono agibili.
Se vuoi spruderti le mani caro Paol puoi trovarmi all' ipercoop di Cremona: se finisco sulla Provincia come mulo aggredito e bastonato potrei utilizzare la visibilità ottenuta per candidarmi a nuovo Presidente del Briscolone. Gli animalisti rappresentano una forte lobby. Elezioni in vista?
Purtroppo ancora non ho l' età adeguata per sfilare con i reduci e combattenti di Zappello con il gonfalone tricolor. Si noterebbe troppo che sarei imboscato.
Ricordate quando abbiamo marciato assieme agli Alpini sulla via per il Dentella?
Bè, dai filmati si capiva che non c' entravamo un cacchio!
E si procedeva zitti .
Chissà se ci fosse toccato un discorso.
Che dite, saremmo riusciti a faglielo bere alla platea?
Tutto sommato il Principe è stato Bersagliere.
Qualche nozione del Carso la saprà.
Aneddoti ne ho pure io: ho fatto la guardia a Walter Reder, colonello delle SS.
Strage di Marzabotto.
Più faticoso  sarebbe esprimere lo stato emotivo quando sono entrato nelle celle della morte alla Risiera di S.Sabba, campo di concentramento a Trieste: si percepisce nettamente il peso.
E nel forno di allora mica cuocevano pizze.
Insomma ragazzi, frullando le nostre esperienze personali e conoscitive penso ne saremmo usciti discretamente.
A S. Pellegrino mancavano le grosse testate giornalistiche, e magari nessuno si accorgeva nel caso avessimo mischiato o confuso la prima guerra mondiale alla seconda.
Il caos Briscoloniano è fatto riconosciuto.
Magari il prossimo anno facciamo un poco di ordine, e non si sa mai che un coraggioso emetta un post specifico sul 25 Aprile festa della Liberazione.
A rischio e pericolo: picchiato e cecizzato ( nel senso di ceci sulle ginocchia ...) dalle armate fantozziane anti Mortirolo e Potemkin, o da Bela Paol fustigatore d' ipocrisia e falsa partecipazione.

Grazie per lo spunto e del buon accompagnamento. Ero alla frutta!

mister

Il metaforico pruder di mani di Bèla Paol ha ravvivato questo fine settimana: soci che trasmettono sentimenti rappresentano manna per il Blog. Ciò non significa che altri ragazzi siano assuefatti o sotto anestesia dai temi del 25 Aprile, ma lo scandire sillabando in stampatello " festa della liberazione" assume particolare significato all' interno di questo contesto.
Plauso da parte mia.
Come maggiore fruitore di queste pagine è chiaro che percepisco appassimenti: sarebbe impietoso e ingeneroso parificare statisticamente l' andamento dell' Aprile scorso. E' l' indice di vitalità che più mi preoccupa.
Sarei felice se questo trend fosse una congiura nei miei confronti come una critica più o meno inconscia ai contenuti offerti - dissociamento - ma in realtà la disafezzione ( in alcuni casi la mai-affezione) è da ricercarsi altrove.
Personalmente però mi diverte di più sentirmi amato e apprezzato come Mourinho e Balotelli messi assieme, anche se poi il mio auditel è quello di Cirillo e Arrigoni in società.
Amando i gesti teatrali ( garantiscono motivazioni) è mia intenzione staccarmi per un periodo di tempo dalla sinergia di queste pagine: per garantirmi una riserva dove poter scrivere assemblerò un Post personale, e mi dedicherò solo a quello. La vostra presenza non sarà richiesta, così non matureranno sensi di colpa per la mancanza  di voglia commentativa.
Naturalmente continuerò a seguire con interesse da lettore il resto delle vicende.
Vivissimi saluti.

Aggiungi Commento

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading