Briscolone Club

Commenti (134) -

Ecco una bella pista dove scambiare auguri, discorsi di fine-inizio anno, propositi a venire... e tutto ciò che fa brodo per queste occasioni.
E terreno ideale per il dito più veloce: l' anno scorso fui battuto sul filo di lana dal socio Beppe, e questo fatto ancora mi rode.
Il regolamento è semplice: vince chi posta il primo messaggio dell' anno, e fa testo la cronologia d' accesso al post. Bisogna scrivere almeno una parola di senso compiuto.
Per cui ragazzi, in una mano lo spumante, nell' altra il computer.
In bocca al lupo.

Non che il post precedente va in pensione: mi servirà a colmare il terreno perduto.
Continuerò negli aggiornamenti.
Alcuni temi incarnano uno spirito Briscolone da retrovia, e sapete che, piacciano o meno, ci sono affezionato. Messi in seconda fila disturberanno di meno gli avanguardisti.
Informo i lettori meno quotidiani che il Curbà è tornato, e c' è pure la chicca di un commento dello  zio Ciubec. Come suo stile non si è molto sprecato con le parole, ed ha lasciato il pronostico del Totofetus. Oggi è l' ultimo giorno utile per le giocate.

Ragazzi, sappiamo tutti che il nostro Presidente è più uomo da fatti che di parole: tuttavia è lecito aspettarsi un suo discorso ( scritto ) di fine anno, o inizio anno nuovo.
Sinceramente ci si aspetta di più delle solite scontate parole d' occasione.
Vero che il nostro personalissimo calendario parte a Novembre...
tuttavia prima di riuscire a far cambiare idea a tutto il mondo, ci troviamo ad affrontare una realtà strutturata  diversamente.
Forza Presidente, ci faccia sognare!

Ed è appunto perchè siamo sparsi sul territorio che il Blog può rappresentare luogo d' incontro per tutti i soci.
Tra oggi e domani sarebbe bello arrivassero molteplici testimonianze. Capisco che non tutti dispongono di connessione domestica, o che altri saranno fuori casa  (non sono come il Presidente che sa tutto di tutti...); tuttavia mi è sembrato carino allestire  terreno adeguato.
Ricordo altresì gli appuntamenti del 2 Gennaio ( pizzata open) e del 9 ( casa Gerets).
Si potrebbere discutere sui metodi di ricerca date del nostro leader ( c'è pure il precedente del fallito 12 Dicembre)...
tuttavia chi c'è... c'è !

Non potendo competere alla sfida dello scoccare della mezzanotte mi porto avanti e inoltro...vivissimi e cordiali auguri per un felice duemiladieci. OH-OH-OH-OH

Post anticipato, ma ne approfitto e colgo l'occasione per fare un'ultimo saluto al Briscolone club, in quanto questa sera non sarò a casa (invito dell'ultima ora) e non ho la possibilità di avere un PC da usare.
Dovrò pure rinunciare alla gara del dito più veloce per il primo saluto dell'anno sul blog.
Per il club l'anno 2009 è stato pieno di impegni che hanno fruttato molte soddisfazzioni:
inizio scoppiettante con premio ricevuto da padre Giuseppe per il presepe esposto in chiesa (merito al Mister);
Primi classificati alla gara del tennis da tavolo il Mister e Pile, con relativo salame (buono per il mio cane) e bottiglia di vino ricevuta in premio;
Soliti ritrovi per cene, con ricette personalizzate dal club (sugo Sicomoro) e deliziate da fantastiche torte fatte dal socio Bèla paol, una nota negativa (partite a carte pochissime, primo classificato il Presidente), cercheremo di rimediare il prossimo anno;
Inaspettata, forse anche lui all'inizio non ci credeva), rivelazione delle nozze del Mendy con Ele, ma tutto il club ha esultato, come avesse fatto un autoglol;
Grande cena della mutanda, club al completo non succedeva dal febbraio 2006, contornata da una deliziosa torta fatta da Bèla Paol, con disegnato un "tre": numero che annunciava una futura nascita di un pargoletto maschio, il socio in questione diventerà papà il prossimo gennaio (auguri anche alla mamma), in quella mitica serata abbiamo anche scattato la foto del nuovo calendario;
Addio al celibato del nostro socio Mendy con cena in un noto ristorante sul lago e sucessiva camperata di tre giorni in giro per il nord d'Italia;
Grande impegno di tutti i soci del club per la preparazione del grande giorno delle nozze del Mendy;
Da elogiare per l'ottima riuscita del nostro intrattenimento al Matrimonio del 3 ottobre, forse nemmeno noi pensavamo di riuscire ad accontentare proprio tutti;
E per finire la cigliegina sul club, il festeggiamento del 20° anniversario alla trattoria del Cacciatore (luogo anche della nascita), tutti presenti più il nuovo socio Luigi, con assegnazione delle carte (solo uno continua a rantolare) per il malcontento, è senza pazzienza e si è autoincartato, consegna del nuovo calendario, del ricettario e di un DVD che raccoglie tutte le foto riguardanti i 20 anni della storia del club;
Dementicavo, la cigliegina sulla torta l'ha messa il socio Mendy, questa volta, sì che ha fatto un autoglol, diventerà papà il prossimo aprile (auguri ai due giovani sposini), certo che questo grande evento lo poteva annunciare in un modo più consono al club (ma l'entusiamo dov'è);
Articolo con foto del nostro 20° anniversario pubblicati sulla Provincia di Cremona e Torrazzo.
Penso di aver ricordato con soddisfazzione dei soci, tutte le nostre zingarate, il nuovo anno si preannuncia già con due impegni e spero che il club non abbia dopo questa lunga maratona appena trascorsa un rilassamento generale.
Non abbassiamo la guardia, senza mai fermarci bisognerà sviluppare al meglio le nuove idee che ogniuno di noi proporrà.
Sta suonando la tromba per l'adunata, devo andare ci risentiamo nel 2010 auguri a tutti.

Qualcuno doveva pur rimanere a fare da guardia al fusto di benzina.
Vittoria facile.

pasi

L' elenco Presidenziale del Presidente riguardo le cose fatte pare uno spot del buongoverno.
Manca solo il ponte sullo stretto poi siamo apposto.

Comunque dovremmo regalare una tastiera nuova al nostro leader.
Oppure ci dovrà spiegare il significato della parola " autoglol ", visto che è stata ripetuta due volte.
Ma che cavolo avrà combinato il Mendy?

Comunque se il primo impegno del Briscolone è una pizzata con mogli al seguito ( pare con un paio in dolce attesa ) siamo apposto. Magari verrà pure il nuovo socio ( ?? ) Gigi, così il nostro Presidente sarà felice di contornarsi di persone che ciondolano dalla sua parte.
Del resto è uno che lecca bene.
E non fa sognare gli spiriti più monelli.

Un'ultimo piccolo errore di battitura ci stava visto la dimensione del commento.
L'anno nuovo è iniziato e pure le idee dei soci sono ben accette.
Spremete le meningi e fate le vostre proposte.

Caro Presidente, apprezzo il suo sforzo digitativo per creare un sunto delle opere compiute nell' intenso anno 2009.
In alcuni tratti il senso   è un po' referenziale ( oh come siamo belli, oh come siamo bravi) , tuttavia sono presenti giusti riferimenti per non crogiolarsi sugli allori.
Viene da chiedersi perchè in questo Capodanno, anzichè essere sparsi sul territorio, non abbiamo trovato modo e voglia di trascorrerlo tutti insieme.
Probabilmente perchè siamo "amici", ma non poi tanto così amici.  Non lo dico con insoddisfazione. E' solo per rimarcare una difficile classificazione del nostro gruppo: sfuggiamo ad etichette. L' articolo del Torrazzo titola:" Cartofila: il Briscolone Club ha vent' anni".
Cartofila?
Quest' anno abbiamo giocato pochissimo.
Abbiamo pure soci che fanno volontariato indossando la spilla. Ma se un assistito,  spinto da curiosità, andasse a consultare il nostro sito, probabilmente si accorgerebbe che i temi trattati non sono strettamente di carattere sociale.
Spesso il valore di una   parrocchia è determinato dalle capacità di un parroco. E' lui che la può accendere. O lasciare tranquillamente dormire. A seconda delle sue idee può guidarla in un senso o nell' altro: tradizione o innovazioni? Favorire i giovani o le perpetue?  Quale il giunto per bilanciare compromessi?
Un buon parroco deve conoscere il suo popolo. E non tutti si confessano.
Signor Presidente, sua politica si basa principalmente sul tavolo: allestimento di raduni dove si magna e si beve. Se c' è tempo si gioca a carte.
W gli amici! Auguri! Oh oh oh ! Com' è buona la torta! Scusa, mi passi il sale? Prego signora, si accomodi! Fuori fa tanto freddo. Che tempo che fa! Il bambino ha fatto la cacca ancora verde? Passato bene le vacanze?
Personalmente lotterò affinchè il Briscolone Club non si trasformi in un gruppo di bravi ragazzi.
Prima proposta: vi voglio cattivi!
E satiri e sarcastici.
Almeno un pochetto ironici.
W la pasta FIGAS, abbasso il sugo Imperatore!

L' articolista del Torrazzo ha chiuso il suo pezzo affermando che al termine della cena al Cacciatore abbiamo concluso la serata con una interminabile partita a carte.
Licenza narrativa: il fatto non è vero.
E' normale che la stampa di regime incensi, e che metta un pò di trucco ad un viso Briscolone che non è poi così limpido e vellutato.
E si tace su alcuni incresciosi fatti accaduti nella suddetta serata.
Per esempio la dittaturale elezione a socio del Signor Gigi.
O la poco limpida estrazione del cesto, guarda caso vinto dal Presidente. ( Vero, lo dividerà con tutti: ma è facile essere generosi quando il maltolto non è costato nulla. E lo si utilizza in modo strumentale per accrescere il consenso).
E che dire della tremenda sevizia che ha dovuto subire il povero Zaccheo? Mezza mano bruciata con un accendino!
Ma l' ingiustizia più grave è stata quella di avermi assegnato una carta del tutto estranea alla mia natura: ridicolo che il Presidente rappresenti il Re di Bastoni ed io abbia ricevuto il Re di Coppe.
Logico che mi ribelli.
Passo per un rompicoglioni, un assillatore, una noiosa zanzara idealista, un rantolatore?
Pazienza.
Per me era un fatto importante, e mi dispiace molto che il nostro leader non l' abbia capito.
Così me la son presa ( il Tre di Bastoni ), e amici come prima.
Fan' culo!

beppe

Ciao Mister, la vittoria del primo messaggio 2010 assomiglia tanto al primo posto conquistato dal nostro prode Dante ad una gara di tiro con l'arco....... era l'unico concorrente.....

Comunque da quando il mago Umberto di ha ridato vita artistica il blog ha ripreso vita e di questo te ne do atto.

AUGURI A TUTTI  BUON 2010
e a domani per la pizza.... qualcuno berrà il cocone?

Dante

C'è l'ho fatta a scrivere entro il primo dell'anno 2010.
Può portare bene per il proseguio del Blog (da parte mia)
Auguri a tutti.
E soprattutto...AVANTI A TUTTAAAA!!!

Dante

Commento a favore del Mister (anche se non ne ha bisogno):
L'importante è partecipare e poi se si è gli unici partecipanti può voler dire che l'impresa è ardua e l'impegno sono in pochi a poterselo permettere.
Io non ci sarei mai riuscito a mezzanotte ad essere attaccato al computer e ho faticato non poco a potermi attaccare prima che finisse il primo gennaio 2010.
Ciao  a tutti:
Per la pizza di domani sera dovrei esserci con tutta la famiglia (se non subentrano problemi).

D' accordo, la mia vittoria somiglia alla nota pubblicità che recita: " Ti piace vincere facile?", tuttavia l' emozione correva sul dito. Temevo agguati.
Da un certo punto di vista è da cretini passare l' ultimo minuto dell' anno con il dito puntato sulla tastiera, ma non mi sentivo solo. A parte Mila che mi stava in braccio per la paura dei botti, avevo la percezione di un senso Briscoloniano delle cose.
E' un impulso che mi tiene spesso ancorato a scrivere sul Blog.
Vero, me lo posso fisicamente e materialmente permettere, ma non è detto che questo rappresenti  fortuna e privilegio.
Già una volta avevo ipotizzato uno scambio di vita quotidiana tra i soci.
Chi prendesse la mia si troverebbe una moglie amorevole ma chiaccherona, un cane abbaione, un lavoro senza soddisfazioni ( l' unica è il solo fatto di avere uno stipendio fisso ), una casa che è solo in affitto, una macchina euro zero che fa acqua, un conto in banca sofferente.
Da qualche altra parte potrei pescare il sorriso di un figlio, una casa di propietà, un' automobile efficiente, un lavoro di prospettiva, dei risparmi consistenti, una moglie silente ( o che non c'è ... ) una vasca idromassaggio...
ma potrei trovare pure difficoltà o vuoti di altra natura.
Magari non possedere un computer domestico.
O la possibilità di chiudersi a lungo in una stanzetta per trastrullare con sè stessi.

Visto che domani ci sarà presenza di famiglie, cocone a volontà!
E magari possiamo fare il gioco degli animali.
Versione soft...
non certo quella birichina narrata nell' ultimo mio commento del post precedente!
Ma sarà insano sprecare così tanto tempo materiale ed energie mentali per dedicarsi a simili corbellerie??
E come sentenziò il nostro Principe riguardo al blog: " Umbe... hai creato un mostro!! "

Dante

Mister, la stanzetta che tu hai e dove puoi ritirarti dal mondo, dal punto di vista edilizio è una cosa molto importante e lo si nota dall'importanza che ha nel mondo orientale: si chiama STANZA DELL'IO e nelle case orientali è difficile che manchi.
E' importante proprio perchè una persona ha bisogno di questo luogo dove meditare riflettere trovare il silenzio e l'isolamento dal mondo, ritrovare se stessi, ecc.
Nella nostr cultura non c'è più questo luogo importante per l'uomo (oramai le case sono degli alveari, piccole, massimo due o tre locali..).
ma l'uomo ne ha comunque bisogno ed oggi un ambiente simile (dove stare soli) è il BAGNO (il cesso) per cui vediamo stanze da bagno lussuosissime con tutti i confort .
Io stesso dove abito non ho una stanza simile e senz'altro creerò nella prossima casa un ambiente simile (la chiamerò studio o biblioteca).
Quindi negli scambi di vita puoi mettere in gioco un buon direi ASSO DI BASTONI
Ciao  

Dante

In qualche momento vorrei proprio scmbiare la mia vita con qualche altra magari più tranquilla.
vedo quasi tutti i giorni un giovane (avrà 35 anni, con compagna e due cani che portano sempre in giro) che abita vicino a casa mia e che va a pescare quasi tutti i giorni, non so come faccia e non so che lavoro ha (se lo ha).
L'aspetto non è quello dei migliori comunque quando lo vedo con la canna d pesca un pò lo invidio.

mendy

Cara Befana,

per il nuovo anno vorrei chiederti alcune cose per i soci del Briscolone, cerca di fare il possibile.

A Luigi porta una regolare votazione, socio per decreto ad personam non è mai successo.

A Mino porta un chiosco di bibite, possibilmente in Sud America perché ad Arma di Taggia o Bellaria non avrebbe lo stesso fascino.

Al Ciube porta una tangenziale che arrivi a Crema in 5 minuti così potrà essere presenta ai ritrovi degli amici senza grossi rischi. Tra un po’ inizierà a guidare col cappello e con la faccia attaccata al parabrezza; sai che gli uomini col cappello sono pericolosi alla guida.

Al Zeo porta un bambino giallo; ne ha visti di tutti i colori ma questo mi sembra che gli manchi.

Al Curbà porta un coniglio, così magari scopre che non ruggisce e magari scrive un post più intelligente. Portagli anche una mela da infilzare con arco e frecce e due pere da infilzare e basta.

A Umbe porta una macchina che si accende solo quando riconosce la mano del padrone e soprattutto che ne risconosca le spinte pelviche. Portagli anche ciàspole ed uno stock di cravatte, ultimamente usa spesso entrambe.

A Massi porta un pallone con l’asterisco e la borsa del S.Francesco: quella che aveva ha dovuto riportarla indietro con tutta la “roba”. Portagli anche una giunta comunale dove il capogruppo della lega è Orassio.

Al Principe porta un intestino nuovo che non gli faccia venire lo squaraus; portagli anche una statuetta Masai e la macchina di Biasion, sono due grandi passioni. Portagli anche l’arpa; lui è il nostro angioletto ma per adesso ha suonato solo il piffero. Lui vorrebbe una badante ucraina ma forse è ancora presto….se arriva la badante Zaccheo rischia di finire in discarica.

Al Pile porta una doccia nuova così non chiederà più se “sa pol fa la dòcia chè”.

Al Mendy non portare niente, riportalo a casa e basta.

A Beppe porta un ubriacone sconosciuto che, ogni volta che è a cena con gli amici, si avvicini al suo tavolo e tiri giù le braghe quando stiamo facendo la foto di gruppo.

A Bèla Paol porta un naso nuovo che filtri gli odori di cacca e li trasformi in aromi.

Al Mister porta un computer che resista ore e ore, un po’ perché scrive lungo e un po’ perché schiaccia un tasto ogni 2 minuti. Portagli anche uno schermo con i peli attaccati così quando guarda le signorine nude che sono chiuse lì dentro gli sembra un po’ più vero e magari lascia stare la cagnetta. Portagli anche una carta nuova perché è un po’ che rompe le palle; anzi portagli tutto il mazzo perché così sceglie quella che vuole e magari ne cambia una alla settimana. Portagli anche una statuetta (ma senza spigoli) del Pilastrello così quando si incacchia col Geres gliela può lanciare intanto che passa sulla ciclabile col cane al guinzaglio.

Al Presidente Geres vorrei che portassi una tastiera per il computer con i tasti grandi e le lettere scritte grosse; sai inizia ad essere un po’ anziano e la vista fa difetto e scrive sempre le parole sbagliate…più o meno ha la tua età quindi so che puoi capire. Vorrei che gli portassi anche un nuovo gioco, “Il piccolo Pèpi”. E’ un carrettino a pedali dove si caricano cassette di frutta e verdura (lui l’orto ce l’ha già), si va in giro suonando il clacson e quando le sciure vanno in strada, il Geres, tra una zucchina ed un cetriolo, fa una battutina sconcia con un bèl ghignetto. Di solito le sciure non capiscono pagano il conto pensando che è matto e tornano in casa. Portagli anche una prostata nuova, lui va spesso alla REA ma non gli hanno detto che lì non ce l’hanno.

A quelli che abbiamo perso per strada ricorda che l'accesso al blog è libero e non serve scrivere cose intelligenti per partecipare.

Se non hai tempo per tutte le cose che ti ho chiesto lasciaci almeno la voglia di rimanere pirla. Non c'è bisogno che ce la porti perchè ne abbiamo in abbondanza.

mendy

P.S. Non mettiamo la calza fuori perchè ci sono rimaste solo quelle che spussano e che hanno il buco dove c'è il didù. Sai, siamo cresciuti tutti al grido "Arpiuna 'l didù!" del Giani.

Grazie

Speriamo che per il nuovo schermo dotato di pelo la Befana non si rada la patata e incolli il trebbiato al monitor.
Comunque dell' attuale video non mi posso lamentare: è un Samsung 22 pollici.
Ottime risoluzioni e vista limpidissima. Acquistato un anno fa con lo zampino del mago di Basiano.
Poco tempo fa era accanto : mi ha registrato il nuovo computer. Teoricamente garantite ore e ore di resistenza. Per fortuna che Umbe c'è!
La nuova carta me la sono pigliata in autonomia, mentre per la statuetta  sto allenando la mira per eventuale lancio. Il Presidente rappresenta uomo da tenere d' occhio.
Il Briscolone rappresenta una sorta di " stanza dell' io " di gruppo, e solitamente non ci si chiude dentro portandosi i fumetti di Topolino.
Dobbiamo evitare che il nostro leader ci porti a questo.
Fare un ritrovo il 2 di Gennaio con tanto di famiglie a seguito è un poco bislacco.
Speriamo bene per i mesi che verranno.

Saluto l' amico Mendy. Ogni tanto sembra scivolare lentamente dentro un cesso, salvo poi scuotersi riemergendo con vigore pirlesco. Speriamo trovi sempre la forza di aggrapparsi alla corda dei giusti ideali.
E' facile anche confondersi e afferrare la catena dello sciacquone.
Buon cocone a tutti!

Passare il capodanno tutti insieme! difficile da qualche anno.
Molti sono i motivi e non servirebbe nemmeno ricercarli tutti, sicuramente il fattore economico è sentito da molti, le famiglie aumentano, i bambini hanno esigenze diverse dal club, organizzare una cena in famiglia servirebbe un salone e tanta voglia di lavorare.
Ma il capodanno non potrebbere essere un giorno qualunque dell'anno, è un pò como il nostro calendario valido per tutti gli anni.
In questo nuovo anno appena iniziato potremo festeggiare il capodanno tutti insieme questa sera e vi assicuro che pochi mancano.
Non esiste il fattore economico costa 4 volte meno, spazio a dispozione quanto se ne vuole e nessuno deve lavorare.
Mentre il capodanno dei soci lo potremo festeggiare il 9 gennaio a casa mia, spazio sufficente per tutti cena con pasta figas, gioco a carte, tempo illimitato e rutto libero.
Meditate soci.


  

Sembra, ma non è uguale al precedente è il primo strafalcione dell'anno riprodotto e corretto.


Passare il capodanno tutti insieme! difficile da qualche anno.
Molti sono i motivi e non servirebbe nemmeno ricercarli tutti, sicuramente il fattore economico è sentito da molti, le famiglie aumentano, i bambini hanno esigenze diverse dal club, organizzare una cena in famiglia servirebbe un salone e tanta voglia di lavorare.
Ma il capodanno non potrebbe essere un giorno qualunque dell'anno, è un po’ come il nostro calendario valido per tutti gli anni.
In questo nuovo anno appena iniziato potremo festeggiare il capodanno tutti insieme questa sera e vi assicuro che pochi mancano.
Non esiste il fattore economico costa 4 volte meno, spazio a disposizione quanto se ne vuole e nessuno deve lavorare.
Mentre il capodanno dei soci lo potremo festeggiare il 9 gennaio a casa mia, spazio sufficiente per tutti cena con pasta figas, gioco a carte, tempo illimitato e rutto libero.
Meditate soci.

Nella disperata attesa che la Befana porti al Presidente una tastiera nuova con lettere giganti annuncio che il mio compleanno del 18 Aprile lo festeggerò il 3 Maggio.

Davide

Ciao
Dopo tanto tempo scrivo ancora un commento sul BLOG.
Ne approfitto x fare anche se in ritardo gli auguri di BUON ANNO a tutti quelli che non o sentito precedentemente.
Sinceramente leggevo il blog ma non mi veniva + lo stimolo (non di cagare )di scrivere,invece nell'ultimo blog proposto dal MISTER o trovato alcune cose molto interessanti che mi hanno fatto riflettere (ogni tanto anche io penso ).
E'solo un mio pensiero e di conseguenza preferisco tenermelo x me anche se giusto o sbagliato.
Mister prima di essere cugino ti reputo un buon amico e credo che tra tutti noi tu sia quello che incarna di piu' lo spirito BRISCOLONIANO.
Ci vediamo sabato dal gerets.
W IL BRISCOLONE

Il buon presidente oggi mi ha fornito di un nuovo malloppo di foto.
Le ho appena messe on line!!

Ciao Davide, ben tornato! Buon Anno!

Ci vediamo sabato!

Viva viva il presidente e grande Umbe. Che coppia!?!
Caro Mendy, se la befana provvederà potremo fare tranquillamente un pò per uno e poi potremo passare le serate disquisendo circa i diversi sentori e persistenze che le cacchette dei rispettivi lasciano.
Suvvia Principe non essere triste. Se il pupo lo permetterà sabato te lo porto io un dolce che ti tira sù ("cosa" non si può dire).

Buon momento di forma per Umbe: ultimamente la sua presenza sul Blog è viva.
Buon viatico per il futuro.
Ricordiamoci però di saldagli i debiti per l' affitto del sito: come stiamo a cassa?
Ulteriore domanda: è possibile inserire nella sezione fotografica l' ultimo calendario perpetuo?

Ottime performance anche di Dante: in pochi avevano scommesso sulla sua tenuta.
Vero, alcuni commenti rasentano il bizzarro ( vedi saga del coniglio ruggente). Tuttavia il Curbà è il Curbà: e con questo si dice tutto.

In tema Befana auguro che il socio Pile, oltre ala dòcia, possa ricevere - se non una stanza -
almeno uno sgabuzzino dell' io equipaggiato di postazione internet. Speriamo poi che lo utilizzi soprattutto per unirsi agli amici del blog, e non alle conigliette di Playboy. Quelle, più che ruggire, inducono ruggiti.
Rhooaaarrr!

beppe

Ho visionato le nuove foto sul blog, belle!!! Grazie al Presidente e al mitico Umbe senza il quale saremmo ancora alle fotocopie da distribuire di casa in casa.  Ieri il Principe mi ha detto che sul youtube "ricercare briscolene" c'è la sfilata con gli alpini, sono arrivato tardi ma merita di essere vista.
Attendiamo il prossimo appuntamento di sabato a casa del Presidente.
Buona settimana a tutti i soci.

Tra i molti miei commenti che stimolano ad andare al cesso, mi fa piacere che talvolta alcuni esortino riflessioni sulla vita del nostro Club.
Come recita un passo della prosa di Paol, molteplici sono le diversità psico caratteriali dei singoli soci. E differente la realtà quotidiana.
Diciamo pure che non esiste una legge universale che determini lo " spirito Briscoloniano ": sono accadute molte cose in questi 20 anni, piacevoli e meno. Personalmente, in base a questa esperienza, mi sono fatto un idea personale, e all' alba 2010 mi spendo per difenderla.
Nello stesso tempo sono consapevole che non posso imporla, ma semplicemente pubblicizzarla.
E magari trovare consenso.

Ieri sera abbiamo celebrato un Family day, ed è stata una piacevole serata.
I bambini giocavano in allegria; alcune donne toccavano la pancia dove erano custoditi i fetus;
" scusi signorina " dicevano i commensali alle cameriere; dopo la cena, diversi i cappannelli dove si faceva amabile conversazione.
Era Briscolone?
Sinceramente, a volte è difficile individuare netti confini.
Neppure è semplice trovare risposte certe.

Amo il mio cane.
E amo mia moglie. ( Anche se talvolta non capisce un cazzo)
Però spesso mi piace chiudermi nella  stanza dell' io. Magari per leggere. Magari per scrivere.
O giocare a soldatini.
E mi piace anche trascorrere delle serate con gli amici, magari per farsi venire emorroidi ingurgitando pasta figas accompagnata da una birretta parlando di figa.  E poi giocare a carte, dove più che tecnica prevalgono cappellate.
E' un salotto meno educato e raffinato, è un salotto meno intimo: è il Briscolone.

Vero Beppe, sei arrivato un po' lungo. Il filmato degli alpini è stato inserito dal Mendy il 21 novembre: nel post " Ultimi giorni di attesa" sono stati  anche scritti alcuni commenti a riguardo.
Osservando le bimbe all' opera, e conoscendo il tragitto lavorativo - oltre che i ruggiti della moglie -  si capisce quanto sia difficile per te essere lettore quotidiano: tuttavia ultimamente si avvertono segnali di ripresa.
Alè!
Per quanto concerne l' epoca delle fotocopie avrà avuto i suoi difetti, tuttavia non si operavano censure: avete notato che nelle foto pubblicate manca quella " Pacciani " della gita in camper?
Su internet scrivono pesanti nefandezze sul Berlusca e nessuno va in galera: dovremmo andare noi per un innocente foto turistica ??

In alcuni momenti sono necessari anche i Family day, pure loro fanno parte della vita quotidiana di ognuno di noi, piaccia o non piacciano, hanno un loro particolare equilibrio: poi ci possiamo dedicare tranquillamente al salotto Briscolone.
Concordo con il socio Pile che è meglio partecipare alle serate canoniche del club, ma anche lui non può sfuggire ai salottini di un Famyli day, se non sarà stato con gli amici del Briscolone lo sarà stato  con altri amici: ma il risultato non cambia.
Quindi invito tutti sabato 9 gennaio a partecipare alla convocazione del club e se saremo al completo ci potremo stringere a sogliola, servirà per mangiare tranquillamente la pasta figas e sentire meno il bruciore del peperoncino mescolato con la pasta.
Nessun problema: ci sono soldi in cassa sufficienti per saldare Umbe, le foto del calendario le metteremo prossimamente.

Mi piace talvolta ricordare che io e il Principe rappresentiamo la più antica cellula di conoscenza Briscoloniana: nel 1963 le nostre mamme ( sorelle ) si toccavano reciprocamente il ventre che dolcemente attendeva.
Burocraticamente abbiamo un anno di differenza, ma in realtà trattasi solo di cinque mesi.
E' non è un caso che il mio primo ricordo della vita è rappresentato da io e lui che giochiamo nella sabbia con  palette  secchiello all' asilo nido.
Essere cugini non significa necessariamente essere amici: con alcuni parenti ci sono vincoli di sangue, ma non sempre la frequentazione è tale da giustificare un certo tipo percezione e sentimento. Ricordo molte zuffe, e sereni divertimenti: pochi i discorsi, poche le confidenze.
Ancora oggi è così ( a parte i pugni!).
Può essere un limite, può essere un pregio... e personalmente riconosco la mia incapacità per aprirmi di fronte a certi temi. Ma spesso è una scelta.
Tengo per me i miei cazzi, e rispetto quelli degli altri.
I cazzi veri.
Per quelli di gomma nessun problema.
Mi piace  infilarli tanto quanto prenderli.
Vero, a volte bruciano pure loro, ma con un po' di pomata, tutto passa.

La bellezza delle donne è vaginale: amanti, amiche o confidenti esse siano. Piacevole abbandonarsi a loro , che ti avvolgano con la fica, o con il loro mondo di pensare femmina.
Fatto sta che sono prive dello Spirito Santo Briscoloniano: non possono capire e comprendere alcuni misteri della nostra fede.
E quando mettono troppo becco diventano pericolose.
Disgregano.
Tonti noi o brave loro??

Uomini del Briscolone, pensiamo con l' uccello.
E ragioniamo con il culo.
Stringiamoci a coorte!

Ribadisco la diversamente piacevolezza della serata di sabato scorso.  Ma era targata Briscolone?
Personalmente non conosco le ragioni delle assenze;  logico che dispiace ( valori ) ma naturalmente ognuno è libero di fare ciò che crede: anche stare a casa a farsi le pippe.
Come è libero d' invitare chi vuole l' organizzatore di un determinato evento, sia una gita fuori porta, una serata cinema, l' affettamento di un salame.
L' unità a tutti i costi a volte è solo ipocrisia, come certe unioni di partiti assemblati solo per ragioni elettorali.
Per cui non facciamo diventare casi politici certe quisquiglie.
A volte, caro Presidente, neppure mi vien voglia di vedere  lei: o trovo pesante l' idea di uscire con degli amici consolidati. Se questi sono buoni, capiscono, e la volta dopo sono ancora li che ti abbracciano palpandoti il culo.
Fare un po' di cagnara briscoloniana è lecito, ma non prendiamoci troppo sul serio.
Su bei duri!
E tutti presenti e inquadrati all' adunata di sabato 9!

P.S. Paol, non ci frega niente se mancherai: l' importante è che arrivi il dolce. Probabilmente sarà l' ultimo a non puzzare di cacchina. O a non essere guardato  sospetto se fatto di cioccolato.

Nel 1963 anche Beppe prendeva confidenza nella placenta: essendo figlio del fratello di mia madre e mia zia, noi tre cugini stabilimmo i primi contatti ventrali.
Come detto, non tutti i parenti diventano amici: di un mio primo cugino seppi solo di quando si ruppe una gamba lanciandosi dal balcone con un ombrello per simulare un paracadutista. In tutta la vita l' avrò visto una decina di volte, e alcune di queste occasioni erano funerali.
Per me , Davide, e Beppe, la faccenda è un pò diversa: per vie e modi differenti siamo diventati anche  amici. Con quest' ultimo però non ricordo di essermi preso a botte.   Solo scorgnamenti  (anche recenti...) intellettuali.( !? ). E pure la fede calcistica  incide.
E come con Davide, ho vissuto il legame basandolo più che altro sulle avventure, il divertimento, l' affetto reciproco, la consapevolezza di essere diversi ma nello stesso tempo uniti. Anche per il vincolo famigliare. Si percepisce.
Naturalmente non vogliamo rubare il mestiere ai televisivi e celebri " cugini merda ", comunque nel nostro piccolo ci difendiamo bene.

Comunque, caro Principe non farmi più l' elogio Briscoloniano, oltrechè testimoniarmi affetto e amicizia.
Poi mi agito, e non riesco più a dormire. Scrivo incartandomi e imbirlando parole, mi spiego male, perchè dirsi che ci si vuole bene è molto più difficile che mandarsi a fan' culo.

W la figa, w il Briscolone !

Eccomi di ritorno. Dal desco professionale (si fa per dire ) mi è più facile accedere al www.

Ho letto tutto quello che mi son perso sul BloB in questi ultimi giorni (vissuti intensamente e a volte con troppa frenesia…) dove ho avuto la fortuna di incontrare alcuni Soci ma, ragionevolmente, non tutti. Devo pubblicamente ammettere come il sentimento primo e più forte a presentarsi, sia stato un profondo e orgoglioso senso di appartenenza al gruppo. Spesso mi succede che, causa svariate ragioni probabilmente nessuna sufficientemente valida, capita di latitare dal Blog. Quando ci ritorno con un poco di calma, ecco che la magia si rinnova e la sensazione e l’orgoglio di essere parte di un ensemble così variegata e ricca  si riaffaccia e si consolida.

Qualcuno ha già obiettato che mancano quei legami definiti “profondi” perché manca l’intimità basata sulle confidenze reciproche; o almeno la stessa è riservata a gruppi ristretti e diversi all’interno del Club. Potrà anche essere ma non ritengo questo aspetto fondamentale. Quello che invece credo non manchi è la bontà del sentimento che ci lega l’uno all’altro e tutti quanti al gruppo, la disponibilità nell’accettarci reciprocamente così come siamo, con tutte le nostre caratteristiche che possono più o meno piacere, la gioia del volere il bene per tutti e la disponibilità nel mettersi a disposizione tutte le volte che ce ne è di bisogno.

Tutto questo non mi sembra poco… anzi. Forse perché è più facile, forse perché arriva da tantissimi anni di conoscenza reciproca, forse perché le esperienze condivise (che i benpensanti hanno già classificato come vuote o border line..) sono molte ma ecco che tutto questo spoglia il nostro stare insieme da banali ipocrisie e rende il tutto più genuino, ruspante.

Grazie a tutti voi, a tutti noi. Abbiamo passato vent’anni e ci accingiamo ad iniziare il ventunesimo con scoppiettanti novità e tanta energia. Che la stessa si rinnovi sempre come la voglia di cercarci e di ridere di noi.

Allora, parafrasando chi la sapeva lunga per davvero, ci auguro che Qualcuno ci dia la serenità per accettare le cose che non possiamo cambiare, il coraggio per cambiare quelle che dobbiamo e la saggezza per distinguerle.

Buon Anno Briscolone

Intenso e seducente il commento del Pile.
Se fossi una donna gliela darei subito.
Ma pure il Principe mi ha tenuto sveglia ed eccitata tutta notte.
Stili differenti.
Ma entrambi mirano la stessa cosa.
Forza ragazzi, dentro legna al camino Briscolone!

Dolce diverso e personalizzato sabato per il Mister. E dovrà ingerirlo senza lamento alcuno!
Ricambio l'augurio, socio Pile.

Ciascuno di noi è come ha voluto essere o come le circostanze lo hanno portato ad essere...ma ognuno è una storia unica che è solo sua e delle persone con cui sceglie di condividerla. Non c'è bisogno di confidenze sotto le lenzuola per alimentare l'amicizia e lo spirito goliardico del Briscolone, il nostro essere un pò scanzonati, e la condivisione di ogni singolo giorno. C'è un sentimento di fondo che ci fa venire voglia di stare insieme anche dopo mesi di silenzio...e non esiste un tempo oltre il quale c'è il "non ritorno".
Siamo qui e ognuno con i suoi tempi ed i suoi modi partecipa e ...vive...e tutto questo non si misura. Ognuno deve sentirsi di essere e di esserci in modo del tutto naturale, un pò come andare al cesso.

Per continuare sull'onda lunga di chi la sa lunga mi auguro che ci sia concesso di vivere un giorno alla volta, assaporare un momento per volta, accettare le prove come un sentiero verso la pace.

Auguri bischeracci!

D' accordo Paol, assaggerò  il dolce personalizzato come fosse una prova sul sentiero che porta alla pace.
Preparerai una candida colomba, morbida dentro e croccante fuori?
Ho già l' acquolina in bocca.

Tra le altre cose ho letto proprio oggi su di un quotidiano la pubblicazione di uno studio: dimostra che in sala parto i mariti sono inutili, e che la loro presenza risulta insignificante rispetto lo svolgimento delle operazioni. Anzi, talvolta la presenza è dannosa, e serve solo a riscaldare animi già agitati.
Per cui, nel caso fetus bussasse, puoi sempre chiamare un taxi e caricare la moglie in direzione ospedale.
Così potrai tranquillamente concentrarti sulla preparazione dei dolci.
E magari portarli direttamente a casa Gerets.
Mi raccomando, ingredienti freschi: niente di avanzato o riciclato nelle festività Natalizie.

Ma il Mendy si droga?

Stiamo diventando molto complicati, i troppi cibi, spumanti e magari un "sigaro" a fine pasto, possono aver creato qualche mutamento ai soci.
Ritorniamo con i piedi bel saldi al pavimento e preparatevi per la sera del 9 gennaio che una pasta figas sostenuta, il salame del Principe e il dessert sorpresa di Bèla Paol, riposizionerà tutte le rotelle al suo posto.

Rotelle? Quali rotelle?? Qualcuno ne ha???
Visto il "crescendo" dei commenti mi sembra di poter dire che la pace già l'abbiamo raggiunta. Quella dei sensi! Altro che testarci con i suggerimenti e le indicazioni del socio Mister... Speriamo almeno che la befana sia generosa e che non ci porti solo il "salame" del Principe; non basterebbe certo per accontentare e soddisfare i desideri di noi tutti.
Viva i lavoratori!

Caro Gerets, scrivere sul Blog è come fare sesso.
Capisco che tu ami le cose semplici: una missionaria, quattro colpetti, e via.
Ma capita che alcuni ingranaggi delle rotelle siano più complicati per qualcuno, e perchè il meccanismo funzioni adeguatamente risulti  necessario sollevare i piedi da terra.
Hai mai provato a lanciarti da sopra l' armadio verso il letto vestito da Zorro cercando  d' infilzare Carmencita con la spada?
Vero, i commenti sveltina, o di normale cazzeggio, assolvono degnamente lo scopo: tuttavia, a volte, i fremiti sono maggiori. Perchè frenarsi?
Quando ci si veste da lupo, è bello quando Cappuccetto Rosso arriva ed esclama  " Oh nonna, che salame grande che hai ! ". Magari ce l' hai solo di tre ghei, ma se non hai i piedi ancorati alla mera realtà ti senti come Rocco Siffredi.
I soci non mutano:  Hanno semplicemente dentro cose che non sempre emergono.
E le lacrime non sono date solo da una pasta figas sostenuta. Si può piangere di rabbia, di gioia, di dolore.
Ci si può commuovere di fronte ad un insulso film alla tv.
Mai preso nel culo?
Cazzo se brucia. Altro che peperoncino. E che goccioni!

Pazienza se qualcuno prima di scrivere sul blog si fa di allucinogeni.
O se è talmente tanto tempo che non scopa che gli spermatozoi gli sono finiti nel cervello e gli escono sottoforma di parole.
Queste sono pagine bianche.

Cari ragazzoni del Briscolone,  perchè una volta tanto non mi fate voi  bel regalo?
Sono anni che non trombo, e sinceramente avrei voglia di farmi una bella ciulatina.
Ho consultato il vostro ultimo calendario, e sia per ragioni fisiche, che di età, ho trovato molto attraente quell' ometto vestito da contadino.
Se non erro si chiama Gianfri, ed è il vostro Presidente.
Pensate che sia in grado di soddisfare le mie voglie?
Prendo la scopa e parto.
Barbettino mio, prepara la ramazza che arrivo!

La Befana preferisce gli uomini forti, con mazza e martello in mano, vogliosi di lavorare e sempre pronti a soddisfare ogni esigenza materiale.

befana


ma chi cazzo ha bloccato il camino....e mà da dove scendo????  Che presidente che avete Briscoloniani non ripetta neppure la Befana  meditate ......meditate ed intando carbone gli lascierò e non avrà pace

principe

Onde evitare ogni dubbio sul" salame del Principe" ci tengo a precisare che si tratta di insaccato.

principe

Mister torniamo ai vecchi tempi
MA VA FAN CULO
Come fai a sapere che brucia cosi tanto a prenderlo?
Marrazzo a fatto scuola!!!

principe

Ma il PILE a intenzione di prendere il posto del PREVOSTO la Domenica alla Messa con il MENDY degno ACCOLITO ,questi sermoni una volta si sentivano da Padre Lorenzo.
Tigio sei in pericolo guardati dal MENDY che ti vuole fregare il posto.

principe

PAOL mi raccomando il dolce.
Ingredienti sani e genuini anti cagotto,se poi cagotto deve essere che sia, sfruttero' il bagno nuovo del GERETS

Mendy

Una domanda sorge dal profondo per il Nostro Presidente....

...ma sa pol fà la dòcia lè???

Dato che rimane pendente la votazione per l'ammissione del potenziale nuovo socio Luigi, sottopongo a votazione che

1- il nuovo adepto sia sottoposto al rito di inziazione (come già successe al socio Curbà in tempi e modi diversi, trattoria Campari Casaletto ceredano, anno 199X) e si presenti con la "roba" per effettuare la "dòcia" di inziazione a casa del Presidente.

2- gli altri soci attenderanno in accappatoio, ciabatte e maglia rosa ufficiale logata del Club il termine della abluazione purificatrice di rito e rovescio.

3- a seguire una breve presentazione scritta od orale del nuovo socio a cura del Presidente, in cui verranno spiegate le ragioni della richiesta di ammissione del nuovo adepto.

4- votazione secondo tradizione per alzata di mano (voto Palese, detto Pecorino), foto di rito e rovescio e partita a carte.

Che "la roba per fà la dòcia" sia con voi!

Votate!!!

Mendy


L'abluzione è un lavaggio rituale a scopo di purificazione spirituale.

Il concetto di abluzione varia a secondo della culture, può essere parziale oppure totale. Si tratta di un atto di sacrificio espresso nei riti di passaggio (TRANSUMANZA), ma al contempo di un gesto propiziatorio delle divinità, per proteggersi da esse. Può essere un bagno completo o consistere nel lavaggio delle mani, e può essere fatto prima di un sacrificio o un'offerta nella religione romana o prima della preghiera nell'Islam.

Appartengono pure al genere delle abluzioni anche cerimonie quali il mikve ebraico, il battesimo cristiano e l'aspersione nei riti di varie religioni.

L'abluzione si ritrova in tutti i culti orientali. La legge di Mosè la prescriveva agli Ebrei. Egualmente prescritte erano le abluzioni presso i Greci e i Romani.

Caro Principe, ricorderai che durante la gita in camper ho dormito nell' attico matrimoniale insieme al Mendy.
E ci siamo divertiti un po'...

Più rigido è il Presidente: a quanto pare si è barricato in casa, e ha pure ostruito il camino.
Aveva paura di fare brutte figure?
Povera Befana: essere così espliciti di fronte a una donna non è mai carino. Poteva sempre farla accomodare, offrigli un the caldo, fare buona conversazione. Poteva inventarsi il fatto che è un uomo fedele alla moglie, e declinare eventualmente avance sessuali.
Che uomo insensibile!
Carbone meritato.

Per quanto riguarda il Pile, penso che l' interpretare il Vescovo alla cerimogna del matrimonio Mendy gli abbia causato strani fenomeni vocativi.
Sabato sera lo metteremo alla prova: di fronte al dio salame   (insaccato del roi...) e alla dea fica ( la tv del Gerets, a una certa ora , capta programmi interessanti ) studieremo le sue reazioni.
Se saranno le solite ( papille gustative esaltate tanto da farlo sobbalzare sulla sedia, bulbi oculari che schizzano fuori dalle orbite cercando di avvicinarsi maggiormente allo schermo), vorrà dire che si è trattato di un fenomeno isolato e temporaneo.

L' ultimo commento del Mendy conferma la teoria del Principe: l' ingegnere vuole fregare il posto al Tigio?

Inserire il rito dell' abluzione in un Club dove la nostra religione idolatrica  spinge a venerare il simbolo del maiale pare alquanto strana: il suino non è considerato di fatto per antonomasia essere sudicio e immondo?
Concordo invece pienamente che l' elezione di socio del signor Gigi sia del tutto arbitraria: e su questa illegittimità è da tempo che mi batto.
Accogliendo in parte la proposta del Mendy, e in virtù delle argomentazioni fatte prima, propongo alcune modifiche e inversioni.

1- breve presentazione da parte del Presidente del candidato socio socio, con spiegazioni della richiesta di ammissione.

2-  votazione palese

3- in caso positivo, rito d' iniziazione: verranno tagliate alcune fette di salame, e il Presidente, utilizzando queste, ungerà ( insudiciandolo ) il corpo ( in mutande) del nuovo socio.

4 - dòcia ( quest' ultimo si dovrà presentare  " con la roba" )

5- i soci attenderanno fuori normalmente vestiti con la maglietta rosa ( è per evidenziare la diversità: troppo accogliente la versione accappatoiata di tutti).

6 - consegna della maglietta ufficiale e vestizione.

7- esordio con pasta figas personalizzata di massimo carico.


Chi desidera la bicicletta deve pedalare.
Altrimenti continui a camminare a piedi.

Troppi giorni senza lavorare per alcuni è pericoloso, per fortuna che l'Epifania tutte le feste le porta via, buon lavoro, ma purtroppo non per tutti domani.
Mi sembra che avete la memoria corta.
Luigi non è il solo socio entrato nel club senza votazione.
La dòcià non si può fare, quindi inutile portare la roba.
La Befana è si venuta da me e mi ha anche portato una bellissima nuova tastiera, poi ha voluto guardare il nuovo calendario del Briscolone,  si è soffermata alla pagina dell’uomo Plasmon, ha voluto indicazioni precise della sua abitazione  e  in fretta si è volatilizzata dalla mia casa.
Chissà come sarà andata?

Alcuni ragazzi sono entrati nel nostro club in virtù di meriti guadagnati sul campo (vedi honoris causa ad Umbe ), o per aver radici comuni ( vedi Mino ), o per aver militato a lungo come efficaci simpatizzanti ( vedi Massi ).
L' unica dote dell' anziano Gigi è quella di essere amico del Presidente.
Presidente che manda articoli ai giornali definendoci gruppo goliardico, ma che boccia ancor prima della discussione proposte in questo senso.
Ed anzichè premiare la fantasia dei soci, o il coraggio di avventurarsi in terreni poco conosciuti, li manda a lavorare.
Se le prospettive sono queste, (  già col family day non siamo partiti bene...) prevedo periodo d' involuzione e regresso: adunate per mangiare e stampa di propaganda.
E oppositori del regime al confino.

P.S. gente, limonare sopra una scopa volante è fantastico!
Non l' ho dato via perchè al primo appuntamento non lo faccio mai: ma per il futuro non si può mai dire.

La doccia non si può fare?
Strano: tempo fa il Presidente aveva tenuto tutti i soci col fiato sospeso per i problemi al suo bagno. I commenti con i quali illustrava con dovizia di particolari
l' andamento dei lavori sono stati tra i più seguiti nella storia del Blog. E le cure maniacali dedicate alla pandenza del piatto di scolo non può vantarle nemmeno la mitica pista dello Streiff.
Ma ci sono nuovamente problemi tecnici, o è il nostro leader che non vuole aprire i rubinetti
dell' acqua?
O intende dire che la carica di socio a Gigi è già operativa?
Da parte mia ritengo che i punti uno, e due, ( spiegazioni della richiesta, votazioni ) siano auspicabili e necessari per il mantenimento della democrazia all' interno del nostro club.
E che il Presidente, come eventuale rito iniziatorio, proponga un suo progetto alternativo.
Goliardamente adeguato: sarebbe ridicolo fagli bere un bicchiere di vino ed  esclamare: " W il Briscolone, W il briscolone! "
Il bidet funziona?

Dante

C'è da dire che chi dava il blog per morto e defunto si deve ricredere in quanto mi è bastato essere assente per pochi giorni che mi ritrovo con un numero imprecisato di interventi e tutti da leggere e approfondire.
Una seduta dallo psicologo è meno redditizi nel far emergere tutto quello che uno si sente dentro e non trova lo spazio, il tempo e soprattutto chi lo ascolta.
personalmente il FAMILY DAY mi è piaciuto e mi sono trovato bene anche per il fatto che i bimbi (compresi i miei) hanno giocato, si sono divertiti ed alla fine della serata mi hanno confidato che la "pizzata briscoloniana" gli è piaciuta.
E quando i figli stanno bene tutto va bene. Queste parle sono scritte soprattutto per chi presto sarà papà.
Dicevo che la serata mi è piaciuta in quanto family day; nella prosima logicamente le aspettative sono ben altre.
Quindi a sabato con tante prelibatezze piccanti e sugose come...

Dante

Mi fa enormemente piacere che i miei commenti cosiddetti alla "Curbà" vengano letti e che soprattutto lascino delle tracce , anche se piccole, nei commenti successivi.
Mi riferisco ai vari "ruggiti, conigli, stanze dell'io...".
Grazie  

Dante

Fabio e Fiamma è un'altra trasmissione sempre su RADIO DUE che vale la pena di ascoltare o meglio valeva la pena di ascoltare in quanto è stata tagliata dal nuovo palinsesto.
Ultimamente non riuscivo più ad ascoltarla (ore 11.30) ma devo dire di essere uno degli ascoltatori che la seguita fin dal suo nascere (allora si chiamava Fabio e Fiamma e la trave nell'occhio).
E' comunque triste dire fine ad un evento a cui si era attaccati.
Morale: non è questo, per ora, il caso del BRISCOLONE che sembra vivo e vegeto e tutt'ora ben in onda (avanti a tutta)        

Vorrei pubblicizzare un nuovo evento Briscoloniano 2010: si chiama " Mister e Pasi e la trave nel culo"
Dopo aver prelevato una putrella alla fabbrica dove lavoro, attraverserò paesi e città a bordo del mio Ciao, e andrò a premiare mensilmente l' autore del commento più strampalato.
Gennaio: è così difficile individuare chi c'è in testa?
Eh si, le corbanate lasciano traccia.

In attesa che le tavolate dei Family Day si allunghino, il Mendy ha sparato una cartuccia vecchia maniera ( saranno le ultime? ). Per adesso l' esito non conforta: le votazioni sulla sua proposta Gigi ( e bozza modificata) non decollano, e il quorum è a rischio.
Buon gioco per il Presidente.
All' ultima pizzata ha pure comprato i bambini: li ha chiamati a se e invitati al bancone del bar.
Sono tornati tutti con un gelato in mano. Che vergogna!
Da quanto ho intuito Sabato sera pareva pure intenzionato a sostituirmi la carta da gioco di cui mi sono lagnato a lungo: davanti a tutti intendeva dimostrare la sua magnanimità, rendendo l' operazione propaganda al suo mandato. Ma l' ho fregato anticipandolo: mi sono autoassegnato il Tre di Bastoni.
Fan' culo!
Ma sarà serata tranquilla, rotta talvolta da i collegamenti in diretta con " Tutto Fetus  minuto per minuto ",  dalle battutone di Gigi, dalle osservazioni metereologiche, o ci sarà battaglia?
Sopra la scrivania ho tre maialini in porfido che mi urlano: " portaci con te! portaci con te! "
Ma cosa mai vorranno??

principe

Ma sotto l'accapatoio cosa dobbiamo mettere!!!!!!!

siamo alle solite... quando ci viene chiesto di schierarci (anche via sms... bravo Mendy) forse prevale quel senso di pseudotranquillità che ci suggerisce di stare comodi e lasciare le cose come stanno.

Personalmente apprezzo la proposta del Mendy che, con un guizzo (?) di orgoglio sfodera una proposta briscoloniana tutt'altro che scontata. Ottima anche la rifinitura del Mister... ma un poco stonata mi è parsa la reazione stizzita del nostro leader.

D ache il briscolone è tale significative e a volte molto impegnativi sono state le doti/prove necessarie all'ammissione e, anche nel caso del nuovo candidato Gigi, non vedo perchè ci si debba discostare.

Gigi ha sicuramente manifestato positivi e beneauguranti segnali di caratteristiche briscoloniane ma non credo siano sufficienti a garantirgli un ingresso diretto in un club oramai ventennale. E' amico del presidente e questo in periodo di Berlusconismo è sicuramente un pregio (ma il gerets non era comunista???), ma non basta.

Concordo con il Mendy ed il Mister circa la necessità di rito d'ingresso (forse) come si deve.

Ovviamente l'abluzione consistente nel "fà la dòcià lè" mi sembra passaggio importante visto il significato che questa facility ha assunto recentemente dalle nostre parti. Il nostro Presidente dovrebbe essere orgoglioso di offrire il suo bagno come splendido palcoscenico di questo evento. Come già evidenziato dal Mister, che senso ha detteglirci sulle entusiasmanti vicende del suo bagno se poi nell'occasione mediatica fondamentale non lo rende disponibile? Ma non era suo amico il candidato Gigi?  

Vabbè staremo a vedere quello che succederà.

A proposito... la Befana troppo impegnata a ciulare con il Mister non mi ha portato nessuna doccia nuova. Presidente... " sa pol fà la dòcià lè? me porte la roba!)

State buoni se potete!
A volte la pseudotranquillità citata dal Pile è buona compagna: perchè cercare complicazioni?
Alle volte è più difficile tacere, o far finta di niente.

Se il nostro Presidente - per ragioni etiche - non ritiene la sua casa luogo dove uomini nudi dispongano a piacere della sua doccia ( magari inchiappettandosi: io la faccio in coppia con il Mendy! ), può benissimo farlo.  E legittimo se ritiene poco consono ungere di salame il petto del suo collega ( pensionato ) Gigi per via di un amicizia differentemente amica.
Tuttavia si dovrebbe schierare in maniera netta:  non ciurlare nel manico.
Evitiamo situazioni ambigue ed equivoche.
E capacitiamoci che non sempre si può accontentare tutti: ma è bello sapere da che parte si sta.
Guardiamoci chiari.

Qualcuno marcerà compatto accappatoio alla mano: necessitano decisioni supreme: doccia schiuma Vidal, o Baby Shampoo Jhonson?
Presidente: ci dia la luce!

PAGELLE DEL BLOG 2009!

Sono in allestimento, nel post precedente ( successive ai pornocommenti) le pagelle blog 2009.
Qua ferve il dibattito: non desideravo lasciare posto a distrazioni.
Chi fosse interessato alla sua valutazione, saprà dove trovarla.
Promosso o bocciato?

paol

Sono Darwiniano convinto per cui credo fortemente nella selezione naturale della specie che si evolve, progredisce, si adatta e alla fine sopravvive o si estingue perchè inadatta. Non si tratta di colpa o merito; trattasi semplicemente di "evoluzione" di quell'esistenza cui siamo stati chiamati. Dono, non diritto. Cosi "porte aperte e accoglienza" fanno parte del DNA evolutosi in questi miei anni convinto che, come già sostenevo poche righe più sopra, è "l'ambiente" a fare selezione. E l'ambiente Briscolone non si sottrae a leggi superiori. Certo questo è "un" parere rispetto al quale è più che lecito dissentire in maniera manifesta portando "la roba per fà la docia le". Personalmente provvederò ai riti purificatori cui sono tenuto in sede privata. L'auspicio, citando una celebre frase di un socio Briscoloniano, è quello di evitare di trasformare una serata felice in una tragedia!  

Dante

Votazione su quesito Mendy:
SI! A Luigi il rito di iniziazione si deve fare così come l'ho fatto io.
Per quanto riguarda le prove di iniziazione, da semplice due di spade, non avendo tanto diritto di proporre prove, mi attengo a quanto deciderà il gotha dell'associazione.
A stasera.  

Dante

Per quanto riguarda la doccia, l'acqua, i riti purificatori con abluzioni, ecc. ecc. come ing. IDRAULICO non posso che esserne pienamente d'accordo.

Ma al Presidente, oltre al bagno, non gli funziona il computer?
Latitare nell' imminenza dell' evento - quando il dibattito ferve - non depone a suo favore.
E' struzzo che mette la testa sotto la sabbia?
E' presunzione della casta che nemmeno si degna di ascoltare il popolo?
Pronto a battutare sulla Befana, immoto quando l' asteroide sta per impattare.
Il Briscolone ha resistito ad eventi catastrofici, ma sta per colassare per una doccia  negata.
Gli storici resteranno di sasso.
Ma siamo pienamente in linea con lo spirito demenziale del Club: era banale estinguerci causa donne dal lungo becco.

Restando alle ultime indicazioni del leader ( la doccia non si può fare - iniziazione Gigi bho ?? ), pare che villa Gerets rappresenti territorio evoluto, per cui chi desidera entrare è tenuto a rispettare le regole della casa.
Comunque piove: perchè non allestire una zona lavaggio all' esterno?
Problemi con i vicini?
Indagheremo sulle mappe catastali per stabilire i confini tra giungla e civiltà.
Comunque rimangono ancora alcune ore di speranza: quale soluzione per fermare il masso incandescente proveniente dallo spazio siderale?
Presidenteeeee!!!!

Il mio parere l'ho già espresso precedentemente e mi sembra inutile ripetermi.
Condivido l'ultimo commento di Bèla Paol, e la celebre frase di un nostro socio Briscoloniano:  evitare di trasformare una serata felice in una tragedia!
Ognuno è libero di pensare nel modo migliore in cui crede.
Un suggerimento non ho molto posto all'interno per depositare indumenti superflui, fuori piove, e in garage c'è il cane che gli piace giocare.

SI!! Anch'io sono d'accordo ad una doccia  d'ingresso. Entrare nelle compagnie di amici di vecchia data è sempre difficile. Se con una semplice doccia si riesce a fare, perchè no, è tutto di guadagnato! Vai Gigi!

Ovviamente padrone di casa permettendo...

Mendy

Ho un problema: ho una perdita in bagno ed il giratubi oggi non si trova.
Non mi sembra cortese presentarmi a casa di un amico con l'ascella pezzata, una scia anestetizzante e la mutanda con la riga (all'interno).
Qualcuno può prestarmi una doccia? Ricambierà alla prima occasione utile.

Grazie

principe

C'e' ZACCHEO che scalpita x la serada, al vol po lu la roba x fa la docia perche' al dis che a sta so an cantina ghe'an po da pulver e vulares tirasela ea con ana bela docia colda .
P.S. Ma che tipo da shampoo go da purta x fa mia sculuri i caei a ZACCHEO .

" La doccia non si può fare ". Queste sono le parole del Presidente.
E sarebbe un parere??
Nemmeno viene spiegato se trattasi di problema tecnico o filosofico.
E per Gigi?   Nessuna, nessunissima controproposta per l' eventuale ingresso e iniziazione al Club.
Nonostante  larga maggioranza del  popolo - S. Patrono compreso - bussi alla porta con il sapone in mano, i rubinetti resteranno chiusi.
No Umbe, il "padrone di casa" ( la moglie del Gerets?? ) non lo permette.

Per cui, come è nostra tradizione, rispettiamo i voleri di chi mette a disposizione il proprio appartamento.
Ognuno tragga poi personali conclusioni.


P.S. Mendy, sotto casa tua passa l' Alchina: tuffati dalla finestra e fai un bel bagno. Se sbagli mira e centri l' asfalto, faremo intervenire il Gerets affinchè possa espiare le sue colpe: mentre sarai politraumatizzato a letto, verrà lui a lavarti il sedere con bacinella e pezzuole.

beppe

Presidente a che ora è il ritrovo alla casa bianca?   attendo notizie  ciao a tutti

L' orario di convocazione dettato da l' Obama non abbronzato  si trova seppellito da miriade di commenti.
L' abbiamo recuperato: " ore 20, si consiglia di non mangiare"

Custodisco gelosamente il calendario, scrigno in cui giace la pianificazione annuale degli eventi Briscolone. Diffonderò quanto prima, anche perchè i primi mesi sembrano quelli più intensi per numero di eventi. A fine anno pochi ma impegnativi (presepe vivente).

Buona settimana a tutti e w la ciàspola!

L' ispezione del bagno ha dato esiti positivi: ambiente confortevole, doccia in perfetto stato.
Evidentemente il negato utilizzo ha ragioni politiche.
Rimango dell' idea che l' herr comandant dell' abitazione ( che non è il Gerets... ) abbia dato parere negativo.
Peccato: un' abluzione iniziatica avrebbe un po' rivitalizzato l' amico Gigi, che,  a quanto pare, ha guadagnato la tessera senza colpo ferire.
Abituato all' ordine teutonico del Moto Club, l' ho visto perplesso durante la fase organizzativa dell' anno 2010: probabilmente la segreteria a due ruote fa  uso meno disinvolto  del calendario.
Delusione anche a fine serata: anzichè sedersi ai tavoli da gioco, e dare sfoggio della sua tecnica, prendeva mestamente la via di casa. Del resto il ruolo di " uomo divano " è già brillantemente coperto.
E questo sarebbe un socio?
Si è pure presentato con dei biscottini fatti in casa a forma di cuore.
Mha...
Fosse un giovane si potrebbero sperare miglioramenti ( notato quanto sia cresciuto Umbe?): ma cavoli, trattasi si di un giovane,  ma nel senso di pensionato!
Secondo me, il Presidente ci ha comprato un bidone, buono neppure a fare la trivella: non è uso all' utilizzo del Blog.
Va be', forse l' anello debole della catena evolutiva sono io.
Mi ritrovo anche con 10 euro in meno, e il ricettario (??) Briscolone in più ( acquistato per puro spirito pietoso, come certi libricini messi in  fondo alle chiese con vicino una cassetta delle offerte).
O  dovrei mettermi ai fornelli a preparare " I piatti prelibati del nonno Gerets" ?

Se aver avuto spirito d'iniziativa nel fare una raccolta dei piatti preparati e più o meno gustosamente mangiati durante i nostri ritrovi è una colpa.
Non c'era nemmeno nessun obbligo d'acquisto perche fatto stampare solo su richiesta, molti soci hanno preferito non averlo cartaceo ma solo (forse) guardarlo sul PC.
Nemmeno è necessario che ti metti ai fornelli per preparare le ricette già sperimentate, ne puoi fai tranquillamente delle nuove.
Quanto viene offerto è sempre ben accetto, anche la critica ma se equamente fatta, non solo mirata al solo scopo di colpire uno specifico socio.

nel rapido ed intenso scorrere della serata di sabato mi è sfuggito un "dettaglio" qual'è il seguente quesito:

ma Gigi è diventato Socio oppure no?

Presi pienamente da vortici mangerecci (grazie a chi si è dato da fare per il tutto...), preparazioni a furiose corse di gruppo in sala parto, intense elucubrazioni strategico/tattiche nel gioco del Briscolone abbiamo assolutamente trascurato questo aspetto.

Ecco allora che il Mister lo considera già tale anche se non ne abbiamo parlato per nulla e nulla ha duvuto fare il buon Gigi per avere conferma e certezza di essere parte effettiva del Club.

Vorrei che mi si chiarisse questo aspetto perchè è opportuno capire se da ora in avanti per essere parte del Club basta essere amici del Presidente oppure esiste e resiste un minimo di fio da affrontare per aver garantito l'ingresso

grazie

Ho già espresso il mio pensiero in altri commenti.
Il Briscolone, ha già usato più volte una linea morbida per gli ultimi soci entrati a far parte del club, così anche per Luigi è stata adottata la stessa.
Pertanto la sera del 7 novembre è diventato socio a tutti gli effetti ricevendo la carta con motivazione dal Zeo.
Anche altri soci (così già considerati) hanno ricevuto la loro carta con motivazione.
Per questi ultimi soci citati è già stata presa una difesa, ma in realtà non ci sono scusanti in loro difesa di nessun genere che possano essere prese in considerazione.
Quindi mi sembra molto chiaro che: per essere socio non è una regola essere amici del Presidente, ma anche solo amici di altri soci.

E pensare che per quanto mi riguarda Luigi era partito bene...agghindato a dovere mi si è parato davanti nel giorno del fatidico Sì con la giardinetta. E' un merito ad personam...ma dopo il bon inizio mi aspettavo altro...
Anche perchè pure Rigghins ha prestato la Turbinosa a Bèla Paol, ma non è diventato socio...forse perchè non ha guidato fino a Madignano?

Manteniamo la tradizione di sottoporre i nuovi a prova di ingresso, dòcia, bagno o bidet che sia...il mio bagno è disponibile in un intorno del 20 aprile per ottemperare al rito.

Caro Gerets, ricordati che non rappresenti un socio ordinario: sei il Presidente.
Logica una maggiore esposizione mediatica.
Si ampliano i consensi: ma anche le critiche.
Se poi mandi articoli ai giornali ( vedi Provincia e Torrazzo ), dove veniamo citati come un gruppo amante della "goliardia, delle discussioni, degli sfottò", non ti devi innervosire se qualcuno ironizza sul Ricettario, se l' investitura a divinis di Gigi è poco tollerata, se la negazione della doccia ha provocato delusioni.
E se il mio fosse  univoco attacco personale, sicuramente sulle  "pagelle blog" ( vedi post precedente) non ti avrei dato 7+ come voto, che tra tutti è quello più alto. Avrei potuto utilizzare alcuni tuoi svaironi digitativi o frasi contorte per abbassare strumentalmente la media: ma non è stato così.

Presidente, lei fa arrivare i treni in orario: ma per certe cose non ci siamo.
In alcuni momenti non mi va di venire sotto il balcone per applaudirla.
Ma se desidera la mia fede d' oro matrimoniale, la cedo volentieri!

Pezzo di merda Mendy,
( scusa Paolo, ma poi il Presidente mi accusa di  fare  critiche  senza utilizzare il bilancino)
secondo me il povero Gigi è solo una vittima: il Gerets, inciucciando il Zeo, ha promesso al suo amico un posto nel Club, e ritenendola azione possibile, ha scavalcato il parere del  gruppo. Ce lo siamo ritrovato  al Cacciatore carta in mano.
Già in quel sito si erano levate voci dissenzienti:  ricordo in maniera netta un ": Pià an mùment" di quel cazzone del Pile ( scusa Pilly, vale lo stesso discorso del Mendy).
Da parte mia continuai sin dal giorno dopo la protesta sul Blog.
Tira e meseda le cose non sono cambiate: Gigi si è sentito parte integrante, e al family day si è presentato con la moglie. A casa Gerets ha passato serata tranquilla, convinto di essere socio.
Non legge il Blog. E sicuramente il Presidente non gli racconta dei malumori.
Simbolicamente, una votazione, ed eventuale doccia iniziatica - con informativa preliminare- aveva tutto un altro gusto se fatta Sabato, giusto alla dimora di chi lo aveva introdotto.
Ripiegare in Aprile non sarebbe giusto: bisognava essere più fermi e decisi in precedenza.
Prescrizione dei termini.
Da parte mia, la chiudo qui.
Evviva il nuovo socio!
Oh oh oh!

Propongo, per il doccia day di casa Mendy, una gara a chi ha l' uccello più lungo.
Misurazione classica: righello alla base dell' asta rigida, verifica alla punta della cappella.
Per i noti problemi erettivi dei due pensionati, utilizzeremo sistema alternativo: bisogna fagli tirare il pisello molle come fosse un elastico, e poi misurare. A parte 2 o 3 millimetri di tolleranza (in più, o in meno), corrisponde a eventuale taratura solida.
Provare per credere!

Avete amiche che possano prestarsi al ruolo di giudici di linea?

Mi sembra ovvio che per stare al gioco Briscoloniano debba dissentire da alcuni commenti fatti sul blog.
Dopotutto la polemica è linfa del gruppo, invita anche altri soci a scrivere altrettanti commenti per concordare o dissentire.
Nemmeno farò l'avvocato difensore del socio Luigi è grande abbastanza per difendersi da solo: dopotutto essere amico del Presidente non è sicuramente un privilegio, meglio se lo fosse stato da un'altro.
Diamogli solo modo e tempo necessario per integrarsi a dovere nel gruppo, una scadenza non c'è, l'inizio presocio è stato buono, sabato ha superato la prova "figas", a breve giudicheremo la prova ospitalità e poi, il resto vien da solo.
Di una cosa non son tanto convinto, la doccia day, in qualunque luogo sia: l'uso dell'acqua mi sembra alquanto pericolosa, il rischio garantito di allagare il pavimento specie se di legno non mi sembra una buona idea.
Meglio meditare: ma ognuno è libero di pensare come meglio crede.
Anche questo è Briscolone.

LO SBROFFINO E' MIO
E LO GESTISCO IO!!

IL GEREZ MI DICE "SEI DEPRESSO"
E NEMMENO DENTRO AL CESSO
POSSIEDI UN TUO MOMENTO!

E poi il pavimento del bagno non è di legno...tiene!!

Ed il cesso è come quel noto locale, il Bar Bisa, ...un posto dove si entra uno alla volta e senza spingere!!!

Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia! Dòcia!

Adesso il Presidente la mette sul gioco, ma in realtà spesso gli rode il culo.
E ribadisco che il problema principale non è Gigi ( la vittima), ma l' abuso di potere con il quale è stato introdotto nel club.
Il Gerets pensi a fare l' avvocato di sè stesso. Sarà meglio.
E in modo migliore di quanto l' abbia fatto fino ad ora.
Qualsiasi giustizia neutra lo condannerebbe.
Parificare l' entrata del suo amico a quella di altri soci (  perchè non fa mai nomi?? ) non rende giustizia a chi ha fatto tanta gavetta.
Umbe è partito dalla categoria Gioppini... ma poi si è meritato l' honoris.
Dante ha subito iniziazione. E si è beccato il due (che tuttora detiene).
Massi è da secoli che bazzica.
Mino da meno: tuttavia ha già ingoiato orribili sughi Imperatori e Sicomoro, ha posato per il calendario, ha calato braghe e mostrato mutande. E il suo è un ritorno: è  soggetto con forti radici. Io , Beppe, Pile , Davide, Dante lo conosciamo sin dall' infanzia. La sua candidatura  ha potuto godere di ampio appoggio. Niente di unilaterale.
Ma il Presidente non approfondisce mai: si nasconde dietro pensieri contorti , che se fossero intenzionali sarebbero capolavori di politichese.
Per non parlare del mancato doccia Day di Sabato: le sue ultime affermazioni sconfinano nel patetico.
Ha solo paura della moglie.
O della gara dell' uccello più lungo.

Se il Briscolone è ciò che medita il Gerets, viva lo Scarabeo Club!

Qualcuno mi illumina? Non mi ricordo la data della ciaspolata.... 30 o 31?
Comincio a perdere colpi....

ciao!

Consulto il calendario compilato sabato e ti aggiorno nel fine settimana.....

Che nel Briscolone Club la democrazia è un optional lo dimostra la calendarizzazione di Sabato: ogni volta che cercavo d' intervenire venivo zittito dal segretario. E la sua faccia sbuffosa e indispettita faceva da contorno.
Fortuna che il Blog rimane terreno libertario ( per ora ...), per cui esporrò in questa sede le mie opinioni.
Partirò da un estrema sintesi:  la ciaspolata è... la ciaspolata è... una cagata pazzesca!!
Ciaspole??
Basta il nome: una roba da sfigati.
Ammettiamolo ragazzi: se questa roba qui l' avessero fatta i  vari Thosciro e Carlett ci saremmo sbellicati dalle risate. Se la facciamo noi diventa roba da cult.
Non amo seguire mode e tendenze.
E nemmeno finire sotto una slavina.
Ammesso di non crepare prima soffocato dal vomito provocato dal  mal d' auto: curve e tornanti montani sono micidiali.
E poi la neve è fredda e umida: ne tasto a sufficienza quando vado a lavorare con il Ciao dopo una fioccata.
Se proprio desideriamo fare una gita alpina facciamola a primavera: normale camminata tra placidi sentieri e profumati ciclamini.
Oppure affittate un paio di ciaspole in meno.

Oggi era il giorno mediamente deputato.
In attesa di notizie ( ci sarà una prima pagina? ) continuo la  filippica.

Un ulteriore fatto che poco ho digerito è l' arbitraria assegnazione sulla  groppa della biciclettata in Crema. L' abbiamo fatta l' anno scorso: è necessario ripeterla?
O maggiori sforzi di fantasia sono fuorilegge?
Ci tenevo molto di più ad affrontare la mitica Colata di S.Colombano con le bici da donna.
Idea snobbata. E qualche risolino di compatimento.
E dopo simile smacco dovrei organizzare la vasca su due ruote in via Mazzini?
Che originalità!
Che goliardia!
Al massimo posso impegnarmi per un tour proletario tra le vie di Passarera e Cascine S. Carlo.
E gelato preso al Bar Sport, con cinque soli gusti tra cui scegliere: panna, pistacchio, limone, cioccolato, fragola.
D' accordo, le fiche di quei paesi non saranno all' altezza di quelle pettinate che strusciano tra le vie cittadine, ma così  vestiti di rosa sembriamo un gruppo di culattoni:  rischiamo di acchiappare qualcosa d' altro.

Ulteriore perla è il Presepe vivente.
Che idea!
Non ci aveva pensato mai nessuno.

Ragazzi, se qualcuno s' impegna in parrocchia tanto di cappello.
Ma un conto è dare una mano, un altro è quella di fare del Briscolone braccio e mente.
Più che  arto, è zappa sui piedi.
Affare impegnato e impegnativo.
Occorrono mesi di preparazione.
Nel territorio Cremasco esistono paesi dove lo si organizza: ma si parla di decine di comparse, e di attente ricostruzioni storiche.
Rabberciare una capanna e tre figuranti vestiti alla bell' e meglio ci farebbe assomigliare ad obrobiosi Presepi preassemblati dei cinesi in vendita ai supermercati.

Decisamente più vicino al nostro spirito sarebbe piazzare il Mendy nella mangiatoia; io travestito da maiale a boffarci sopra; nonno Gerets intento  a cuocere pasta figas in un pentolone; il Bianco appeso all' albero a fare l' Angioletto; i Re Magi che portano birra e salamino; altri soci che giocano a carte...
e se catturiamo una nutria gli facciamo fare la Marmotta.

Ma nel nostro gruppo soffiano ormai altri venti.
Dal mio punto di vista appoggio  con più entusiasmo ( decisamente ) il promotore della gita al Bergamo Sex Tour.
Che invece è stato per nulla cagato.
Non sarà idea originalissima, ma ammirare una fanciulla posta a pecorina, è molto meglio che essere ammirato vestito da pastore da una sciura che esce impellicciata dalla messa di mezzanotte.

La mezza è ormai scoccata e il dì 15 sta nel passato.
Nulla di nuovo sotto il sole, o meglio nascosto dalla nebbia che avevamo quasi dimenticato com'era.
Salvo falsi allarmi e nottata passata in ospedale in attesa d'essere rispediti a casa ad attendere pare che il pupo stia bene dov'è. Se non ricordo male diversi pronostici puntavano sul 17 o 18 mentre altri ormai sono quasi bruciati. Stando a calcoli complessi posso affermare che RICCARDO viene dato, parlo di 5 ore fà, sui 3400 gr.
Attendiamo impazienti e rimandiamo al prossimo bollettino.
buonanotte.

Mister, perchè invece di dedicarti alla filippica non ti dedichi alla filippa? Forse ti metteresti il cuore, e non solo, in pace e ne troveresti giovamento per il tuo spirito, e non solo, inquieto.
Che il grande Blog vegli sul tuo capo, e non solo!

La filippa dorme profondamente.
Filippo pure.

Per il pronostico sono ancora in gioco!
Attendo bollettini.

Incredibile!
Pare che la dòcia del Gerets sia scappata da casa.
Delusa della mancata testazione e tastazione dei soci del Briscolone, e dal fatto che il Presidente è uso pisciare nello scarico durante le abluzioni ( con scarsa mira), ha sradicato tubature e tagliato la corda.
Si narra che il nostro leader è da tre giorni chiuso in bagno seduto sul water che medita, medita, medita...

paol

Che faccia compagnia al socio disperso dopo un colpo di tosse (meglio evitare nomi, metti che poi si arrabbia e torna...) girovagando nel cremasco...
A proposito di 2010, titolo di questo post, a quando l'aggiornamento della classifica dopo la sfida della scorsa settimana? O si riparte da zero???
Viva i filippesi!

L' ultimo avvistamento del Marsià è natalizio: attraversava l' innevata campagna cremasca munito di ciaspole. Pare si dirigesse verso Agnadello per visitare
l' allestimento in atto del Presepe vivente.
Nel frattempo si teme per la sorte della dòcia del Gerets: le temperature notturne sono molto rigide. Se ghiacciasse l' acqua nelle tubature, rischierebbe lo scìoppo.
Speriamo abbia trovato asilo.

La stagione cartofila è stata gestita male: ancora c' è gente che chiede informazioni.
Abbiamo giocato poco, e i responsabili dei punteggi ( il trio Gerets, Mendy, Umbe ) non sono mai stati chiari e tempestivi.
Il leader del nostro gruppo non ha saputo dare all' evento giusti riconoscimenti,  importanza, phatos, e mentre rincorreva il suo Ricettario, il torneo sviliva.
Per la cronaca è Lui il vincitore finale: ma va detto, che nella partita decisiva, il Mendy si ritirava vigliaccamente anzitempo, servendo su di un piatto d' argento la vittoria.
Neppure sono state fatte premiazioni.
Urge stagione di rilancio.
E' tema del mio prossimo post ( pronta bozza propositiva): ma essendoci yogurt in scadenza, non volevo rubare eventuale ribalta.

Paol

Eccomi ragazzi.
Finalmente.
E' stata dura ma alla fine l'evento è accaduto.
Che emozione!
Non pensavo che la mia proverbiale (?) tranquillità potesse essere scalfita, DEVASTATA direi, da un accadimento del genere.
All'improvviso un suono, quasi un vagito, mai ascoltato prima e...
Ragazzi per la prima volta nella mia vita la voce de "Il ruggito del coniglio" giungeva alle mie orecchie.
Adesso posso dire di sentirmi realizzato.
Grazie alla vita che mi ha dato tanto!
Grande Curbà.


PS: Mister lo yougurt non da ancora segni di deperimento.

jennaro il calamaro

come al solito dopo una devastante partita dell'inter,mi è venuta questa proposta:
pasi invece della ciaspolata proporrei il "puttan tour" a chi piace .........l'idea tiri una riga.
W IL PAMPALUGA!!!!!

Ben arrivato Riccardo, che il ruggito sia di un leone, anche se sarà del capricorno.
Auguri alla mamma e papà Paol.

Mendy

Secondo me il Geres non ha capito un casso....

Bèla Paol era emozionato per aver sentito la trasmissione del Curbà...Riccardo galleggia ancora nella pancia della mamma.

Perchè uscire che poi inziano i casini?

principe

GRANDE GERETS

principe

Ma il presidente che scrive alle 02,35 di Domenica mattina!! che casso fa di notte??????

jennaro calamaro

aggiungo come al solito nn ha capito un casso....i cognugi erano zompettanti zompettanti con il fiesta al rondò e suonavano pure il piffero......geres geres perdi i colpi la prossima volta invece del viagra ti porterò i pannoloni ciao pippigufi!!!!!!!!

Il Gerets vaga di notte nella campagna Cremasca alla disperata ricerca della doccia scomparsa.
Chi l' ha vista?
Io no...
Psicologicamente il nostro leader è distrutto, e i risultati si vedono.
Medita, medita, medita, e si accorge che il piedistallo su cui si è innalzato non è poi così solido.
Forza Presidente, reagisca: trovi un idea per ribaltare la situazione a suo favore.
Ruggisca.
Evitando battutine con i segni zodiacali.
Quella è roba per ciaspole e conigli.

gennariello il calamarello

e con le cispole e con le ciaspole dai ZIO Gerest la doccia la fem!!!!al massimo usiamo le docce pubbliche CCCCIIIIIAAAAAAOOOOOOOOO!!!!!!!
W L'UMIDITA'

Non disperate è tutto sotto controllo.
Dopotutto, nessuno di voi può esattamente capire un quasi nonno cosa prova nell'attesa di un evento che sta per accadere ad un amico e che già ha vissuto direttamente molti anni fa.
E poi da Bèla paol non me l'aspettavo, l'avesse scritto qualche altro non ci sarei cascato.
Ma Riccardo è furbo e non vuole ingannare il Presidente del Briscolone, in una nascita prematura, farà sicuramente l’impossibile per rispettare la previsione fatta in occasione del toto fetus, già il peso l’ho sicuramente cannato, speriamo almeno nel giorno è altezza.
E poi a tutti può succedere di interpretare non nel modo adeguato un commento: oggi è successo a me, sopratutto vista l'ora, altre volte è successo ad altri, in futuro chissà?
Niente di male, disastri non ne ho commessi, se tutto questo vi fa molto felici in futuro cercherò di impegnarmi maggiormente per accontentavi ancora.
Attento Paol da domani tutto è possibile, stai in allerta, parola da quasi nonno.

Suvvia ragazzi, niente di grave: capita.
Nella routine è facile mantenere il controllo.
Ma nelle situazioni di particolare trasporto è facile sparare il colpo precocemente.
Nonno Gerets è particolarmente emozionato dall' imminente nascita del frutto: ha interpretato male.
Del resto il commento di Paol era sexi: un uso sapiente del doppio senso per fare dell' attualità  sottile ironia sul noto e ormai famoso ruggito del coniglio.
Ma i neonati ruggiscono come leoni!
C'era pure il palese riferimento allo yogurt ancora integro...
e sicuramente Radio Quartiere ( o contatto in diretta telefonica con la casa Bianca) è più veloce del Blog per annunciare eventi.

Una gaffe che si può spiegare solamente con un cattivo stato psicologico.
E questo venire anticipato non può passare innosservato nel mondo jenesco del Briscolone: e in particolare su queste pagine.
Mica siamo tutti a livello innocuo dell' amico Gigi.
L' esperienza della mancata dòcia sia da monito per il futuro: non è la mancata abluzione il problema. Lo è affermare " non si può fare", punto e basta, senza fornire spiegazioni, argomenti , approfondimenti: una negazione perentoria, da comando.
Così non si cresce, non si evolve, non si crea consenso.
Al massimo lo si trova nella plebe, dove basta gettare qualche pagnotta per renderla contenta.
Non di sole ciaspole vive l' uomo.

Mentre scrivevo è arrivato il commento del Gerets: conferma le mie supposizioni.
Aggiungo solo, come scritto sopra, che le intenzioni di Paol non erano assolutamente tranellesche.
Presidente, perche coinvolge sempre gli altri?
E come al solito aggiunge " a tutti può capitare".
E' così difficile fare serena autocritica?
E' rimasto abbagliato.
Magari stanotte l' ha rivista dopo tempo memorabile: ancora scioccato si è alzato per farsi un bidè
e visto che il turbamento non gli portava sonno, ha trovato modo di accendere il computer. E mentre leggeva, ripensava a quello appena successo, accavallando pensieri e visioni.
E rimembrò quello straordinario colpo di spermatozoi che nei primi anni ottanta sfondò barriere: di fatto germogliò.
In questo miscuglio di sentimenti perse la tresibonda: ecco spiegate le ragioni della gaffe.
No?

mendy

Trebisonda, Pasi. Trebisonda!

Ragazzi credo sia tutto chiaro!

Il nostro Presidente ha perso la tresibonda o trebisonda che dir si voglia per un semplice motivo: l'è tri dé che 'l fà mia la dòcia!

Con l'attrezzo che vaga per le campagne cremasce a rischio congelamento (magari l'ha fatta il Marsià) il Presidente non ha possibilità di usufruirne e questo non può che provocare scompensi e disallineamenti neuronali in una mente provata anche da un'anagrafe non favorevole.

Propongo di destinare i fondi che raccoglieremo con la prossima lotteria truccata per reinstallare l'importante accessorio nel bagno presidenziale... sperando che questa volta ne conceda l'utilizzo.

Viva la dòcia presidenziale!  

principe

Mi a telefonato mio fratello dicendomi che si e' presentata alla sua porta una Cabina Doccia completa chiedendo asilo politico,la suddetta presentava ampie ferite da prodotti anticalcare e balbettava parole senza senso "Quel bruto con la barbetta si presentava tutto nudo chiudendosi dentro di me dicendomi."Ades sa fo ana bela docia"io intimorita di quello che mi poteva accadere me la sono data a tubazioni levate".
X favore non mandatemi piu'indietro sono disposta ad essere istallata dal Sig.Colosio Paolo che mi sembra tanto carino.

paol

Ragazzi, che diavolo ho combinato?
E pensare che l'intenzione era innocente: semplice ed ingenua ironia sfruttando argomenti e notizie d'attualità, bloggamente parlando.
Chiedo venia (magari è una bella gnocca), e rientro nei ranghi dettati dalle disposizioni presidenziali.
Anche oggi il futuro nascituro se n'è sbattuto altamente delle previsioni e se ne sta placido e tranquillo dov'è. Domani è il 18 e...
Viva viva il presidente bello bravo intelligente.
Scusa Mister se faccio un pò il lecchino ma devo farmi perdonare.
A domani per eventuali news.

Dovrò comprare un vocabolario nuovo: il mio è un vecchio Zanichelli del 1970, regalo della prima comunione. All' atto dello scrivere, nutrivo dubbi sulla "tresibonda": non esistendo, non l' ho trovato. Ma ho fatto finta di niente: molte volte l' ho scampata. Solo ieri scrivevo " obrobioso " al posto di " obbrobrioso "
( scrivi uno sbagli due! ).
Stavolta il Mendy mi ha sgamato.
Ma neppure la forma corretta è citata dal mio dizionario!
Fatto debite ricerche, ho scoperto che " Trebisonda" è una città Turca, la cui posizione sul mare era fondamentale per le navi di passaggio: fungeva da punto di riferimento.
Per cui, nell' interpretazione, " perdere la trebisonda" ha lo stesso significato di " smarrire la bussola".
Vero che all' interno del nostro gruppo a volte utilizziamo dei "briscolonismi", ovvero parole o modi di dire non perfettamente in linea con la grammatica: ma un conto è l' uso volontario - licenza poetica - un altro è la cannata.
Sapere che esistono profondi intenditori della lingua ( non solo italiana...) mi aiuterà ad essere meno pigro nei casi dubbiosi.
W la correzione fraterna!
Comunque, d' ora in poi, scrivere " al gà perdit la dòcia", potrà essere inteso come " uomo in stato confusionale".
Evoluzione linguistica.

D' accordo ragazzi, il Principe talvolta commette svarioni , ma la dòcia che fugge a " tubazioni levate " rappresenta una straordinaria metafora. Niente male pure l' ironico doppio senso nel quale si racconta del Gerets che vuole " farsi " una doccia, con reazione terrorizzata di quest' ultima.
Ammirevole pure la fantasia con la quale   aggancia e sviluppa un tormentone.
Su legna!

Come detto, e ammesso, pure Paol aveva giocato un po' nel suo commento conigliesco, in virtù del particolare spirito che regna su queste pagine.
Adesso quasi si scusa con il Presidente per non essere stato persona seria.
Come si fa a citare ruggiti e yogurt in momenti simili?
Meglio se in queste sere avesse imparato a fumare, e fatto fuori - agitandosi - sigarette su sigarette. E messo sui fornelli un pentolone d' acqua a bollire.
Ci sono dei tennisti scaramantici che al cambio di campo scelgono accuratamente di non pestare le righe di gioco durante il tragitto.
In realtà, lo facciano o meno, non rappresenta evento che può cambiare il risultato.

Certo che solo il Gerets non aveva compreso. Ma se lui non capisce, o legge in maniera superficiale e frettolosa, dobbiamo cambiare tutti il nostro stile per farlo contento??
Che faccio, non possso più scrivere commenti superiori alle cinque righe perchè alla sesta inizia ad andare in trebisonda?
Dobbiamo solo scrivere battutine sugli uomini pelati e sulle donne nane perchè quelle più sottili non le coglie?
Dobbiamo scrivere un giorno si e tre no altrimenti non riesce a stare a ruota?

Viva viva il Presidente!

Il signor Colosio Paolo sarà tanto carino, ma ricordiamoci che Zaccheo è fuggito a gambe levate da casa sua.
Non credo che la cabina doccia fuggiasca trovi buon asilo in quel sito.
A casa mia non se ne parla: mi faccio troppe pippe durante le abluzioni.
La tenda la posso cambiare spesso, ma il Viakal fa molto male alle cabine in vetro.
E poi, quando l' acqua calda diventa improvvisamente fredda, e poi subito bollente, saracco in modo osceno.
Forse per il momento è meglio che rimanga al magazzino idraulico con lo sbroffino chiuso, in attesa che si calmi un po'.
Tra qualche giorno magari riusciamo a convincerla a tornare dal legittimo proprietario.
Anche perchè le casse briscolone sono vuote: allestire lotteria per trovare fondi per un nuovo impianto da donare al Gerets, costa.

Vede Presidente che gli vogliamo  tutti bene?
E se mi dovessi candidare contro,  prenderei una batosta!

paol

Ma rileggendo i commenti del presidente non vi sembra che tra le righe voglia dirci che sta diventando "nonno" veramente? O forse sono caduto nel suo stesso errore??
Chiarezza per cortesia.

La chiarezza non rappresenta massima virtù Presidenziale.
In parte per litigi con la sintassi.
In altra misura per il vizio di mantenere il piede in due scarpe: strategia del cerchiobottismo. Un colpettino di qui, e una leccatina di là, tutto equamente distribuito nel vano tentativo di far bella figura con tutti.
E che dire della tattica del silenzio spesso adottata nella speranza che passi buriana?
O dei comandi perentori ( la doccia non si può fare! ) senza accendere  luce sui perchè e percome?
Oscurantismo Briscoloniano.

Vero, o adottivo, comunque sempre nonno è.
E partecipare al Blog rappresenta per lui ottimo esercizio: meglio di quei giochini elettronici ( basati su quiz e calcoli )  che spesso pubblicizzano alla televisione, atti a stimolare la mente degli anziani.
Scrivere su queste pagine è come entrare nudi in un locale per culattoni: se non si presta la massima  attenzione, si rischia che un veicolo a forma di fungo entri contromano in galleria.
Ocio!

Nell' attesa che altre figure veicolari attraversino tunnel di competenza, vorrei ricordare che non è del tutto legittima a livello costituzionale la carica di Gerets come Presidente del Briscolone.
In effetti è stato votato ed eletto assieme alla mia persona, come fossimo unica entità.
Nel momento delle mie dimissioni, tecnicamente doveva decadere pure lui.
Di fatto, andare a nuove elezioni.
Le ragioni che hanno spinto i soci alla creazione di un bi - leader, erano per controbilanciare i pregi e difetti dell' uno e dell' altro.
Per questo l' interezza non è legittima.
Dall' altra parte si rimarca pure codardia: era così difficile buttare giù dalla torre l' uno, o l' altro?
O Gesù, o Barabba.
Uno contro uno: più chiaro di così.
Dico a te, socio pavido che stai leggendo: Mister VS Gerets.
Chi sceglieresti?
Trattasi solo di esercizio mentale.

Del resto il nostro capo è incollato alla sedia: mica molla!
Ma decide Lui quando scade il mandato??
O a nostra insaputa è stato introdotto il regolamento Papale del Vaticano?  

Dalla lettura di vecchie copie de " Il Bastone ", emerge che in passato esisteva pure la carica di Vicepresidente, all' epoca assegnata al Mendy (?!).
Sucessivamente,  numero due del gruppo,  veniva identificato il Membro Anziano.
Insomma, in caso di attentato al leader, esisteva una figura che immediatamente poteva farne le feci.
Ma oggi, il Presidente è pure Membro Anziano: più volte ha dato segni di non perfetta lucidità mentale. Se gli venissero smarrimenti più gravi  - a tal punto da richiedere interdizione - chi subentrerebbe in modo rapido e automatico??
Anche per questo fatto manca chiarezza.
Abbiamo un governante che poco s' interessa alla legislazione parlamentare.
Un tempo certe cose venivano pubblicate sul Gazzettino.
Adesso le si tirano fuori da chissà dove.
In ogni caso sempre nella stessa direzione.

mendy

Se d'ora in poi scrivere "al gà perdit la dòcia", potrà essere inteso come "uomo in stato confusionale", allora in caso di grave smarrimento si potrà dire "al gà perdìt al cèso"? Che i più volgari storpieranno in "al s'è cagàt adòs!"?


Mendy

Quando ero VicePresidente non ero pienamente consapevole e maturo per un ruolo così pregno di significato...ero in fase stupidèra. Adesso sono maturato, ho consapevolezza e rispetto delle istituzioni e mi piace ancora la barbisa (requisito indispensabile).

Ma per giovani rampanti "MALA TEMPORA CURRUNT", la casta è saldamente attaccata allo sbroffino, si preoccupa della propria ròba e non si cura se parte del popolo non arriva alla fine della dòcia perchè "i gà mìa la ròba"!

Ciaspolata di protesta? Ma solo se sa pol fà la dòcia lè!!!!!!

Un po' arrampicata sugli specchi caro Mendy.
Per introdurre la siffatta metafora nel vocabolario etimologico Briscoloniano servirebbe un precedente più marcato.
Alla prossima organizzazione di un evento a casa Gerets, proponi che ti piacerebbe evacuare nel suo cesso. Da qui gli altri soci premeranno per rendere il fatto comunitario: il Cagat Day.
Tutti a farla nel bagno Presidenziale!
Naturalmente presentandosi con un rotolo di carta igienica alla mano.
Sicuramente il nostro leader tuonerà: " la cacca non si può fare!"
Punto e basta.
E visto il precedente, è pronosticabile che il Water, deluso dal fatto di non poter ricevere la seduta di così tante belle chiappe, fuggirà nella campagna Cremasca.
Lo troverà il Marsià?
Rimasto con un misero buco puzzolente nella stanza relax, il  nostro capo resterà nuovamente scioccato: perderà bussola, tramontana, trebisonda.
E darà fuori di testa in maniera  marcata.
Allora si: " Al gà perdit al cèso " per i casi più gravi.
" Al gà perdit la dòcia "  per quelli più relativi.

Altro che Zingarelli!

Tra una dòcia e una cantonata è nato un nuovo (mio) post!

Scusa Mendy, ma già ho protestato contro l' organizzazione della ciaspolata.
Sarebbe illogico attuare ulteriori proteste ciaspolando!

E se gli rapissimo la tartaruga?
Se non si dimette lo minacciamo di consegnarla al Marsià.

P.S.  porca vacca, con tutti questi intellettuali e linguisti mi toccherà comprare un vocabolario di latino!
O era greco??

Per fortuna Paol invocava chiarezza.

"Mala tempora currunt" ha diverse interpretazioni: "si avvicinano tempi bui" , o  "corrono brutti tempi."
Simile, ma differente.
Siamo vicini alla fossa, o ci siamo già dentro?
Esiste una terza versione: la citazione, nei suoi significati , è utilizzata con intenti scherzosi, come fosse " finta lamentazione".
Che intendeva affermare il Mendy?

Risulta più chiaro quando  esprime detti - e simili  cose - in in dialetto Brisculù.

Aggiungi Commento

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading