Briscolone Club

Commenti (104) -

Reynold Messner

Complimenti ragazzi!

il Presidente Briscolone

Ottimo lavoro, Umbe.

pasi

Sentiero semplice?
' Sto casso!
Questo l' espresso pensiero nel trovarmi fronte il famigerato canaletto.
Mica il Canaletto pittore: un tratto roccioso semiverticale  , anfratto tra due costoni, cento metri dislivello.
Alla base, inquietante, una piccola croce in rame  con inciso nome  testimoniava decesso di precipitata .
Neppure “facile” -  come venduta l' escursione - arrivare sin lì:  aspettavo morbidi viottoli in terra battuta; ed invece, dopo un ora e mezza di scarpinata, avevo già affrontato percorso misto  fatto di rocce e spuntoni, balze e ghiaioni, a tratti scivoloso per l' acqua traspirata e rigettata dalle montagne.
Zona impervia: abbiamo visto pur un branco di camosci  ( o stambecchi?? )
E quante volte, perplesso, guardando innanzi, chiedevo agli sherpa: “ ragazzi, ma dov' è il sentiero?”
“Tranquillo Mister, segui le bandierine dipinte sui massi ! ” rispondevano gli sherpa Principe ed Umbe”.
Tranquillo una sega.
E pensare, che per compensare lo scarso numero di partecipanti avevo ipotizzato di portare cane e moglie.
A quest' ora sarei  vedovo e senza prole.
Già tanto aver portato a casa la pelle io.

pasi

Seppur prive di tridimensionalità, le fotografie del talentuoso  mago Umbe marinoni 20 e 21 riescono sufficientemente a mettere in risalto la verticalità e difficoltà del tratto in questione ( il canaletto).
Più da rocciatori  che da trekkingisti.
Tra l' altro, della Domenica.
Unica dell' anno da parte mia.
L' utilizzo delle sole gambe non sarebbe stato sufficiente per superare la rampata: gli sherpa consigliavano di farmi leva puntando la bacchetta ( quella da escursione...) e con l' altra mano aggrapparmi alle rocce. E attenzione ai piedi: posarli su spuntoni stabili, possibilmente a forma  zoccolo  di  gnu.
Bastardi, facevano pure gli spiritosi!
E con ulteriore ghigno beffardo: “ Strano che non abbiano messo funi e catene per agganciarsi...”
Stronzi!
Correva per la mia mente un diversificato uso della bacchetta in mio possesso.
Va be', per arrivare al rifugio bisognava rampegare su di lì: a tre quarti di ascesa mica si poteva fare diversamente.
Il peccato era originale: l' altro versante, più lungo come tempi percorrenza, era tuttavia meno impegnativo. E soprattutto dotato di tratto con annesso funivia.
Fan ' culo!
Ho guardato la sommità del fatidico passaggio: in alto, immersa in nuvola bassa,  un   apparizione.
Era lo spirito di Walter Bonatti, celebre alpinista recentemente scomparso.
“ Vieni Pasi:  vieni” , mi diceva.
“ Coraggio:  un vero uomo si misura anche da queste cose !”
E poi: “ Hai scelto di essere qui, ora , con i tuoi due  amici e compagni di viaggio: non vorrai tirarti indietro? Non vorrai tirarti indietro?? “
Ancora: “ Già qualcuno del tuo Club mi ha deluso... espia il loro peccati , Presidente!”
E messa corona di spine  ho affrontato il Calvario.

pasi

Fotografia 27: un timido sorriso ringraziava il cielo per essere giunto alla sommità del passaggio canaletto.
Decisamente pallido in viso; e con ancor  meno capelli dei  già radi posseduti all' inizio dell' ascesa.
Ma ero vivo.
E con tutte le ossa integre.
A parte i soliti acciacchi alle ginocchia.
Be', forse il maiale incrociato precedentemente al passaggio di un alpeggio ( foto 3) mi aveva portato fortuna.
Diciamo pure che gli sherpa mi hanno seguito passo a passo.
Fin troppo: a furia di seguirmi con gli occhi, e darmi suggerimenti, ad un certo punto si sono trovati  bloccati su di un lato della parete.
Improbabili passaggi  per proseguire.
Mistero svelato:  rampegatori dietro noi ci stavano superando passando dal lato sinistro.
“ Ragazzi, state sbagliando via” hanno detto  sorridendo.
La solita figura di cacca dei montagnini della Domenica.
Avranno notato che anziché scarponi professionali da montagna indossavo normali scarponcini invernali da passeggio??
Va be'...
Comunque, passato l' ostacolo, mancava ancora mezzora di cammino impegnativo per raggiungere l' obiettivo rifugio Benigni di quota 2200: la nuova Cima Coppi Briscolone!
Sebbene più rilassato pensavo tra me e me: cazzarola, ma da quel crepaccio infernale sarei dovuto ripassare in discesa...
E non è come quando si discende in bicicletta: a piedi, tornare , è altrettanto complicato quanto salire.
"Tranquillo Mister", continuavano a ripetermi le guide.

principe

OOOOOOOH MISTER quante fregniacce , se gia' al primo tornante mi sono dovuto fermare perche' a confronto a te un fantasma sembrava appena tornato da una vacanza caraibica.
E poi un atleta come te sto Canaletto lo avrebbe superato a balzellin balzelloni come niente.

pasi

“Vomitino.”
Non ho ereditato l' ennesimo soprannome a caso.
Per cui, se ero più smorto del solito, è a causa dei 97 tornanti che ho dovuto subire in auto per raggiungere il campo base.
Ero già eroe per il semplice fatto di non avere sboccato sul prestigioso fuoristrada di tuo possesso, caro cugino.
E quali balzellini e balzelloni!
Medaglia d' oro per non essere sceso a valle rotolando e rimbalzando  di roccia in roccia.

pasi

“Magnifico panorama “
Questa la motivazione della scelta del luogo.
Pareva che dalla sommità in cui era sito il rifugio si potesse scorgere tutto il massiccio delle Alpi, passando dagli Appennini alle Ande attraverso l' Himalaya.
Ma arrivati in vetta non si vedeva un tubo: pareva di essere immersi nella nebbia novembrina del delta del Po.
Praticamente eravamo ficcati dentro un grigio e minaccioso nuvolone.
D'accordo: luogo suggestivo.
Ma pareva lunare: rocce e crateri.
Unica differenza: quest' ultimi ricolmi d' acqua.
In quello più esteso ho tentato di fare un tuffo.
Ma il bagnino presente aveva esposto la bandiera nera: acqua ghiacciata.
Neppure il clima esterno era favorevolissimo: due pinguini scalatori mi osservavano divertiti.

pasi

Umbe, infreddolito, si era ficcato nel rifugio.
Anche per motivi tecnici: baita accogliente, ma piccola.
Per mangiare bisognava fare i turni;  anche perché le due tavolate principali erano occupate da un folto gruppo di pensionati ( giunti dal lato funivia) che non si decidevano a schiodare: troppo impegnati a cantare e tirare  rigori finali di grappa.
Lo sherpa nostrano vegliava la liberazione di un tavolo.
Dall' esterno, imbaccuccato nella felpa e  kiway  aspettavo seduto sopra una panca di legno.
Fortunatamente erano presenti pure tre o quattro sgarzolette montagnine.
Una di loro, a due metri da me, arrivata sudata, si è tolta con noncalance la maglietta, mostrando due belle bocce rette da un reggiseno  di pizzo nero.
Magari al mare non ci avrei fatto caso: ma in quel contesto principalmente maschile, con individui in camicia di flanella, giubbetti, barbe incolte, è stato decisamente magnifico spettacolo.
Carina la ragazza: ma nulla in confronto con due incredibili marmotte incrociate sulla via del ritorno.
Che visione!

pasi

A pranzo, scelta tecnica : minestra di legumi.
Ho calcolato la discesa del canaletto.
E i  97 tornanti che avrei dovuto subire in auto sulla strada del ritorno.
Meno strategici i due sherpa: spezzatino con polenta e funghi trifolati.
Al termine, alcuni scatti fotografici sulle cime montuose circostanti: fortunatamente il nuvolone si era moderatamente  aperto.
Poi via per il cammino in discesa.
Fino al fatidico e celeberrimo budello.
Ad un certo punto, a metà di esso, in lieve difficoltà mi sono fermato: ho guardato su; ho guardato giù.
Flash: ma che carso ci facevo lì??
Eppure era bellissimo.
E nonostante tutto mi stavo divertendo un sacco.
Ho guardato i miei compagni di viaggio.
Sorridevano.
Allora ho chiuso gli occhi: mentalmente ho scattato una fotografia.
Quel momento, magnifico ricordo,  sarebbe sempre stato impresso in me.
Neppure l' alzheimer lo avrebbe potuto portare via.
Grazie ragazzi.

Mendy

Pasi, nella foto 91 sembri Padre Lorenzo!

Mi complimento con i soci scalatori per la grande impresa che hanno realizzato sabato scorso raggiungendo la meta prefissata anche se con le note difficoltà che il nostro Presidente ha raccontato, portando il Briscolone così in alto.
Leggendo i commenti e guardando le foto, sono molto dispiaciuto per non aver potuto partecipare a quella meravigliosa avventura, ma nello stesso tempo sono contento dell'impegno avuto: rimanendo a casa mi sono garantito di spendere tranquillamente la pensione percepita il primo settembre anche per questo mese, scalando il canaletto, rotolavo sicuramente a valle tra i massi e chissà come sarei tornato a casa.

pasi

Gerets, l' impegno avuto era tua moglie armata di mattarello?
Comunque il canaletto non si muove; il prossimo anno fornisci una data: organizzeremo nuova escursione in loco.
Tanto per alleviare il tuo profondo dispiacere per aver dato buca.
Per quanto riguarda la tua preparazione fisica passi giorno e notte al tennis club: e visto che sei pure il detentore " pancia più snella" ( vedi addio al calcio Mendy) la tua condizione atletica risulta idonea per il superamento della prova.
Il problema sono le palle.
Sì, perchè servono palle per salire;  e servono palle per non calarsi i pantaloni di fronte alla consorte.
E non per andarci a letto.
Comunque l' eventuale rotolamento di caduta a valle comporta il ritorno a casa dentro una cassa
da morto.
Non è un caso che in cima al rifugio esista una postazione di atterraggio elicotteri sponsorizzata dagli eredi Gatti.
Prenotiamo il loculo?

pasi

Ingegnere, , il personaggio della foto numero 91 non sono io.
Indovinato: è ( è! ) Padre Lorenzo!
Aveva installato sul sentiero un gazebo per la benedizione degli scalatori.
Disponeva pure di fonte battesimale per i comunisti che non avevano ancora ricevuto tale sacramento.
Una volta viste le insegne briscoloniane si è rivolto a noi  dicendo: “ Ma non c' è  il vostro amico Mendy?”
“ No” ho risposto io.
“ In questo momento sta scalando una cima ancora più ardita : sta cambiando il pannolino alla bambina. Poi stasera sarà a cena dai suoceri. E lunedì tornerà a fare il pendolare di settimana mangiandosi tre ore di asfalto. Più dura di così...”
Così, caro Mendy, padre Lorenzo, anziché noi, ha benedetto te.
Per fortuna non è ancora scaduta l' intercessione della Madonna di Caravaggio dell' ultimo Dentella Day.
E  siamo arrivati ugualmente a casa sani e salvi.

principe

Bravo MISTER una bella storia cronodettagliata.
Pero' mi sembra che un po' di malattia del GERETS ti a acchiappato anche te.
Il che CARSO ci facevi li non era il CARSO ma le OROBIE.

principe

Caro Amico MENDY mi sa tanto che il MISTER a perfettamente ragione , la nostra gita al confronto del tuo quotidiano sembra il pic nic della famigliola domenicale al Parco Bonaldi.

SARAI DEI NOSTRI LA PROSSIMA COSI PASSI UNA GIORNATA RILASSANTE?????????????

pasi

Orobie?
Con tutte quelle pietre mi sembrava di essere sul Carso.
Allora chi era quell' anziano tizio con fucile a baionetta  elmetto a punta, maschera antigas ( va be', ne avevo mollate un paio causate dalla minestra di legumi...)  che mi ha dato l' altolà chi va là quando mi sono appartato per bisognino?
“ Ghè  al Pasi che và a pisà “ ho risposto lui.
Non credo abbia ben compreso: mi ha puntato l' arma.
Allora ho aggiunto: “ Ma lo sai che la guerra 15 – 18 è finita già da un pezzo??
Detto questo, così come misteriosamente  apparso, è svanito.
Bho: e sì che a pranzo ho bevuto gazzosa.
Mica grappa.

pasi

Cugino, pare che un importante regista italiano di cinema, dopo aver letto sul blog  la storia cronodettagliata della nostra escursione, desideri trarne un film.
Dalle prime indiscrezioni trapelate sembra che si debba intitolare “ I Cavalieri  (del Briscolone) che fecero l' impresa”
Tuttavia non capisco: i toni sono drammatici.
Perché gli attori scelti per interpretare i nostri personaggi ( Umbe, Principe, Mister ) sono  Aldo Giovanni e Giacomo?
Forse desiderano imprimere  una svolta alla loro carriera.

principe

Ma , credo piuttosto che si potrebbe riesumare
SYLVESTER STALLONE x la seconda parte di
CLIFFANGHER magari intitolato
<CLIFFANGHER 2 IL CANALETTO>
Che ne dici , chiamo il regista??

principe

Ma l'anziano tipo con il fucile non e' che era il GERETS???
A no dimenticavo il GERETS era un
Sommergibilmotosiluristaaterra!

Ma mi sono sempre chiesto , il GERETS e' mai andato sott'acqua con questo benedetto sommergibile? che sia stato il TOTI!
BOOOOOOOOO

pasi

Al Gerets assomigliava ( o forse era lui?? ) il tipo matusalemme che ho visto qualche minuto più tardi : era vestito da Cartaginese e montava un elefante.
Farfugliava qualcosa riguardo Annibale e le guerre Puniche.
Mi ha chiesto:  “ Scusi, vado bene per Roma? “
Secondo me si era perso.
Ed era, in altro senso, perso.
Per quanto riguarda Stallone, dopo essermi visto a torso nudo sulla costa del laghetto, non credo rappresenti l' attore meglio qualificato per interpretare il mio personaggio.
E francamente, mi sembra eccessivamente tamarro  per  identificarsi nel  ruolo del Principe.
Scarsino anche per fare Umbe: non  possiede mani fine e delicate per piazzagli in mano una macchina fotografica.
Neppure credo rappresenti buona idea inserire nel titolo del film il termine “ canaletto”: potrebbe prestarsi ad equivoci.
Soprattutto se ingaggiassero Rocco Siffredi.
Insomma, rischieremmo il sequel di “ Anal grande”.
Vallo tu a spiegare alla gente che il canaletto  non c' entra niente con Venezia e con al bus del cul.

pasi

Il cartello indicava mezzora di cammino per ritornare al campo base.
A più bassa quota il sole scaldava;  il paesaggio si era fatto più verde; l' aria più limpida.
S' intravedeva l' alpeggio dove si era celebrato l' incontro con il maiale;  vista l' ora  altri animali  tornavano a dimora: buffo scorgere una lunga fila formata da mucche, capre , asini, cani, gatti, conigli.
Breve sosta per l' acquisto di prodotti locali: poi via per l' ultimo tratto.
Ad un certo punto l' udirsi di strano suono;  verso animale?
Ci siamo guardati intorno;  in lontananza abbiamo visto tra rocce e prato muoversi due piccole  sagome scure:  conigli in ritardo ?
L' attrezzato Principe cavava dalle tasche un piccolo binocolo:  dopo un' occhiata si è rivolto perplesso ad Umbe:  “ Ma in montagna ci sono le nutrie?? ”
“ Nutrie? Non credo... non direi..... non è che sono marmotte? “
A quell' evocare mi sono agitato: “ Marmotte? Marmotte?? Marmotte??? Umbeeeee, prendi la macchina fotografica!! Se scappano, o le sbagli , ti castro! Umbeeeeee!!!!”
Lo sherpa – dannazione – completato il servizio fotografico  aveva ormai riposto l' ingombrante mezzo nello zaino: e tra la frenesia e il tira mola meseda l' operazione andava per le lunghe.
“ Umbe, spicciati ! Cavoli mannaggia perdirindindina,“ continuavo sempre più eccitato,  “ non possiamo perdere questa occasione!!”
Sotto pressione, e minacciato di amputazione, i ragazzo farfugliava frasi semisconnesse:  citava l' obiettivo incastrato causa caduta in Islanda ( ?? )  e una modalità di scatto da ricercare; ma  tra dubbi e incertezze  finalmente riusciva a sparare – chissà come, chissà dove -  un colpo.
Appena in tempo: come se avesse udito il  clik del paparazzo  la presumibile coppietta si è dileguata tra le classiche pietre grigie a pois verdi ( licheni, a detta degli sherpa).
Panico.
Riuscita la fotografia?
Fiato sospeso per il controllo.
Sìììììììììììììì !!!!!
La numero 62.
Medaglia al valore per il nostro mago.
E soprattutto, per un domani, intatta la possibilità – scampata castrazione – di procreare.
O di ficcarlo in sede  per diletto.
W LA MARMOTTA!

principe

Pero' secondo me un po di parentela con le nutrie ce l'anno!
Anche se devo dire che la Marmotta e' sempre bella a vedersi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

principe

UMBE pero' ti vedevo bene con la montagnina che ci aveva venduto i formaggi!!!!
Avevi anche i salami gratis

pasi

Pure la montagnina avrebbe avuto un bel salamotto gratis....

Quella montagnina, quando diceva "Capoooo" mi ricordava Bertolino quando imitava il magutto bergamasco. Come raffinatezza non ci siamo proprio! In realtà anche il resto...
Meglio la bionda trovata al rifugio, peccato che era già in lieta compagnia.

Dimenticavo, alla serata da Paol ci sono!

Mister, stai invecchiando pure tu: non era un sommergibile ma una nave.

pasi

Gerets, tu lo sei, già vecchio: il commento burla sulla nave- sommergibile non era il mio, ma del Principe.
Io al limite, ti avevo piazzato sull' elefante cartaginese delle guerre puniche.
Sono stato fin troppo generoso.
Avrei dovuto tornare indietro ai tempi delle mummie egizie.
Dai, tutto sommato non ti hanno imbalsamato così male.

pasi

Concordo Umbe: decisamente più fine la biondina del rifugio ( di schiena in una foto).
Ma chissà che pelo che aveva sotto la montagnina!

Hai superato la prova, sei tornato indenne dalla scalata, solo al Principe la fatica e l'altitudine gli hanno lasciato qualche scompenso, ma avrà modo di riprendersi l'8 ottobre da Bèla Paol.  

principe

Ma quali sorprese o leccornie potra' farmi trovare il nostro cuoco/pasticciere sabato sera
x farmi passare la fatica e l'altitudine passata!
I rifugi montani sono ancora aperti nei week end di Ottobre!
NE PARLIAMO ?????

pasi

Il Gerets,  pare smanioso di affrontare il Canaletto.  E raggiungere il rifugio a quota 2200.
Sabato 8 ?
Poi in serata ceniamo da Paol.
Del resto qualcuno sostiene che il nuovo record della cima Coppi non sia omologabile in quanto i partecipanti erano solo 3.
Un vecchio editto prevedeva che un evento Briscoloniano , per ritenersi tale, doveva essere allestito con un minimo di 5 presenze: ovvero il numero di giocatori occorrenti per una mano a carte.
Tuttavia, tra figli, matrimoni, vecchiaia, la media statistica delle frequenze  soci è diminuita: per cui, visto che sono il Presidente, ho cambiato il regolamento.
Il quale dice che per eventi in cui le gambe, oltre che restare sotto il tavolo, debbano atleticamente impegnarsi, risulta valida l' omologazione con il numero minimo di 3 partecipanti a patto che sia presente il Presidente.
Per cui  il nuovo record è perfettamente valido.

Un ottimo risultato, anche se da solo ma comunque con tanta fatica, l'ho raggiunto pure io oggi.
Non c'era nessun canaletto da scalare ma sempre le gambe ho dovuto usare.
Al tennis club si sta svolgendo il torneo sociale, e per la prima volta dopo aver assecondato le solite paure sono arrivato in semifinale.
Forse il Mister mio maestro anche nel tennis, potrà pensare che ho vinto con i soliti giocatori scarsi, ma non è stato così, erano sicuramente di livello superiore (tanto che tutti mi davano per sconfitto) e molto più giovani, in particolare quello che oggi pomeriggio ho battuto dopo 3 ore e 30 minuti di gioco con un risultato finale di: 6/7 - 7/6 - 6/3 una vera maratona, ma il più malconcio anche se con 17 anni in meno era il mio avversario.
Purtroppo nella prossima partita non avrò nessuna possibilità di vincere, il Mister lo conosce bene il  mio avversario, un certo Pavesi, con il quale lui ci gioca costantemente una volta la settimana: ma nel tennis si sa a volte può succedere di tutto; meglio non farsi illusioni.

Mendy

Un festoso saluto a tutti!

Spiace interrompere dissertazioni filosofiche sugli avversari del Geres al torneo CONDOM iniale ma vi porto un saluto dalla terra di Re Sole (infatti oggi c'era sereno).

Mi trovo a Parigi da questa mattina ed oggi ho assistito alla sfilata...beh se le vostre figlie dovessero avvicinarsi al mondo delle modelle fate così...date loro tanti calci nel culo finchè non cambiano idea e per convicerle portatele da Dentella per assaggiare la selezione di formaggi.

Sabato sera non so se sarò presente.
Domani festeggio l'anniversario di matrimonio a Parigi, non c'è che dire, sono proprio un uomo ROM antico. Devo vedere come recuperare, se non sono fuori tempo massimo.

A tutti buonanotte e suoni d'oro.

pasi

E' per questo che non ho mai portato Mila alle sfilate canine.
Va be', nonostante tenti di controllarla con le crocchette dietetiche è pure sovrappeso.
Comunque non facciamo di tutta un erba un fascio: certe modelle taglia 42 danno un gran bel vedere.
Certo che il tempo passa.
Sembra ieri Mendy, quand' eri ficcato in gabbia.
Auguroni !
Oh oh oh oh!

pasi

Vivissimi complimenti Gerets!
Oh oh oh !
Era ora: dopo tutti gli allenamenti che ti ho fatto svolgere, e le prestazioni non all' altezza, finalmente un risultato di prestigio.
Almeno come tuo coach non vengo trascinato nelle magre figure barbine.
Comunque, per altre performance,  le  magre figure barbise non dipendono da me.
Cos'è, come per  il Viagra hai preso pure il bombone per disputare la maratona atletica?
Certo che 3 ore e mezza di partita  sembra  spararla un po' grossa.
Come quei pescatori che pigliano il cavedano di 15 centimetri ho lo spacciano di 30.
Succede pure per altre attribuzioni...
Ma non per la cima Coppi!
La fotografia canta.

principe

MISTER la taglia 42 nelle sfilate e' considerata obesa , sono d'accordissimo con te che ce ne vorrebbero , ma credo che il MENDY abbia visto di peggio ( 38? 36? )! Vero MENDY!

principe

X BELA PAOL
Confermo la presenza di MINO alla serata di sabato

pasi

Ho la mia teoria.
Il Mendy, a furia di vedersi la panza, vive una deformazione nel vedere fisici più snelli: gli sembrano così troppo magri.
Rapporta tutto alla sua unità di misura.
Ma alla serata Paol saranno presenti modelle taglia 38 - 40?
Secondo me, se ci vedono lanciare fette di salame uno all' altro ci  collassano sul posto.

paol

Caro presidente,
ho provato a sentire Lele e Nicole ma mi dicono che per sabato sera le "amiche" sono già tutte impegnate. E forse è meglio così; metti che ci collassano chi di noi si presterebbe ad una possibile rianimazione bocca-bocca? Sai che figura faremmo?!? E poi c'è presidente e Presidente...
Ma veniamo a cose più concrete.
Vista la perdurante crisi la serata si svolgerà all'insegna della sobrietà e della tradizione per cui...:
Spuciac con qualche fetta di salame,
Pasta Figas che è da un po' che latita,
Avanzi degli spuciac sopracitati
Partita a carte tanto per ricordarci cosa sono le carte.
Varie ed eventuali.

Porte aperte dalle 20.30 tanto per avere il tempo di cambiare il pannolino e mettere in pigiama il pupo.
Al momento attuale sono pervenute adesioni da parte di.
Pasi
Principe
Geres
Umbe
Pile
Mino
Gigi
...
Ulteriori eventuali aggiornamenti in seguito.

Non ho sparato niente di quanto hai pensato, un testimone fidato era presente alla lunga maratona di tennis: il maestro Fabio Delfini, se lo interpellerai ti potrà dare conferma.

Tranquillo Mendy, per la serata di sabato otto ottobre hai già un permesso firmato dalla tua amata signora con tempo di permanenza illimitato: alla conferma non ero solo, c'erano testimoni fidati.

pasi

Gerest, hai testimoni fidati gli hai messo in tasca 50 euro?
Con 100  testimonierebbero pure una tua erezione.
Paol!
D' accordo: è presente un  bambino.
D' accordo : sono solo un presidente; e non il Presidente.
Comunque  potevi procurarmi almeno mezza patonza.
Anche senza l' apporto di Lele e Nicole.
Certo che quando c' è da mettere le gambe sotto il tavolo ( e lasciarle lì ) fioccano le adesioni.
Come punizione per la scarsità di partecipazione all' Escursione Montana comunico che al termine della cena, in luogo della partita a carte, verranno proiettate le 1.800 diapositive scattate da Umbe in Ubzekistan.
Con sottotitoli in cecoslovacco.
Seguirà dibattito.

pasi

Ahi ahi ahi ho cannato un ai!
Cosa volete che vi dica: sono solo un presidente.
Non il Presidente.
Così, pensando alle 8 gnocche fatte su 11, avevo in precedenza tentato lo stesso record: ma con le pippe.
Ma arrivato alla terza stavo già perdendo la vista.
Così, prima di diventare cieco, ho desistito.
Ma sono rimasto appannato.

principe

Be' MISTER anche le foto dell'UZBEKISTAN hanno un suo perche', le foto della morosa di UMBE sono notevoli!!!
A quando ce la presenta in carne e ossa ?
(non sto parlando della malmostosa )

beppe

Ciao Paol,sabato confermo la  presenza ma in tarda serata, in quanto prima ha una cena con tutta la tribù.
A sabato
ciao beppe

pasi

Le fotografie dell'  Ubzeka con la quale Umbe ha vissuto una liason sono rispettivamente la 1798, 1799, 1800.
Per cui i desiderosi di nasella debbono reggere fino in fondo.
Se non fosse stato per questo residuo affettivo sicuramente il nostro mago avrebbe meglio relazionato con la montagnina incontrata sull'' alpeggio delle orobie.
Diciamo che  ultima non incarnava una modella: ma in periodi di stretta neppure si può pretendere.
Ribadisco: decisamente meglio – e più giovane – la fanciulla  occasionalmente incontrata in vacanza ( precisazione: non l' italica compagna di viaggio).
Come si suol dire ... se son rose sbocceranno.
Va be' Umbe, non commettere l' errore che fanno in molti : la porti di qui, ma te la trombano gli altri.
Le spine.

pasi

Adesione anche del Mendy: stamattina, in via Toffetti, ho incontrato sua figlia a passeggio.
Girata di schiena non l' avevo riconosciuta.
Una volta superata è stata lei a chiamarmi: " Pesidente, Pesidente!"
Quando mi sono voltato l' ho subito riconosciuta.
E' uno di quei casi dove al limite, anzichè il padre, è la madre ad essere incerta.
" Guardi che Sabato sera il mio papà può venire alla riugnone del bicolone: l' ha detto anche la mamma."
E mi ha consegnato personalmente l' autorizzazione firmata.
Fa parte di quel blocchetto di liberatorie che regalammo per il matrimonio.
Per cui, Paol, Aggiungi un posto a tavola.

Questa sera ho giocato la semifinale del torneo sociale di tennis e come nei pronostici ho perso.
Ho comunque dato il massimo e non ho avuta paura di vincere, ma avendo dei limiti tecnici dopo due ore di gioco il risultato è stato: 6/3 - 0/6 - 1/6.

Ci vediamo sabato sera, porterò i ceci per noi che dovremo stare in ginocchio durante la proiezione delle foto di Umbe.

pasi

Gerets, non dire fesserie: i tuoi limiti tecnici iniziano sin dal palleggio di riscaldamento.
Anzi, direi anche prima; uno ti vede varcare il cancelletto d' ingresso in campo e pensa: " Che tabella! Con questo tipo mica ci posso perdere. "
Comunque a 'sto Pavesi, il semifinalista vincente sul nonno, settimana scorsa gli ho dato 6/2 6/1 giocando pure maluccio. E senza fagli notare i suoi evidenti falli di piede durante la battuta.
Tanto per rendere realistica la situazione sul livello del torneo.
Tuttavia, vista l' età del Gerets, visto che ha cominciato tardi a giocare, visto le sue note scarse doti coordinative, visto che ha sempre sofferto di ansia da torneo ( con evidenti cali di prestazione), visto che non aveva mai raggiunto tali traguardi, visto che un set - prima del netto calo psico fisico è riuscito ad aggiudicarselo ( con il giocatore numero uno della classifica sociale non tesserati agonisti FIT )  visto che in parte è pure merito delle mie strigliate in allenamento, si  merita altrettanti  complimenti ( oh oh oh ) da parte dell' intero gruppo Briscolone.
Un occasione in più - Sabato 8 -  per adeguato brindisi celebrativo.

pasi

Vedi Gerets, se mettevi una virgola dopo " limiti tecnici" appariva più chiaro quello che intendevi.
Invece, tutto attaccato, si può equivocare ( soprattutto dai più maliziosi) che i tuoi limiti tecnici affiorino dopo  due ore di gioco.
Così sembra che dici fesserie.
Cazzo, sono così bastardo e strigliatore che mi faccio paura da solo.

marmotta

ciao a tutti sono la marmotta delle orobie , volevo sapere se sabato sera a casa di codesto bela paol posso venire(aaah ahhhh) anche io con le mie compagne!
grazie

principe

PORTE APERTE X LE MARMOTTE (pur che siano femmine)
Che venghino con il famoso detto del GERETS
Tira puse an pil da marmotta che an car da bo!

paol

Ma come si fa' a distinguere una marmotta da un marmotto?
Principe, ci guardi tu sotto la coda???
Ocio però, che se si tratta di nutria travestita potrebbe piarti!

pasi

Spiacente ma devo mettere veto.
Le casse del Briscolone piangono.
Abbiamo contattato le più economiche ( e nostrane ) nutrie.
Pazienza se tirano di meno: chi si accontenta... godicchia.
Basta metterci un paio di " a " e  "acca " in meno.
Per cui: aah ahh.

marmotta

sig.mister pero quando ci siamo incontrati in montagna non la pensavi cosi.
ci dicevi venite venite da noi che vi divertite e adesso ci rifiuti , ma noi non chiediamo denaro ma solo affetto
sigh sigh sigh che delusione vado a farmi scuoiare cosi faccio felice qualche femmina che mi porta sul collo

pasi

Affetto??
L' unico "affetto" che conosciamo è quello del salame.
Quello del maiale.

Veltronianamente direi "ma anche" e mi spiego.

Prima di vietare l'accesso a marmotte e/o nutrie che siano è importante una valutazione come si dice " in corpore vivi". Quindi auspicherei che le suddette si manifestassero in concreto uscendo dal facile e comodo anonimato informatico garantito dal BloB.

Sarà poi nostra cura decidere se offrire affetto, salami o quello che riterremo idoneo!

Ragazzi vi voglio solo ricordare la perenne penuria di soggetti femminili (fatto salvo quelli imparentati in qualche modo con i Soci) che caratterizza le nostre serate!!

Quindi.. care le mie marmotte o nutrie abbiate il coraggio di apparire. Noi vedremo se avremo il coraggio di guardarvi!!

Epppoi si vedrà!

pasi

Sarà: ma sono scettico.
Queste marmotte puzzano di tarello.
Saranno i soliti buontemponi.

Mara Motta

Scusate, cos'è il tarello?

E' un mat tarello più piccolo?

Voi ce l'avete piccolo?

paol

OK ragazzi (?), confermo orario, luogo e aderenti. Non sia mai che mi accada come al Curbà o al Geres e che improvvisi e inattesi impegni mi possano precludere l'ormai imminente ed atteso evento.
Vi attendo con ansia, che non è purtroppo una bella gnocca, nutrie escluse!

pasi

Mara Motta??
Battutona!
Oh oh oh !
E chi sarebbe?
Una fanciulla ( con pacco ) scartata alle preselezioni di Zelig?
Certo che anche questa Ansia non promette nulla di buono.
Ma che fine hanno fatto le varie Samantha  (  con l' acca) Debora, Manola... e compagnia bella?

E' un po' che non pubblico più i famosi flussi. Ecco quelli relativi agli ultimi 2 mesi:
www.briscoloneclub.it/.../...20110808-20111008.pdf

pasi

Umbe, mi leggi nel pensiero?
Stasera, riguardo ai flussi, avrei fatto specifica richiesta di pubblicazione.
A parte che non ho ancora capito perfettamente come funzionino certi grafici; tuttavia mi piace curiosare dentro.
Chiedo: chiaro il verde dell' Ubzekistan... ma chi  ha contattato dal Senegal??
Va be', pare un errore: zero secondi di permanenza.

pasi

Transitando in cima ad un cavalcavia, in questa limpida giornata di sole e vento, ho gettato lo sguardo verso le Orobie: si vedeva il Canaletto!
Nessuna traccia delle marmotte.
Che siano davvero scese in pianura alla ricerca del covo Briscoloniano?

Mendy

La visita dal SENEGAL avrà come genesi una ricerca relativa al calciatore Roger Mendy...

Ieri sera avete fatto l'amore?

pasi

No, i colpi sono rimasti in canna: abbiamo deciso d' inchiappettarti amorevolmente ( a turno)  la prossima volta che avremo l' onore di averti con noi visto  che di volta, ieri sera, non ti sei fatto vedere.
Nemmeno una misera telefonatina per salutare i tuoi AMICI.
Il Mendy è una cacca!
Ecco, se giungerannno contatti africani per conoscere le sorti del calciatore almeno sapranno che triste fine hai fatto.
E spargeranno voce nel continente nero.
Pure alle falde del Kilimangiaro.

paol

Grazie a tutti i partecipanti per la piacevole serata. La classifica non l'abbiamo mossa ma almeno abbiamo mosso un po' le mandibole.
Prossimo appuntamento, a parte la gita per i temerari montagnini?
Speriamo a presto,
e buonanotte.

pasi

Be', abbiamo smosso pure l' attività digerente: una sana serata di " spuciac " briscoloniani ( ma con il delicato tocco dell' insalata disinfettante) mette sempre allegria nella flora batterica.
A nome di tutti i partecipanti ringrazio il piccolo Riccardo per l' animazione della serata per  la cura prestata alle molteplici  portate eno - gastronomiche.
Accidenti: ad una certa ora ha portato pure a letto il papà che non riusciva più a tenere gli occhi aperti.
Che roba: il senior non fa niente tutto il giorno e gli viene pure sonno.
Così è andata a monte la partita a carte.
Meno male.
Qualcuno si ricorda ancora come si gioca??

Ottima serata sabato sera da Bèla Paol, come lo è stato anche il menu, solamente troppo buono con la pasta figas, ha risparmiato con il peperoncino.
Niente paura, alla prossima convocazione preparerò io la giusta dose per una sicura sudorazione e per il Mendy che non potrà più mancare, sarà doppia.

Mendy

E' prioritario per me, in questa fase della mia vita, supportare la famiglia per sopperire alle assenze prolungate nei giorni feriali.

Capisco il vostro disappunto, che faccio mio, per le mie assenze ma ...mala tempora currunt!

Mi propongo di festeggiare a dovere a Dovera nel momento in cui troverò un'occupazione alternativa in terra lombarda (perchè fa rima con bernarda).
Voglio lasciare la toscana perchè fa rima con ......

Fino ad allora confido nel vostro benevolo supporto e nella vostra caritatevole pazienza.

Con semplicità, sempre vostro

Mendy

Pasi, mi dispiace ma avevo finito il credito nel cellulare.

Una domanda: ma in questi ultimi anni non ti senti una forza nelle braccia che a 20 non avevi?

pasi

Più che a Dovera si potrebbe festeggiare a Ombriano.
Caro Mendy.
Ovvero: la montagna che va da Ma-ometto.
Organizza!
Sarà l' occasione per verificare se Agata è all' altezza di Riccardo nell' allestimento culinario.
Ma che domanda del pisquano è l' ultima?
Nel senso: "Pasi... ma a 47 anni ti fai pippe più vigorose che a 20? "
Cosa vuoi che ti dica: per adesso, nonostante le tirate di collo, il pisello non mi è rimasto ancora in mano.
Nel tennis, per altro, sono passato dal rovescio con due braccia a quello ad uno solo arto.
Prevalentemente cioppato.  
O forse, visto i toni da persona equilibrata e matura del precedente commento " famigliare", intendevi esprimere qualcosa di più filosofico?
Insomma, un Mendy cacca lo possiamo ancora tollerare;  e correggere fraternamente: ma per un Mendy fattosi Uomo non ci sarebbe più speranza.
Ti straccio la tessera Briscolone?
Pongo ( non Das ) un test di prova: con cosa fa rima Toscana?

Ragazzi,

leggendo sopra mi si è come accesa una luce!! anche senza bisogno dell'Enel di Peccini mi si è come illuminata la mente!

Devo proprio dire che negli ultimi anni sto osservando una repentina crescita nella forza delle braccia e delle mani. La cosa mi riempie di orgoglio.

Cosa faccia rima con Toscana non lo so.. o meglio ce ne sono tali e tante che non basterebbe tutto lo spazio BloB per raccontarle.

Cmq se Agata organizza.. 'ndèm!

adesso vado a fare un pò di ginnastica!!

buona notte

Per rimanere nel tema Briscoloniano, per la Toscana si potrebbe sfruttare la rima della donna nana: ecco parchè il nostro ometto non si decide a fare ritorno in zona Ombriano.

Notte a tutti.

Mendy

Da alcune ricerche fatte on line, intuisco che il nonno Gères dovrebbe essere quello che nelle braccia ha più forza di tutti!!

Pasi, non c'entrano le pippe...sei banale e scontato.
Un Presidente scontato mentre ne vorremmo uno a prezzo pieno.

principe

GERETS mi sembra che ti sia dimenticato un pezzo.
TOSCANA=DONNA NANA TUTTA TANA

principe

X i piu' temerari SABATO GITA NON OBBLIGATORIA AL RIFUGIO GHIRARDI IN VAL TALEGGIO.
CIRCA UN'ORETTA DI CAMMINO , chi vuole venire citofoni SAMANTHA.
Tempo permettendo (sembra bello ma un po'freddino)
ISCRITTI
* IO
* forse MINO
* forse UMBE
* forse MISTER

principe

Il Rifugio Gherardi è situato ai Piani dell'Alben in Val Taleggio.
La gestione è affidata ad un gruppo di volontari dell'Organizzazione Mato Grosso ed il ricavato è interamente devoluto al sostentamento dell'attività dell'ospedale di Chacas in Perù.

Primo Itinerario: da Pizzino
Con la statale 470 della Val Brembana arriviamo fino a S. Giovanni Bianco dove imbocchiamo sulla sinistra la provinciale 25 della Val Taleggio.
Percorso il primo tratto assai pittoresco, che sembra scavato nella roccia, arriviamo a Sottochiesa dove prendiamo sulla destra la strada che sale a Pizzino.
Pochi metri prima di arrivare al cartello che segnala l'inizio del paese, voltiamo a destra (la segnaletica indica: Arighiglio, S. Antonio, Retaggio, Capo Foppa).
Dopo tre chilometri e mezzo incontriamo sulla sinistra il segnavia che indica l'inizio della nostra escursione.

Possiamo arrivare fin qui anche dalla Valsassina con la strada che transita per il Culmine S. Pietro.
Durante il periodo invernale il passo potrebbe essere chiuso e comunque sarebbe poco prudente avventurarsi con neve e ghiaccio su questa strada che, in buona parte, è priva di protezioni a valle.
Dalla provinciale 62 della Valsassina, imbocchiamo la provinciale 64 che sale a Moggio e al Culmine.
Proseguiamo poi scendendo in Val Taleggio (la strada è diventata ora la provinciale 25) e superiamo Vedeseta e Taleggio. Al bivio prima di Olda andiamo a sinistra (segnaletica: Bergamo e S. Giovanni) e proseguiamo fino a Sottochiesa dove prendiamo sulla sinistra la strada che sale a Pizzino.
Continuiamo poi come descritto più sopra e arriviamo al punto di partenza della nostra escursione.

Lasciamo la macchina ai bordi della strada (m. 1280). Sulla sinistra c'è una bacheca che mostra una cartina della DOL (Dorsale Orobica Lecchese).
Alcuni segnavia indicano: il Rifugio Gherardi (sentiero 120) a ore 1, la bocchetta Regadur (sentiero 120) a ore 1.45, il passo Baciamorti (sentiero 153) a ore 1.30.

Possiamo prendere il sentiero sulla sinistra che risale per prati, a mezza costa, in direzione di una baita in disuso oltre la quale, con un breve zig-zag in ripida ascesa, ci immettiamo sul percorso principale.
Questo invece, indicato anche da segnavia di colore rosso-bianco-rosso, inizia davanti a noi: una bella mulattiera che parte all'ombra dei noccioli.
Ben presto superiamo un doppio tornantino, poi ad un bivio giriamo a sinistra e ci inoltriamo in un bosco di faggi.
Al bivio successivo invece andiamo a destra.
Inizia qui un lungo traversone a mezza costa per prati, durante il quale i due percorsi si congiungono.
Poi pieghiamo a destra e risaliamo il versante prativo della montagna in direzione di una casa bianca.
Quella che da qui si vede non è la cima del monte, infatti, dopo esserci arrivati, il percorso prosegue con un tratto quasi in piano e poi riprende a salire.
Dopo aver raggiunto la cima di un dosso, dapprima vediamo la bandiera del Gherardi e poi il rifugio e, attraversato il pianoro, lo raggiungiamo.

Tempo impiegato: ore 1.00 - Dislivello: m. 370
Data escursione: ottobre 2003

pasi

Questo navigatore satellitare che scrive sul blog verrebbe voglia di mandarlo a … Chacas: “tratto pittoresco” “boschi di faggio” “ ombra di noccioli “ … bello, facile, bellissimissimo … ( e il pericolo valanghe?? ) ….     peccato che arriverò, e partirò  dal campo base con lo stomaco ribaltato e il viso cadaverico causa mal d' auto.
E che sul sentiero di scarpino incontreremo sicuramente baratri da superare.
Va be', il primo scoglio l' ho già affrontato: avvisare la moglie.
Diciamo che non sprizzava gioia da tutti i pori.
Comunque, caro cugino, togli il forse: presente!
Ma cerchiamo di essere almeno in tre.
Tuttavia se il Gerets darà  buca nuovamente confermerà che i suoi impegni “ improvvisi “ non sono altro che mattarellate sul filone da parte della consorte.

pasi

Caro Mendy, sarò banale e scontato ( ma solo per i possessori Fidelity Card Briscolone):  tuttavia non latito ma  partecipo alle attività sociali.
E se non scrivo sul blog (  animandolo) si desertifica rapidamente.
Fosse per te il Clubs  sarebbe stato game over dal  giorno in cui eri ficcato nella gabbia.
Non solo di fatto.
Inoltre guardo solo film d' essai:  e frequento principalmente il teatro d' avanguardia.
Le mie letture si basano principalmente sugli autori Russi.
Qualche volta pure letteratura cecoslovacca.
Per cui scusami se non comprendo la citazione delle braccia forti.
Scusami davvero.
Comunque se avrai ancora un paio di mesi e mezzo di pazienza riavrai il Tuo Presidente a prezzo Pieno.
Ovviamente non sarò io.
Ce la fai a tenerlo duro fino al 2012?
Non sfiancarti con la donna nana (tutta tana) che te la dà  ( via ) in Toscana.
O ti fai di pippe??
Chissà che roba, con tutta quella forza che tieni nelle braccia.

Ragazzi non riesco proprio a parecipare alla gita montana....

pasi

Umbe, l' ubzeka ti ha randellato sul filone?
Teme che le tue gambe forti non reggano un oretta di cammino?
Ti deve chiamare nel pomeriggio ed in montagna il tuo cellulare non prende?
Non vuole che frequenti i tuoi scavezzacollo amici pippaioli ( io) e  trombeur di  marmottoni ( Principe)?
Comunque - a quanto pare -  non sei l' unico che non riesce (proprio )  a partecipare alla gita montana.

No mister, come sai per me è davvero difficile rinunciare ad un giro in montagna ma sabato sera ho organizzato( ormai da un pò ) una cena a casa mia e sabato devo preparare tutto. Non ce la faccio proprio a meno di fare tutto di corsa. Stavolta quindi rinuncio.

pasi

Umbe, l' importante è che dopo la cena ci sia il dessert.

principe

Potrebbe essere il titolo di un Film
" IO E IL PRESIDENTE "
Domani mattina partiamo in due come se fossimo alle crociate , alla ricerca dell'Arca perduta , il Santo Gral.
O chiesto al Presidente , Se vuoi rinunciamo !
Ma lui stoico a detto NO , e' deciso si va anche se siamo in due ,la truppa ci a abbandonati (alcuni con scuse plausibili,alcuni no !!)
VIVA VIVA IL PRESIDENTE
Speriamo che le marmotte non siano gia'in letargo

pasi

Quei cagnacci dei soci sono stati volutamente estranei alla lotta  per far mancare il quorum e far cadere la gita.
E di conseguenza il governo Pasi.
Boia chi molla!
L' escursione al rifugio Gherardi  è confermata.
Dichiaro il golpe dell' opposizione fallito.
Anzi, rilancio il programma politico; in loco formerò un nuovo partito: " Forza Marmotta."
Capogruppo il Principe.
E pianteremo il pennone nella tana più alta.
Le faremo sghilire!
Sonnellino pomeridiano o letargo che dir si voglia.

pasi

Pure cagnacci di razza ignota: nessun cenno, nessun appoggio spirituale, nessun incitamento morale.
Se tornerò dentro una bara - precipitato, o sepolto da una frana di massi, o sofffocato dal vomito d' auto - avrete per tutta la vita la coscienza sporca.
Era così difficile lavarvi alla fonte del blog?
Troppa la vergogna, vero??
Ormai è tardi.
Chiudo la sessione: domani sveglia all' alba.
E vincerò.
Vincerò!
VINN - CEEE - ROOOOOOOO!!!!

COMUNICAZIONE URGENTE:

Oggi alle ore 13,00 il Gazzettino Padano annunciava il ritrovamento di due scalatori improvvisati del sabato, con un principio di assideramento.
Un soccorritore intervistato raccontava che il più anziano balbettando diceva: lascatemi stare, io sono il Presidente del Briscolone Club e devo proseguire comunque fino alla meta stabilita, non passo fare un passo indietro, devo concludere la mia legislatura e dare l'esempio a tutti i soci che un vero capo non si arrende mai, aiutate il mio amico, lui è un Principe.

Quale decisione avranno preso i soccorritori?
Amici del Briscolone non sarà forse meglio andare a riprenderci il nostro Presidente e il Principe?

pricipe

Spiace deludere qualcuno , ma purtroppo e' stata veramente una bellissima giornata sotto tutti gli aspetti sia meteorologici che di compagnia (la marmotta e' sempre la marmotta ).Spiaciuto che non abbiate potuto partecipare a causa di impegni gia' presi vi aspetto alla prossima gita (x chi desidera partecipare ).
Un saluto dal PRINCIPE SCALATORE

pasi

Confermo: giornata stupenda, compagnia magnifica, incontri spettacolosi.
Cosa vi siete persi!
Freddo?
Ah ah ah!
Ma se vestivo con  braghini corti!
Sono indeciso: scrivo il reportage... o v' inculate?

Mendy

Questa mattina alla messa della 10.30, quando il Parroco ha invitato i bambini a dare il segno della pace agli anziani, ho visto gli sguardi di alcuni soci presenti cercare il Gères.....
Il Gères, probabilmente pensando alla forsa che si sente nelle braccia, ha pensato bene di NON presentarsi alla messa come d'abitudine.

Tempismo (che neanche il Berlusca in Procura) o  attensione al prossimo per il timore di far male stringendo mani....con tutta la forsa che abbiamo nelle braccia!!!

Da parte mia, mani in tasca e sorriso di circostanza...il motto è STRINGERE MANI MA CON MODERASSIONE!!

Che vigore, che natùra!!!!!

principe

TANTI TANTI AUGURI AL NOSTRO SOCIO ING.MENDY
Stasera tutto solo spegnera' le candeline sulla torta!
Torna fra noi che ti festeggiamo a dovere (palpata inclusa )

Bentornati agli scalatori.. che sia la volta buona che ci portino marmotta? mah?

Intanto posso dire che ho tanta di quella forsa nelle mani che ho infin paura di rompere il cellulare..

Gerets non la senti anche tu una gran forza nelle mani?

Oggi ne ho sentita un'altra:

viva la filépa e toi chéi che i la ....

aggiungete voi!!

viva la forsa nelle mani!

pasi

Sgépa !
Lèpa è fin troppo facile.
Comunque, più che la marmotta, l' incontro clou della giornata di ieri è stato un drammatico incontro con un cinghiale.
Drammatico per lui.
In effetti è stato presentato noi ( al rifugio) in forma di spezzatino , affogato in sugo di pomodoro patate carote e sommerso da una badilata di polenta semitaragna.
Come contorno una bella assietta di formaggi da far invidia al miglior Dentella Carrobbio Pesenti   Pelè do Nascimento Cico Cayetano Felipe Gonzales ecc ecc.
A proposito: sicuri che il Mendy trascorra solin soletto il compleanno?
Non è che con le sue braccia forti stia serrando in questo momento una bella cinghialotta toscana?
E  che tra un po' , terminati i preliminari di prima  superficie , prima la lèpi e poi la sgèpi??
Dovrà solo ricordarsi di voltare dall' altra parte la fotografia incorniciata  sul comodino ritraente la sua famiglia.

beppe

PRIMA CHE IL TEMPO SCADA VORREI TANTO PORGERE AL SOCIO MENDY GLI AUGURI DI BUON COMPLEANNO.

P.S.
SI AGGIUNGONO AGLI AUGURI:
- IL TIGIO
- IL MANCA
- ROTOLO
- SCHINTU'
- LIGABO'
- IL CANTAGALLO CON PELE'(SENSA MAGLIA)

Mi spiace Mendy della mia assenza di domenica mattina, avrei scambiato volentieri il segno della pace con un giovane come te, ma fortunatamente ho una mamma di 86 anni e l'ho accompagnata volentieri a scambiare il segno di pace con giovani di un' altra parrocchia: la mia assenza è stata solo casuale.
Mendy le candeline falle spegnere alla marmotta Tosca.... montana che gli scalatori hanno tanto descritto.
E come gli ansiani dicono: auguri e figli maschi, una figlia femmina già ce l'hai, attendiamo il prossimo.  

Mendy

Suggerisco di terminare la poesia con Lèpa ...perchè Sgèpa si adatta meglio a cose fatte con le mani, vista la Gran Forsa che ci abbiamo dentro (nelle mani appunto) !!

Domenica stavo accarezzando con la mano (in modo casto) il cocker dei suoceri e lui (il cocker) mi ha detto:"Oh fa a pianì che ta ma sgèpet al pìl! Che forsa che ta ghèt nèle mà!!"
E poi è andato via claudicante.

Per il compleanno ho provato a mettere le candeline sulla torta ma con tutta la Forsa che ho nelle mani...le ho sgeppate tutte!! E sembra che l'anno prossimo la Forsa sarà ancora di più!!!

A tutti un festoso saluto

pasi

Gerets, la battuta ( ??? ) sulla marmotta Tosca... montana  è da stracult.
Per la gente che non capisce un cavolo di teatro umoristico d' avanguardia la si può rendere meno ostica inserendo un trattino: Marmotta Tosca... monta - na.
Oppure: Marmotta Tosca mon - tana.
Comunque è sempre roba per fini intenditori.
Mica il Pile che si presenta con il viva alla filepa e toi chèi che i la...
Che buzzurro!
Per quanto riguarda il Mendy, commentare sul Blog alle 7.40 del mattino, è proprio roba da disperati.
Se ne sarà andato poi claudicante ad immergersi nel lavoro?

Mendy

Mi sembri una suocera...

Se non commento è perchè non commento, se commento o è troppo presto... o, adesso sono le 20.03  , è troppo tardi? Che pignàta da fasòi!

principe

OK il centesimo commento e' mio!!!!
X festeggiare SABATO 29 , ripeto x i piu' duri di comprendonio SABATO 29 OTTOBRE 2011 a casa mia SERATA BRISCOLONE.
Il PRESIDENTE va a Gallarate questo week end quindi per il prossimo e' libero , aspetto adesioni alla serata , avete tempo x pensarci ma non troppo.
MENDY il weekend e'lungo,so che fai il ponte del PO ma credo che farai anche il ponte con il lavoro, quindi almeno x il sabato sera spero sarai dei nostri.
ASPETTO ADESIONI

pasi

Principe, sabato 29 ottobre non sono libero purtroppo.
Devo venire a casa tua per festeggiare.
Mi dispiace.
Sarà per la prossima volta.

pasi

Le 3.59.
Ecco Mendy: questo sì che è un orario per commentare!

Mendy

20.58 va bene?

Se non va bene, vai a cacare

pasi

Le 21 sarebbero state meglio: è l' orario nel quale timbro il cartellino d' uscita quando lavoro il secondo turno.
Ha per me un profondo significato emotivo.
Nel senso che è la fabbrica, che mando a cagare.

Aggiungi Commento

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading